Wall Street è crollata mentre un mercato del lavoro ristretto è stato alimentato dal disagio della Fed

  • Procter & Gamble cade dopo un avvertimento sulla pressione dei costi delle materie prime
  • Netflix scende davanti ai risultati trimestrali
  • Dow Jones giù dello 0,36%, S&P 500 giù dello 0,35%, Nasdaq giù dello 0,55%

NEW YORK (Reuters) – Gli indici azionari statunitensi sono scesi giovedì dopo che i dati che indicano un mercato del lavoro teso hanno alimentato i timori che la Federal Reserve manterrà il suo percorso aggressivo per aumentare i tassi di interesse e provocare un errore politico che potrebbe far precipitare l’economia in recessione. .

Un rapporto del Dipartimento del lavoro ha mostrato che le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione erano inferiori alle attese, indicando che il mercato del lavoro rimane forte nonostante gli sforzi della Federal Reserve per soffocare la domanda di lavoratori.

Le aspettative che la banca centrale ridurrà l’entità degli aumenti dei tassi di interesse quando annuncerà la sua politica il mese prossimo sono rimaste invariate nel rapporto. Gli investitori hanno cercato segnali di debolezza nel mercato del lavoro come componente chiave per la Federal Reserve per rallentare le sue misure di inasprimento della politica.

Richiesta indennità di disoccupazione

Altri dati hanno mostrato che l’attività manifatturiera nella regione del Mid-Atlantic è tornata a rallentare a gennaio, mentre i dati del Dipartimento del Commercio hanno confermato il continuo rallentamento del mercato immobiliare.

“Hai due tipi di dati che sono completamente opposti: uno si sta indebolendo nei dati di spesa e cose del genere, e d’altra parte sono ancora dati sull’occupazione abbastanza forti”, ha affermato Peter Tose, presidente di Chase Investments a Charlottesville, Virginia.

“È una specie di altalena, non sai cosa farà la Fed in termini di aumento di nuovo dei tassi di interesse, fino a che punto, mantenendolo stabile, esagereranno?”

READ  I futures sulle azioni sono in rialzo dopo una settimana volatile, gli investitori attendono i rapporti sugli utili futuri

Media industriale del Dow Jones (.DJI) L’indice Standard & Poor’s 500 è sceso di 119,6 punti, o dello 0,36%, a 33.177,36. (.SPX) Ha perso 13,93 punti, o lo 0,35%, a 3.914,93 punti e il Nasdaq Composite. (diciannovesimo) È sceso di 60,48 punti, o dello 0,55%, a 10.896,53 punti.

I recenti commenti dei funzionari della Federal Reserve continuano a evidenziare lo scollamento tra la visione della banca centrale del tasso di interesse finale e le aspettative del mercato.

La presidente della Fed di Boston, Susan Collins, ha fatto eco ai commenti di altri politici a sostegno della tesi di tassi di interesse più elevati oltre il 5%. Il vicepresidente della Fed Lyle Brainard ha affermato che la Fed sta ancora “guardando” al livello dei tassi di interesse che saranno necessari per controllare l’inflazione.

Tuttavia, i mercati vedono un tasso di interesse finale del 4,89% entro giugno, in gran parte prezzato da un aumento del tasso di 25 punti base da parte della banca centrale statunitense a febbraio, con tagli dei tassi nella seconda metà dell’anno. .

L’S&P 500 e il Dow erano entrambi sul punto di scendere per la terza seduta consecutiva, la serie di ribassi più lunga in un solo mese.

Sul fronte degli utili, Procter & Gamble Co (PG.N) È sceso dell’1,04% dopo l’avvertimento che i costi delle materie prime stavano esercitando pressioni sugli utili, nonostante l’aumento delle previsioni di vendita per l’intero anno.

Gli analisti ora si aspettano che gli utili delle società S&P 500 anno su anno diminuiscano del 2,8% per il quarto trimestre, secondo i dati di Refinitiv, rispetto a un calo dell’1,6% all’inizio dell’anno.

READ  Sam Bankman Fried ha accettato di testimoniare davanti al Comitato della Camera

società Netflix (NFLX.O) È sceso dello 0,94% prima dei risultati previsti dopo la campanella di chiusura di giovedì, quando si prevede che riporterà la crescita dei ricavi trimestrali più lenta.

Le emissioni basse superavano quelle alte sul NYSE con un rapporto di 1,50 a 1; Sul Nasdaq, il rapporto era di 1,63 a 1 a favore dei titoli in calo.

S&P 500 raggiunge il nuovo massimo di 52 settimane e due nuovi minimi; L’indice Nasdaq ha registrato 37 nuovi massimi e 31 nuovi minimi.

(Segnalazione di Chuck Mikolajczak), Montaggio di Deba Babbington

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply