Uno studio afferma che l’economia russa sta crollando a causa delle sanzioni soffocanti

L’economia russa è sull’orlo del collasso con l’inizio delle sanzioni internazionali, secondo un rapporto Studio della Yale University pubblicato questo mese.

L’analisi, che secondo gli autori si basa su dati di consumo, commercio e spedizione, mostra che l’economia è in pericolo di collasso poiché le società straniere se ne vanno e le sanzioni persistono.

“Dalla nostra analisi, diventa chiaro che le battute d’arresto e le sanzioni commerciali stanno paralizzando disastrosamente l’economia russa”, hanno scritto gli autori.

“Mentre l’invasione russa dell’Ucraina entra nel suo quinto mese, è emersa una narrativa comune secondo cui l’unità del mondo nei confronti della Russia si è in qualche modo trasformata in una guerra di logoramento economico che getta un’ombra sull’Occidente”, si legge nello studio, aggiungendo, “Questo semplicemente non è vero.”

rublo Prestazioni straordinarie sulla scia di un isolamento economico senza precedenti Alcuni analisti lo attribuiscono ai mercati favorevoli delle materie prime in un paese che fa affidamento sulle esportazioni di petrolio e gas.

Altri hanno indicato la richiesta del presidente russo Vladimir Putin di acquistare questi beni solo in rubli e le restrizioni della Banca centrale sui detentori di azioni e obbligazioni russe che pagano dividendi al di fuori del paese.

La Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio.
Alexey Mashev, Sputnik / Associated Press

Lo studio di Yale sostiene, tuttavia, che la Russia sta ora scambiando le sue merci da una posizione di debolezza e ha dovuto passare dalla fornitura della maggior parte dell’Europa a offerte scadenti nei mercati secondari.

Gli autori affermano che la politica monetaria “chiaramente insostenibile” di Putin ha portato il governo russo all’impotenza.

Lo studio afferma che quasi il 40% del PIL russo è andato perso quando le società straniere si sono ritirate dall’economia russa, “invertendo quasi tre decenni di investimenti esteri”.

READ  L'Australia afferma che la Cina ha intercettato un aereo militare sul Mar Cinese Meridionale, costringendolo a tornare alla base

I professori di Yale affermano anche che la produzione interna di beni in Russia si è praticamente interrotta, causando scarsità di forniture e aumento dei prezzi al consumo.

Gli autori hanno scritto che questo ha scosso la fiducia nel sistema e ha portato a un esodo di massa di capitali e persone.

Lo studio ha concluso che “non c’è via d’uscita dall’oblio economico della Russia fintanto che i paesi alleati rimangono uniti nel mantenere e aumentare le pressioni delle sanzioni contro la Russia”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply