Venezia, le mani di Quinn che escono dal mare

| Alla Biennale Viva Arte Viva |

0
3433

Redazione Umbria libera

pubblicato il 13 maggio 2017 18:32:36

Dalla Biennale di Venezia 2017 Che apre al pubblico da sabato 13 maggio a domenica 26 novembre 2017, ai Giardini e all’Arsenale, la 57.

Ecco un assaggio.

Dall’acqua del Canal Grande emergono due gigantesche mani, ad abbracciare Ca’ Sagredo, vicino alla Ca’ d’Oro.

Le ha realizzate lo scultore Lorenzo Quinn, artista di fama internazionale, figlio dell’attore Anthony Quinn e della costumista veneziana Iolanda Addolori.

Un’opera di grande impatto visivo ed emotivo, e che non è possibile ignorare. Con il patrocinio del comune di Venezia, promossa da Halcyon Gallery con il sostegno di Ca’ Sagredo Hotel.

Una mega scultura, con braccia di 8-9 metri d’altezza che sembrano uscire all’improvviso dall’acqua per abbracciare, sorreggere , e chissà, forse abbattere, Ca’ Sagredo, vicino a Ca’ d’Oro.

La Biennale VIVA ARTE VIVA

Esposizione Internazionale d’Arte dal titolo VIVA ARTE VIVA, curata da Christine Macel e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. La vernice si è svolta nei giorni 10, 11 e 12 maggio, la cerimonia di premiazione e di inaugurazione sabato 13 maggio 2017.

VIVA ARTE VIVA si sviluppa intorno a nove capitoli o famiglie di artisti, con due primi universi nel Padiglione Centrale ai Giardini e sette altri universi che si snodano dall’Arsenale fino al Giardino delle Vergini. 120 sono gli artisti partecipanti, provenienti da 51 paesi; di questi, 103 sono presenti per la prima volta nella Mostra Internazionale del curatore.

La Mostra è affiancata da 85 Partecipazioni Nazionali negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia. Sono 3 i paesi presenti per la prima volta: Antigua e Barbuda, Kiribati, Nigeria.

Il Padiglione Italia alle Tese delle Vergini in Arsenale, sostenuto e promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane, è curato quest’anno da Cecilia Alemani.

Anche per questa edizione sono inclusi selezionati Eventi Collaterali, proposti da enti e istituzioni internazionali, che allestiscono le loro mostre e le loro iniziative a Venezia in concomitanza con la 57. Esposizione.