Viola Davis risponde alla polemica clamorosa sul “Boicottaggio della donna del re”

Viola Davis e Lashana Lynch ne Il re delle donne

Viola Davis e Lashana Lynch ne Il re delle donne
immagine: Immagini Sony

Durante il fine settimana, nonostante non siano noti indirizzi IP, connessioni in franchising o un grosso jet da combattimento, re donna Sali in cima al botteghino con a Apertura da 19 milioni di dollari. È stato un successo improbabile che potrebbe non essere così appariscente Vendicatori: Fine del giocoÈ un’apertura da 300 milioni di dollari, ma è eccitante avere un’epopea d’azione originale in cima al botteghino, tanto per cambiare. Non è nemmeno necessario guardare un altro film prima di vederlo re donna.

Tuttavia, coloro che hanno letto del Regno di Dahomey prima del film lo hanno fatto Alcune preoccupazioni. Regno di Dahomey che re donna Racconta una storia per lo più di fantasia, è stato coinvolto nella tratta degli schiavi e i critici online del film hanno accusato il suo ritratto di imbiancare e glorificare i commercianti di schiavi. parlare con diversoDavis e il suo co-protagonista, partner di produzione e marito Julius Tennon Difendi prima il film Esprimendo l’inutilità di litigare con le persone sui social media.

“Sono d’accordo con [director] “Il detto di Gina Prince-Bythwood è che non vincerai una discussione su Twitter”, ha detto Davis. “Siamo entrati nella storia in cui il regno era in mutamento, a un bivio. Stavano cercando un modo per mantenere in vita la loro civiltà e il loro regno. Non furono spazzati via fino alla fine del 19° secolo. La maggior parte della storia è di fantasia. Dev’essere.”

Tenon ha continuato descrivendo il film come “divertente” e ha insistito sul fatto che la produzione dovrebbe “far divertire le persone” perché altrimenti, “Sarebbe un documentario”. Se il film non è divertente, poi Le persone nei cinema non faranno le stesse cose che abbiamo visto questo fine settimana. Non volevamo vergognarci della verità. la storia è enorme, Ci sono fatti al riguardo. Se le persone vogliono saperne di più, possono indagare ulteriormente”.

In definitiva, Davis insiste sul fatto che il film esamini le donne che sono state costrette a combattere o hanno affrontato la morte. “Sono stati reclutati tra gli otto ei quattordici anni”, ha detto Davis. Il re li ha reclutati per combattere per il regno di Dahomey. Non potevano sposarsi o avere figli. Coloro che hanno rifiutato la chiamata sono stati decapitati”.

Davis doesn’t seem too concerned with the criticism. Earlier this year, she responded to calls for boycotts: “ non venire a vederlo, stai inviando un messaggio che le donne nere non possono aprire una finestra I biglietti sono in tutto il mondo e tu sostieni questa narrativa.“Ma parla con diverso, incentrata sulla positività che ha sperimentato nel divertimento del pubblico. “Oggi ho visto un video di TikTok di donne in un bagno al teatro AMC e non credo che si conoscessero. Stavano tutti applaudendo e meditando. Questo non può essere misurato a parole”.

READ  La coppia reale britannica intraprende un tour dei Caraibi dopo aver protestato in Belize

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply