Voci commerciali di Donovan Mitchell: Knicks e Heat-Winters tra le possibili destinazioni per Jazz All-Star Ranger

Danny Aing è un uomo radicale. O è tutto per vincere il campionato, come è stato quando ha cambiato tutto Boston Celtics“La giovinezza di Kevin Garnett e Ray Allen nell’estate del 2007 – o è finita. Quando è diventato chiaro che i Celtics non erano più un contendente valido per il campionato, hanno sostituito Garnett e Paul Pierce con un pieno futuro di un colpo.

Questo ha sempre reso l’idea che un file Utah Jazz Donovan potrebbe trattenere Mitchell dopo aver affrontato Rudy Gobert in modo divertente. Niente ad Ainge suggerisce che sarebbe interessato a inseguire il campionato di gioco per un anno o due prima che Mitchell si faccia finalmente strada verso un contendente di sua scelta. L’indifferenza è molte cose. Phantom non è uno di loro. Una volta che è diventato chiaro che il jazz nella sua versione precedente non avrebbe mai vinto un campionato, un riavvio su larga scala che coinvolgesse gli scambi sia di Mitchell che di Joubert è sembrato inevitabile.

Quindi, mentre costruiamo potenziali accordi con Mitchell alla luce degli accordi di Adrian Wojnarowski, Segnala la disponibilità di All Star KeeperDobbiamo farlo attraverso la lente delle ambizioni di Ainge. Questo non è un uomo conosciuto a metà. Non vorrebbe fare un accordo che renderebbe il jazz in qualche modo competitivo. Il nome del gioco qui è Choices and Rise. In un mondo ideale, lo Utah atterrerebbe risorse che ripagherebbero senza minacciare i suoi immediati sforzi di carri armati. Ecco le prime cinque band che sono le migliori per offrire al jazz un tale pacchetto.

Hai sicuramente sentito parlare di comunicazioni ormai. Mitchell è rappresentato dalla Civil Aviation Authority. Il presidente dei Knicks Leon Rose una volta gestiva le operazioni di basket della CAA. Mitchell è cresciuto nel vicino Connecticut. Suo padre lavorava per i New York Mets. L’interesse qui è quasi certamente reciproco. La domanda è il prezzo.

I Knicks possono inviare a jazz tanto capitale quanto un abbonato quanto chiunque altro. Hanno otto scelte scambiabili nel primo round, di cui quattro proprie. A Immanuel Quickley, Obi Toppin e Quentin Grimes, hanno un gruppo di giovani ragazzi interessanti dello Utah per cogliere l’opportunità. Ma la serie di vittorie qui è probabilmente il numero 3 RJ Barrett dell’anno precedente. Dopotutto, se i Knicks avessero scambiato tutto con Mitchell, non avrebbero avuto margini di miglioramento. Accoppiare Mitchell, 25 anni, con Barrett, 22, e Jalen Bronson, 25, darebbe a New York tre piccole pietre su cui crescere.

Barrett sarà un rompicapo per lo Utah? Probabilmente no, soprattutto date le limitazioni che gli altri corteggiatori devono affrontare qui. Se i Knicks mettessero sul tavolo sette o otto run del primo round, nessun altro lo batterebbe. In questo momento, sono al posto di guida con o senza Barrett, e questo probabilmente si adatta perfettamente a uno Utah. Comunque è troppo bello per essere usato correttamente.

Un capitale di rischio limitato a Miami renderà difficile il commercio di Mitchell. Gli Heat non hanno scelte esterne dal primo round e ne devono una nel 2025 a Tuono di Oklahoma City. Allo stato attuale, possono inviare scelte del primo round Jazz a due e tre scambi e Nikola Jovic del primo round del 2022. Se sono un po’ creativi con il linguaggio delle scelte, possono mandare un terzo jazz, ma questa strategia non è priva di rischi. La protezione sulla scelta che devono ai Thunder potrebbe ritardare il suo trasferimento fino al 2026 e, in tal caso, gli Heat possono scambiare legalmente la loro scelta del 2028 solo in base ad alcune importanti regole CBA.

La regola Stepien impedisce alle squadre di essere prive di una scelta dal primo round nei draft back-to-back. La “regola dei sette anni” impedisce ai team di scambiare scelte selezionate per più di sette anni. In altre parole: The Heat potrebbe offrire le sue scelte per il 2023, 2027 e 2029 a Mitchell a condizione che le scelte del 2025 diventino Thunder, ma se la scelta Thunder protetta dalla lotteria non verrà trasferita nel 2025, la scelta del 2027 verrà annullata al 2028 e al 2029 dovrebbero essere convertiti in secondi perché il 2030 è a più di sette anni di distanza.

Tuttavia, lavorare per Miami è l’interesse a lungo termine di Ainge per Hero. Si dice che fosse molto interessato ad aggiungere l’ex star del Kentucky con la 14a scelta nel draft 2019, ma Miami lo ha strappato in un punto prima. Se Ainge vede Herro come la pietra angolare del suo elenco post-Mitchell, prenderà in considerazione lo spettacolo di Miami.

Una breve nota da notare: mentre Mitchell e Pam Adebayo sono entrambi in alcuni tratti da junior, possono giocare legalmente nella stessa squadra perché Miami ha arruolato Adebayo. Tuttavia, Mitchell non può giocare nella stessa squadra di Ben Simmons, che ha anche un certo contratto da rookie, ma è stato ceduto a Brooklyn. Le squadre possono contenere alcuni giocatori alle prime armi a condizione che almeno uno di loro sia stato arruolato dalla rispettiva squadra. A proposito di Brooklyn…

Come abbiamo discusso, Simmons e Mitchell non possono giocare entrambi per i Nets la prossima stagione. Quindi… e se Simmons fosse in un’altra squadra? Ecco lo scenario: i Nets scambiano Kevin Durant con una squadra in grado di fornire loro sia scelte al draft che veterani di alto profilo (diciamo i Toronto Raptors a causa della loro scorta infinita di ali). Quindi si girano e girano Simmons altrove per le scelte al draft e, come previsto, scambiano Kyrie Irving con Lakers Più capitale di rischio. Improvvisamente, tra tre accordi, le reti un tempo sterili hanno accumulato abbastanza scelte per trasferirsi nello Utah per Mitchell e, attraverso Durant, hanno anche accumulato abbastanza talenti di supporto attorno a Mitchell per competere in modo affidabile in un futuro abbastanza prossimo (diciamo un mix Pascal Siakam), Fred Van Vliet, OG Anunoby, Gary Trent Jr. e la preziosa Achiuwa).

Non è un contendente istantaneo, ma non è nemmeno inferiore, vero? È almeno un inizio, una struttura costruita su un All-Star di 25 anni che sembra voler essere nella loro città e uno staff di supporto cresciuto dalla migliore infrastruttura di sviluppo NBA. Dato quanto siano limitate le opzioni di Brooklyn al momento, potresti probabilmente fare molto peggio che ricominciare da capo con Mitchell.

Il vero problema qui è la meccanica dell’accordo. Ci sono molte parti mobili da considerare. C’è un corteggiatore disposto a consegnare più giocatori al primo turno per Simmons? Il Minnesota era quello ovvio, ma ha dato tutto a Joubert. Forse Cleveland? E Durant accetterebbe scambi con qualsiasi destinazione diversa da Phoenix o preferirebbe Miami? Riusciranno i Lakers a tirar fuori prima un secondo giocatore per Irving? Perché Brooklyn sia fattibile devono succedere molte cose. La strada c’è se le reti vogliono prenderla, ma è insidiosa.

Diciamo che Toronto non è particolarmente entusiasta di fare trading con il 34enne Durant. Mitchell potrebbe essere una valida alternativa? Toronto è così pieno di fasce difensive che proteggerlo in fondo al campo sembra più che possibile. Il suo punteggio da solista è esattamente ciò che gli è mancato dalla partenza di Kawhi Leonard, e la sua giovinezza e tre anni al controllo della squadra rimanente daranno loro una tribuna da costruire attorno a lui.

Ma la domanda fondamentale qui è la stessa di quella che deve affrontare Toronto riguardo a Durant: i Raptors introdurranno Scotty Barnes? La risposta è probabilmente no. Barnes è una potenziale futura star. Ma Mitchell è una star SubitoE, a differenza di Durant, probabilmente rimarrà così per qualche tempo. I Raptors possono concedere parte del vantaggio nel prendere la cosa sicura, ma stanno eliminando la maggior parte dei rischi della stagnazione della crescita di Barnes. Se diventerà una star affermata come Mitchell, la sua crescita sarà considerata un successo.

Ha scambiato i Raptors per una star che non aveva mai voluto essere a Toronto una volta prima. Perdere Leonard probabilmente spaventerà Toronto fuori gara. A meno che Mitchell non esprima un vivo interesse nell’unirsi ai Raptors, Barnes è semplicemente troppo prezioso nella speranza che Mitchell sia entusiasta di essere un Raptor e possa portarti a un campionato. Tuttavia, se dovessero rinunciare a Barnes per qualsiasi cosa, il 25enne All-Star sarebbe probabilmente tra le loro prime scelte.

Questa è una di quelle idee che ha più senso sulla carta che nella realtà. Mitchell è migliore di CJ McCollum. È anche mezzo decennio più giovane. New Orleans ha fino a sei scelte scambiabili nel primo round e due di esse possono essere scelte dei Lakers molto apprezzate. Se New Orleans fosse principalmente interessata a massimizzare la finestra del titolo, allora capovolgere McCollum su alcune risorse e poi andare da Mitchell con tutto avrebbe molto senso.

Ma il basket non si gioca sulla carta. Le squadre semplicemente non scambiano stelle affermate solo per sostituirle intenzionalmente dopo sei mesi. McCollum è stata una voce chiave negli spogliatoi la scorsa stagione. Non smantelleranno ciò di cui una squadra era felice la scorsa stagione per dare la caccia a un giocatore di frontiera nella NBA che rappresenterebbe solo una modesta promozione rispetto all’incumbent. Non è così che funziona il basket. Se è così, allora è possibile che i Pelicans stiano corteggiando Durant in modo più aggressivo al momento.

Quindi no, probabilmente ai Pelicans non piace Mitchell. Sono solo una delle poche squadre con le risorse per prenderlo mentre rimangono competitive a lungo termine. Alla fine, i Pelicans probabilmente spingeranno le loro chips a una terza stella insieme a Zion Williamson e Brandon Ingram. Mitchell probabilmente non lo farà.

READ  Il portale di trasferimento sta per diventare ancora più brutale quando la NCAA consente ai giocatori di trasferire più volte

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply