Una gigantesca tartaruga marina preistorica è stata recentemente scoperta in Europa

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Molto tempo fa, le tartarughe marine giganti nuotavano nei mari della Terra. Fino a poco tempo fa, si pensava che questi giganti preistorici, che raggiungevano lunghezze superiori a 3 metri (10 piedi) dalla testa alla coda, si trovassero solo nelle acque intorno al Nord America.

Ora, gli scienziati hanno Scopri una specie precedentemente sconosciuta: la più grande tartaruga marina europea mai identificata.

Inizialmente trovata da un escursionista che ha trovato i resti nel 2016 nei Pirenei nel nord della Spagna, la specie è stata chiamata Leviathanochelys aenigmatica. “Leviathan” è il termine biblico per i mostri marini, riferendosi alle grandi dimensioni corporee della creatura, mentre “chelys” si traduce in tartaruga e “aenigmatica” si traduce in enigma, riferendosi alle caratteristiche distintive della tartaruga, scrivono gli autori. Un documento di ricerca pubblicato giovedì sulla rivista Scientific Reports.

La presenza dell’insolito animale in questa parte del mondo preistorico ha rivelato che le tartarughe giganti erano molto più comuni di quanto si pensasse, secondo lo studio.

Prima della scoperta, la più grande specie europea era lunga solo 1,5 metri (5 piedi), simile alla tartaruga marina liuto, che pesava in media da 300 a 500 chilogrammi (da 660 a 1.100 libbre) e misurava da uno a due metri (o tra 3 e 6,5 piedi), Secondo lo Smithsonian Institution.

Tuttavia, i frammenti ossei di questa specie appena identificata hanno portato gli scienziati a stimare che Leviathanochili avesse un corpo lungo 3,7 metri (12,1 piedi), Circa le dimensioni di una berlina di medie dimensioni.

“Non avremmo mai pensato che fosse possibile trovare qualcosa di simile. Dopo uno studio molto lungo dei frammenti ossei, ci siamo resi conto che c’erano alcune caratteristiche completamente diverse, non trovate in nessun altro fossile di un tipo di tartaruga”, ha detto Albert Celis, co-autore dello studio ed esperto post-dottorato scoperto finora. Ricercatore presso l’Istituto Catalano di Paleontologia Miquel Crusafont dell’Università Autonoma di Barcellona in Spagna.

In origine, i ricercatori pensavano che le ossa appartenessero a un diverso tipo di animale, secondo Sales.

“È molto comune trovare molti frammenti ossei. Ma la maggior parte di essi manca di informazioni”, ha detto Celis. “È molto raro trovare qualcosa che ti dica davvero qualcosa sulle vite passate”.

I campioni di ossa sono stati originariamente raccolti da un museo locale e dal Ministero della Cultura della Catalogna, ma sono rimasti non esaminati per quasi cinque anni. Quando Sellés e altri ricercatori hanno iniziato a studiare le ossa nel 2021, si sono resi conto che stavano cercando una specie di tartaruga marina completamente nuova per la scienza e sono tornati rapidamente al sito dei Pirenei per ulteriori scavi.

Lì sono stati scoperti altri frammenti dell’esemplare, comprese parti del bacino e del carapace della tartaruga, la parte del guscio che copriva la schiena della creatura. Con queste scoperte, gli scienziati hanno notato più caratteristiche mai viste prima in nessuna specie di tartaruga, viva o morta.

Le principali differenze di questo nuovo fossile riguardano la regione pelvica. Più specificamente, sporgenze ossee situate nella parte anteriore del bacino, che sospettiamo siano associate a un qualche tipo di muscolo che controlla il movimento della regione addominale della tartaruga”.

Questa caratteristica, o muscolo, probabilmente ha influito sulla capacità di respirare della tartaruga, permettendole di trattenere il respiro più a lungo rispetto ad altre specie di tartarughe, al fine di nuotare in profondità nell’oceano per trovare cibo o sfuggire ai predatori, secondo Seles.

Il team di ricerca ha stimato che l’antico animale visse durante il periodo campano nel tardo Cretaceo, il che lo rende vecchio di almeno 72 milioni di anni.

La più grande tartaruga mai registrata, chiamata Archelon, visse circa 70 milioni di anni fa e raggiunse una lunghezza di 4,5 metri (15 piedi). Prima di quest’ultima scoperta, tutti i ritrovamenti di tartarughe marine giganti preistoriche facevano parte dello stesso lignaggio di Archelon.

Frammenti del bacino e del carapace di una tartaruga gigante sono esposti in uno scavo nel nord della Spagna.

“Stiamo dimostrando che le tartarughe possono raggiungere proporzioni veramente gigantesche in momenti diversi, così come in famiglie diverse”, ha detto Celis. “Per la prima volta abbiamo trovato una tartaruga (gigantesca) che non appartiene a questa famiglia”.

I ricercatori sperano di tornare di nuovo al sito di scavo per trovare altre ossa, poiché non sono sicuri che tutte le parti di questo esemplare siano state scoperte, secondo Sales.

READ  Migliaia di nuovi virus scoperti negli oceani del mondo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply