Un elefante in Kenya interrompe il giornalista Alvin Kaunda in un video virale

Sospensione

Alvin Kaunda stava descrivendo in dettaglio gli effetti delle azioni degli umani sul mondo naturale quando una testa moncherina marrone apparve dietro il suo orecchio sinistro.

Il baule, appartenuto a un giovane residente di un orfanotrofio per elefanti a Nairobi dove Kaunda si era recato per riferire una storia su devastante siccità Colpendo il Kenya e la sua fauna selvatica, la spalla del giornalista viene delicatamente ruotata prima che si giri per controllare il suo orecchio, esplorando il lato della sua testa. Kaunda, però, non sembrava turbato dall’inaspettata intrusione del suo spazio personale e continuò a fare il suo resoconto davanti alla telecamera, la sua ultima risata solo quando la parte in pelle dell’elefante iniziò a sentire l’odore del suo viso.

Le clip del momento hanno iniziato a circolare online durante il fine settimana e da allora hanno accumulato milioni di visualizzazioni, catapultando Kaunda e il curioso giovane elefante alla fama virale. La breve interazione tra giornalista e soggetto ha deliziato gli spettatori e ha lasciato molti in soggezione per la capacità di Kaunda di mantenere la calma per tutto il tempo che ha fatto. Il Fondo per la fauna selvatica di Sheldrakeun’organizzazione senza scopo di lucro che gestisce l’orfanotrofio, selezionato come un elefante canadeseuna donna di 4 anni che è stata salvata nell’aprile 2018.

“Il cucciolo di elefante sta sconvolgendo il giornalista televisivo è la parte migliore della giornata”, cinguettio Un utente di Twitter, che ha condiviso un video della borsa che è stato visualizzato più di 11,8 milioni di volte a partire da mercoledì.

READ  Gli oppositori di estrema destra della Francia protestano mentre la campagna elettorale entra nell'ultima settimana

Per Kaunda, tutto è iniziato come un altro giorno di lavoro.

Un giornalista della KBC è stato assegnato all’orfanotrofio per elefanti Sheldrick Wildlife Trust, secondo Kenyans.co.ke. Il Kenya sta combattendo la peggiore siccità degli ultimi quattro decenni e le autorità locali affermano che il clima è estremo Ha ucciso 20 volte più elefanti del bracconaggio. Lo ha rivelato un recente rapporto del Ministero del turismo e della fauna selvatica del paese Morirono più di mille animali A causa della siccità, gli gnu, tra cui zebre, elefanti e bufali.

Una siccità implacabile sta uccidendo centinaia di zebre, elefanti e gnu in Kenya

Kaunda A. ha detto: Stazione radio locale keniota Sapeva di voler organizzare una ripresa all’orfanotrofio dove avrebbe parlato davanti agli elefanti. Ma stava lottando per superare il suo rapporto e aveva già tentato 10 colpi, tutti falliti.

“Ho mantenuto le distanze, ma ero così concentrato che non mi sono nemmeno reso conto che si stavano avvicinando”, ha detto.

All’inizio di quello che sarebbe diventato il momento virale, Kaunda, vestito con una maglietta e una giacca rosse e blu scuro, poteva essere visto in piedi tra diversi elefanti bruno-rossastri con in mano un microfono con il logo KBC. Sullo sfondo, Kandani è drappeggiato sul dorso di uno degli altri elefanti.

“Ci siamo”, dice una debole voce fuori campo.

Con una rapida inspirazione, Kaunda concentra lo sguardo sulla telecamera e inizia.

“Si dice che la carità inizi a casa”, dice Kaunda, la sua espressione solenne, “e per questi elefanti orfani, questa carità è ciò che chiamano casa”.

Distoglie lo sguardo dalla telecamera quando uno degli elefanti sembra spingere il lato del suo corpo con la testa, ma non cade. Invece, mette la sua mano gentile sulla testa dell’elefante e fa un passo avanti, apparentemente determinato a ottenere un colpo vantaggioso.

READ  Il super tifone Hinnamnor dell'Oceano Pacifico diventa la tempesta più forte del 2022

Ma Kandani proprio dietro di lui ora sembra avere altri piani.

“E con la crescente incidenza della siccità, sta a noi essere i guardiani del nostro mondo naturale”, dice Kaunda, ignorando la proboscide dell’elefante che esamina il suo orecchio. Si sposta in cima alla sua testa prima di scendere lentamente verso il centro del suo viso, costringendo Kaunda a chiudere gli occhi mentre continua a parlare galantemente.

Ma quando il busto di Kandani inizia ad armeggiare con il naso e la bocca, il giornalista si arrende. Emise una forte risata, dimenandosi e ridendo alla telecamera mentre l’elefante tirava indietro rapidamente la proboscide.

Sui social media l’interazione, durata meno di un minuto, ha subito conquistato le persone di tutto il mondo.

“La maggior parte di noi avrebbe perso la propria professionalità molto prima!” Fondo per la fauna selvatica di Sheldrake cinguettio. “Un pezzo importante relativo alla siccità, ma i nostri orfani hanno appena visto un visitatore per indagare!”

Kandani “sa esattamente cosa intendi fare”, l’organizzazione Aggiunto in un altro tweet, in risposta a un utente di Twitter che ha indicato gli occhi dell’elefante pochi istanti prima che si avvicinasse a Kaunda. “Un occhio di lato è spesso un precursore di un comportamento maleducato.”

Di fronte all’elefante ostinato, molti spettatori sono rimasti colpiti dalla determinazione di Kaunda.

“Sono stupito da quanto tempo questo giornalista è stato in grado di mantenere la calma”, ha detto una persona cinguettio. “Comincerei a ridere al primo tocco.”

Un altro utente di Twitter applaudito Giornalista per il suo “straordinario controllo professionale”.

“Il giornalista è rimasto sulla rotta fino a quando non è stato più possibile farlo”, ha scritto la persona. “Sono contento che abbia riso alla fine, ha fatto bene al mio cuore.”

READ  Le forze ucraine si arrendono a Mariupol registrati come prigionieri di guerra

In un’intervista con la Kenya Broadcasting Station, Kaunda ha descritto il fondo come “sensibile”, dicendo: “[I] Ho solo cercato di mantenere la calma”.

“In realtà non aveva alcun odore”, ha detto. “Sono sicuro che se avesse avuto un cattivo odore, sarebbe stato davvero fonte di distrazione. Non era naturale, ma ho adorato l’esperienza”.

Kaunda, da chiamate In qualità di “appassionato di fauna selvatica”, ha detto che spera di sperimentare più incontri simili, aggiungendo che il suo obiettivo è “avvicinarsi” a diversi tipi di animali. “Finora ne sono rimasti solo due: il leone e il leopardo.”

Iscriviti per ricevere le ultime notizie su cambiamento climatico, energia e ambiente, consegnate ogni giovedì

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply