Uno scienziato ammette che “l’immagine del telescopio spaziale” era in realtà una fetta di chorizo

Etienne Klein, un famoso fisico e direttore della Commissione francese sulle energie alternative e l’energia atomica, ha condiviso una foto della piccante salsiccia spagnola su Twitter la scorsa settimana, elogiando il “livello di dettaglio” fornito.

“Questa immagine di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, si trova a 4,2 anni luce da noi. È stata catturata dal telescopio spaziale James Webb. Questo livello di dettaglio… ogni giorno viene rivelato un nuovo mondo, ” gli disse ulteriormente. Da 91.000 follower di domenica.

Il post è stato retwittato e commentato da migliaia di utenti, che hanno preso il mondo in parola.

Tuttavia, le cose non erano come sembravano.

Klein in seguito ha ammesso in una serie di tweet di follow-up che la foto era, in realtà, un primo piano di una fetta di chorizo ​​scattata su uno sfondo nero.

“Beh, quando è l’ora dell’aperitivo, il pregiudizio cognitivo sembra trovare molto da godere… attenzione a questo. Secondo la cosmologia contemporanea, non c’è nessun essere associato ai salumi spagnoli in nessun altro posto che sulla Terra”

Dopo aver affrontato un contraccolpo da parte dei membri della comunità online alla battuta, ha scritto: “Alla luce di alcuni commenti, mi sento in dovere di determinare che questo tweet che mostra una presunta foto di Proxima Centauri fosse uno scherzo. Impariamo a diffidare di argomenti da posizioni di autorità tanto quanto retorica, spontaneità di certe immagini.

Mercoledì, Klein si è scusato per la bufala, dicendo che la sua intenzione era di “esortare cautela riguardo alle immagini che sembrano parlare da sole”.

Nel tentativo di rimediare, ha pubblicato una foto dell’incredibile Cartwheel Galaxy, assicurando ai follower che l’immagine è originale questa volta.

READ  Il telescopio Webb evidenzia la stella mentre completa la fase di allineamento dell'"impilamento delle immagini".

Il Webb Telescope, il telescopio più potente mai lanciato nello spazio, ha ufficialmente iniziato le sue operazioni scientifiche il 12 luglio. Sarà in grado di guardare all’interno degli involucri degli esopianeti e osservare alcune delle prime galassie create dopo l’inizio dell’universo osservandole attraverso la luce infrarossa. È invisibile all’occhio umano.

Amandine Hess, Xiaofei Xu e Joseph Attaman della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply