Una coppia di galassie brilla in una nuova immagine di Webb, i telescopi Hubble

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Quando gli astronomi combinano i poteri di osservazione del telescopio spaziale James Webb e del telescopio spaziale Hubble, acquisiscono immagini più dettagliate dell’universo.

La nuova immagine che mostra una coppia di galassie, condivisa dalla NASA mercoledì, è il risultato sorprendente dell’utilizzo dei dati di entrambi gli osservatori spaziali.

Entrambi i telescopi hanno contribuito alle osservazioni su diverse lunghezze d’onda della luce. Webb è in grado di rilevare la luce infrarossa, invisibile all’occhio umano, mentre Hubble ha la capacità di osservare le due galassie sia nella luce visibile che nella luce ultravioletta. Il duo di una galassia ellittica e una galassia a spirale è noto come VV 191, Si trova a 700 milioni di anni luce dalla Terra.

“Abbiamo ottenuto più di quanto ci aspettassimo combinando i dati del telescopio spaziale James Webb della NASA e del telescopio spaziale Hubble della NASA!” Webb ha scritto uno scienziato interdisciplinare e Regent Professor presso l’Arizona State University Roger Windhurst blog della Nasa.

“I nuovi dati di Webb ci hanno permesso di tracciare la luce emessa dalla brillante galassia ellittica bianca, a sinistra, attraverso la galassia a spirale a destra, e di determinare gli effetti della polvere interstellare nella galassia a spirale. … I dati nel vicino infrarosso di Webb mostrano anche noi le braccia a spirale. La galassia più alta e molto polverosa è molto più dettagliata, conferendo alle braccia un aspetto sovrapposto al rigonfiamento centrale della galassia ellittica bianca brillante sulla sinistra. ”

L’immagine è un primo risultato del cosiddetto programma di monitoraggio Regioni extragalattiche chiave per la reionizzazione e la scienza delle lenti, o PEARLS, di Webb Telescope, che non ha ancora subito un processo di revisione tra pari. Lo studio è stato presentato all’Astrophysical Journal.

Gli scienziati hanno scelto la coppia galattica tra quasi 2.000 candidati identificati da volontari scientifici che sono cittadini del Galaxy Zoo. Queste minuscole galassie, che appaiono molto vicine tra loro, in realtà non interagiscono tra loro, ma consentono ai ricercatori di tracciare e confrontare la polvere galattica.

“È importante capire dove si trova la polvere nelle galassie, perché la polvere cambia la luminosità e i colori che appaiono nelle immagini delle galassie”, ha scritto Windhurst. “I granelli di polvere sono in parte responsabili della formazione di nuove stelle e pianeti, quindi ci sforziamo sempre di determinarne la presenza per ulteriori studi”.

Ma uno sguardo più da vicino a questa coppia galattica non è l’unica meraviglia celeste rivelata in questa immagine composita. Dietro la coppia compaiono anche altre galassie e uno di questi punti di luce ha portato a una seconda scoperta all’interno della nuova immagine. Questo fenomeno, chiamato lente gravitazionale, si verifica quando le galassie in primo piano agiscono come una lente d’ingrandimento per gli oggetti dietro di loro.

Gli scienziati hanno usato la stessa tecnica per La prima foto di Webb è stata rilasciata a luglio. Secondo la NASA, il telescopio spaziale “ha fornito l’immagine infrarossa più profonda e accurata dell’universo lontano fino ad oggi”.

Sopra la galassia ellittica bianca a sinistra c’è un debole arco rosso, ed è in realtà una galassia molto lontana. La gravità della galassia ellittica in primo piano piega la luce della galassia più esterna. La curvatura fa anche riapparire la galassia lontana come un punto rosso nella parte inferiore destra della galassia ellittica.

Le immagini della galassia lontana sono troppo deboli per essere riconosciute nei dati di Hubble, ma sono chiaramente visibili nell’osservazione nel vicino infrarosso di Webb.

“Simulazioni di galassie gravitazionali come questa ci aiutano a ricostruire la quantità di massa nelle singole stelle, insieme a quanta materia oscura c’è nel nucleo di questa galassia”, ha scritto Windhurst.

Ha aggiunto che oltre alle intuizioni che gli astronomi stanno ricevendo su VV 191, questo background dell’immagine di Webb suggerisce misteri più profondi nell’universo ancora da svelare. “Due spirali incomplete nella parte superiore sinistra della galassia ellittica hanno dimensioni apparenti simili, ma appaiono di colori molto diversi. È probabile che una sia molto polverosa e l’altra molto lontana, ma noi – o altri astronomi – dobbiamo conoscere i dati come spettri per determinare quale è quale.

READ  Greg Robinson ripara con riluttanza il telescopio spaziale James Webb della NASA

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply