Vincitori e perdenti di Martinsville – NASCAR Talk

Uno sguardo ai prossimi vincitori e vinti Sabato Night Race a Martinsville Speedway

Vincitori

William Byron: Certo, il passaggio è stato difficile durante la gara di 403 giri, ma non confonderlo come una vittoria immeritata per Byron. Il 24enne è ora alla sua quinta stagione in Coppa e si è adattato rapidamente all’auto di nuova generazione, e meglio di altre. Byron è terzo nella media mobile della serie con otto gare (10.425) appena dietro Ryan Blaney E Insegui Elliot Ora ha collezionato due vittorie quest’anno, la prima volta che ha vinto così tante gare in una stagione. Nonostante la sua giovane età, sfida rapidamente Byron come leader nella formazione già accumulata di Hendrick Motorsports.

Joey Logano: Il Lugano è arrivato secondo a Martinsville e sta ancora inseguendo la sua prima vittoria stagionale a punti, ma potrebbe esserci stato un vantaggio dal suo successo a Clash al Coliseum di febbraio. Su un tracciato di un quarto di miglio costruito all’interno del Los Angeles Memorial Coliseum, Lugano è volato alla vittoria nella gara di esibizione. La forma e le dimensioni della pista differiscono da quelle di Martinsville, ma le piste più corte offrono comunque opportunità di apprendimento e la Ford n. 22 ha ottenuto la terza migliore posizione di corsa della notte e il quinto giro più veloce, secondo i dati del circuito NASCAR.

Austin Dillon: Dillon ha già fatto alcune grandi gare in questa stagione e ha aggiunto un altro sabato sera, finendo terzo a Martinsville. La Chevrolet n. 3 era seconda e vacillava su Byron man mano che la gara andava avanti, ma Dillon ha rotolato le gomme nei tempi supplementari di ripartenza dopo aver scelto di ripartire dietro Byron. Sabato segna il secondo posto di Dillon tra i primi cinque di quest’anno e il terzo consecutivo tra i primi 10.

READ  Clayton Kershaw se ne andrà a causa di un infortunio contro i Titans

Ross Chastain: Chastain è stato fuori dai giochi per la maggior parte della gara a Martinsville, con una media di 14,5 corse per tutta la notte. Ma la Chevrolet n. 1 era nel mix quando contava di più, finendo quinta e finendo quinta nelle ultime sei gare. Chastain e il suo equipaggio hanno fatto un passo indietro a Richmond arrivando 19°, ma sabato sera gli spettacoli erano probabilmente molto lontani.

Insegui Elliot: Elliott è stato impeccabile durante le due fasi iniziali, conducendo ciascuno dei primi 185 giri e registrando tutte le vittorie di tappa, ma il campione della serie 2020 non è riuscito a superare una sola posizione persa su una pit-road. Con il passaggio difficile, Elliott non si è mai ripreso dalla perdita del comando a favore di Byron durante la pausa della fase 2 ed è arrivato 10 °. Con i suoi punti di tappa e una notevole costanza, Elliot lascia a Martinsville un vantaggio di punti e un quinto nella top 10. L’unico nono posto della squadra fuori dai primi 15 è 26, il risultato dell’attrito tardivo dell’Auto Club con un compagno di squadra Kyle Larson.

perdenti

Denny Hamlin: È raro vedere un’auto della Joe Gibbs Racing lottare duramente come la Toyota numero 11 ad Hamlin per tutto il fine settimana. Hamlin, cinque volte vincitore nell’ovale clamp, non ha mai mostrato una buona velocità nelle prove libere prima di qualificarsi per il 25° posto. La gara non avrebbe potuto essere migliore, entrando in anticipo e non recuperando mai sulla strada per il 28esimo, tre giri. Richmond sembrava un segnale positivo. Hamlin è andato anche sulla corsia della vittoria per la prima volta nei suoi primi 10 posti quest’anno. Ma le lotte sono tornate in modo brutto sabato sera.

READ  Wilde aggiunge gli accordi di Florey, Kahkonen e Rask nella scadenza degli scambi NHL

Martin Truex Jr.: Truex ha vinto tre dei cinque precedenti eventi di Martinsville. Ma l’auto n. 19 è stata parcheggiata tutta la notte, con una media di 18,64 posizioni di partenza prima di finire 22a, due volte sotto. Truex, insieme a Daniel Suarezun calo di quattro punti, portando Truex al settimo posto dopo un’impressionante gara a Richmond una settimana fa, che lo ha visto condurre 80 giri e vincere una tappa.

Cole Custer: Custer si è qualificato per il terzo posto e ha dimostrato all’inizio che non è stato un colpo di fortuna dato che la Ford numero 41 è entrata tra i primi cinque per l’interezza delle prime due fasi. Ma una penalità su strada ai box ha fatto deragliare la giornata del pilota della Stewart-Haas Racing. Dopo un pit stop alla conclusione della tappa 2, Custer è stato penalizzato per una violazione delle gomme, mandandolo in fondo al campo per una ripartenza. Custer non è riuscito a recuperare ed è arrivato 21 °, un giro in meno.

Kyle Larson: Larson non eccelle mai a Martinsville, ma sabato si è rivelata un’altra dura corsa per il campione della serie. Il centro di corsa di Larson aveva una media di 13,03 ma alla fine è arrivato 19°, e il risultato è stato sicuramente influenzato dalla penalità di velocità su una pit road al 303° giro in condizioni di bandiera verde. Larson è arrivato 19 ° o peggio in cinque delle otto gare di apertura della stagione. I suoi altri tre risultati provenivano tutti dai suoi primi cinque, inclusa la sua vittoria all’Automobile Club.

READ  I Vegas Golden Knights sono ufficialmente retrocessi e salteranno per la prima volta i playoff della Stanley Cup

Cristoforo Bell: Bale ha mostrato una buona velocità per tutta la gara di sabato e ha combattuto tra i primi cinque per gran parte della notte. Ma una penalità di 20 passaggi della squadra è stata inflitta ai membri del suo equipaggio che hanno saltato il muro troppo presto sul percorso dei box. Nonostante una posizione media in corsa di 9,57, Bell ha concluso al 20 ° posto, la prima macchina sotto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply