Wall St Week Ahead Gli investitori si chiedono quando finirà il sell-off delle azioni statunitensi

Un trader specializzato opera presso la New York Stock Exchange (NYSE) a New York City, USA, il 22 settembre 2022. REUTERS/Brendan McDermid

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

NEW YORK (Reuters) – Una settimana di vendite pesanti ha scosso le azioni e le obbligazioni statunitensi e molti investitori si stanno preparando per ulteriori sofferenze.

Le banche di Wall Street stanno adeguando le loro previsioni per il conto della Federal Reserve che non mostra prove di una flessione, indicando un ulteriore inasprimento in vista per combattere l’inflazione dopo un altro aumento dei tassi questa settimana.

L’S&P 500 è sceso di oltre il 22% quest’anno. Venerdì, è sceso brevemente al di sotto del minimo di chiusura di metà giugno di 3666, cancellando una forte ripresa estiva delle azioni statunitensi prima di ridurre le perdite e chiudere al di sopra di quel livello.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Il mercato sta attraversando una crisi di fiducia”, ha affermato Sam Stovall, analista di investimento senior presso CFRA Research, con l’intenzione della Fed di aumentare i tassi di interesse più del previsto.

Se l’S&P 500 chiudesse al di sotto del minimo di metà giugno nei prossimi giorni, ha affermato Stovall, potrebbe innescare un’altra ondata di vendite pesanti. Ciò potrebbe inviare l’indicatore fino a 3200, che è in linea con il calo storico medio nei mercati ribassisti che coincide con le recessioni.

Sebbene i dati recenti abbiano mostrato che l’economia statunitense è relativamente forte, gli investitori temono che l’inasprimento della Fed possa portare alla deflazione. Leggi di più

READ  I futures scendono per iniziare la settimana con dati chiave sull'inflazione e guadagni imminenti
Cronologia del mercato

Il crollo dei mercati obbligazionari ha aumentato la pressione sulle azioni. I rendimenti del Treasury a 10 anni di riferimento, che si muovono inversamente ai prezzi, hanno recentemente raggiunto circa il 3,69%, il più alto dal 2010.

Rendimenti più elevati sui titoli di stato possono indebolire l’attrattiva delle azioni. I titoli tecnologici sono particolarmente sensibili all’aumento dei rendimenti perché il loro valore dipende fortemente dagli utili futuri, che vengono ulteriormente scontati quando i rendimenti obbligazionari aumentano.

Michael Hartnett, capo analista degli investimenti di BofA Global Research, ritiene che l’inflazione più elevata potrebbe spingere i rendimenti dei Treasury USA al 5% nei prossimi cinque mesi, esacerbando le vendite di azioni e obbligazioni.

“Stiamo dicendo che nuovi massimi dei rendimenti equivalgono a nuovi minimi delle azioni”, ha affermato, stimando che l’S&P 500 scenderà a 3.020, a quel punto gli investitori dovrebbero “indulgere” nelle azioni.

Nel frattempo, Goldman Sachs ha abbassato il suo obiettivo di fine anno per l’indice S&P 500 del 16% a 3.600 punti da 4.300.

“Sulla base delle discussioni dei nostri clienti, la maggior parte degli investitori azionari ha ritenuto che uno scenario di atterraggio duro sia inevitabile”, ha scritto l’analista di Goldman David Kostin. Leggi di più

Gli investitori sono alla ricerca di segnali di un punto di capitolazione che si avvicina al fondo.

Il Cboe Volatility Index, noto come indicatore della paura di Wall Street, è salito sopra 30 venerdì, il suo punto più alto dalla fine di giugno ma al di sotto del livello medio di 37 che ha visto un aumento delle vendite ai minimi di mercato precedenti dal 1990.

READ  US SEC a Elon Musk: per quanto riguarda i tuoi tweet, l'accordo è un accordo

I fondi obbligazionari hanno registrato deflussi di $ 6,9 miliardi nella settimana fino a mercoledì, ha affermato la Bank of America in una nota di ricerca, citando i dati EPFR, mentre $ 7,8 miliardi sono stati rimossi dai fondi azionari e gli investitori hanno investito $ 30,3 miliardi in contanti. La banca ha affermato che il sentimento degli investitori è stato il peggiore dal crollo finanziario globale del 2008.

Kevin Gordon, direttore senior della ricerca sugli investimenti di Charles Schwab, ritiene che ci siano altri aspetti negativi in ​​vista dell’inasprimento della politica monetaria delle banche centrali in un’economia globale che sembra già indebolirsi.

“Ci vorrà più tempo per uscire da questa situazione difficile non solo a causa del rallentamento in tutto il mondo, ma anche perché la Fed e le altre banche centrali si stanno dirigendo verso un rallentamento”, ha detto Gordon. “È una combinazione tossica di attività rischiose”.

Tuttavia, alcuni a Wall Street affermano che i cali potrebbero essere stati esagerati.

“La vendita è diventata casuale”, ha scritto Keith Lerner, chief investment officer di Trustee Advisory Services. “La maggiore probabilità di un breakout dell’S&P 500 di giugno potrebbe essere ciò che serve per evocare una paura più profonda. La paura spesso porta a minimi a breve termine”.

Jake Jolly, analista di investimento senior di BNY Mellon, ha affermato che il segnale principale da tenere d’occhio nelle prossime settimane sarà quanto saranno nettamente inferiori le stime degli utili aziendali. Ha detto che l’S&P 500 è attualmente scambiato a circa 17 volte gli utili previsti, ben al di sopra della media storica, indicando che la recessione non è stata ancora valutata sul mercato.

READ  I futures Dow salgono con la forza di Tesla, United Airlines aumenta i profitti dopo che Netflix ha fatto rabbrividire il Nasdaq

Jolly ha affermato che è probabile che la recessione spingerà l’indice S&P 500 a scambiare tra 3.000 e 3.500 nel 2023.

“L’unico modo per vedere i guadagni non contrarsi è se l’economia può evitare una recessione, e in questo momento non sembra essere il migliore”, ha detto. “È molto difficile essere ottimisti sulle azioni fino a quando la Fed non progetterà un atterraggio morbido”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Riferisce David Randall). Segnalazione aggiuntiva di Saqib Iqbal Ahmed. Montaggio di Ira Yusbashvili, Nick Ziminsky e David Gregorio

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply