Truss UK affronta una nuova sfida nei pagamenti del welfare

  • Aumenta la pressione sulla futura politica dei benefici
  • Truss e Kwarteng stabilirono un piano finanziario completo
  • Truss si rifiuta di escludere limiti ai pagamenti del welfare

BIRMINGHAM, Inghilterra, 4 ottobre (Reuters) – Il primo ministro britannico Liz Truss ha suscitato nuovo clamore nel suo partito martedì mentre cercava modi per finanziare un piano di crescita del taglio delle tasse che potesse limitare i pagamenti dei benefici al di sotto dell’inflazione in aumento.

Il nuovo leader britannico ha vissuto un periodo tumultuoso da quando è salito al potere il 6 settembre, prima di svelare un pacchetto economico che ha immediatamente scosso i mercati finanziari, spingendo la regina Elisabetta a osservare il lutto nazionale.

Cercando di far uscire la Gran Bretagna da oltre 10 anni di stagnazione economica, Truss e il suo ministro delle finanze Kwasi Kwarteng il 23 settembre hanno promesso 45 miliardi di sterline di tagli fiscali non finanziati e deregolamentazione dell’economia per stimolare la crescita.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Lunedì si sono piegati alle pressioni per eliminare la politica più divisiva – eliminare l’imposta sul reddito più alta per gli alti redditi – e ora stanno lavorando urgentemente per decidere come affrontare altri tagli alle tasse senza lasciare un enorme buco nero. La finanza pubblica del Paese.

“Dobbiamo guardare intorno a questi problemi. Dobbiamo essere fiscalmente responsabili”, ha detto Truss alla radio della BBC quando gli è stato chiesto se i pagamenti dei sussidi aumenterebbero in linea con l’inflazione record per evitare che i più poveri della società diventino più poveri.

I legislatori del Partito conservatore di Truss – alcuni dei quali hanno contribuito a invertire l’aliquota fiscale massima – si sono opposti a qualsiasi mossa per ridurre l’aumento dei benefici in un momento in cui milioni di persone stanno lottando con costi più elevati per cibo ed energia.

READ  40 La migliore casco scooter del 2022 - Non acquistare una casco scooter finché non leggi QUESTO!

Benny Mordant, un membro del gabinetto degli alti ministri di Truss, ha affermato che i benefici dovrebbero aumentare in linea con l’inflazione. Damian Green, parte dell’ala centrista del partito, ha affermato di dubitare che eventuali tagli reali alle legislature avrebbero superato un voto parlamentare.

“Penso che molti dei miei colleghi riterranno che quando si ottengono tagli alla spesa, i pagamenti dei sussidi non sono il modo per farlo”, ha detto Green alla radio della BBC. Anche un altro legislatore, Roger Gale, ha espresso la sua opposizione.

Victoria Prentice, il ministro del lavoro e delle pensioni, ha detto a Reuters che il governo doveva controllare i numeri prima di prendere una decisione finale sui benefici.

Il ministro dell’Interno britannico Suella Braverman ha accusato alcune sezioni del partito di “aver messo in scena un colpo di stato” contro il taglio delle aliquote fiscali. “Sono molto deluso nel dire come si sono comportati alcuni dei miei colleghi”, ha detto alla conferenza annuale del partito.

Quando Braverman si è candidato alla guida del partito, ha detto che era “davvero molto chiaro … voglio tagliare la spesa sociale” e ha sostenuto il taglio dell’aliquota massima delle tasse.

Kwarteng ha fissato il 23 novembre come data per il suo prossimo rapporto finanziario. Una fonte governativa ha affermato che il Tesoro stava valutando la possibilità di portarlo avanti, ma eventuali modifiche sarebbero state annunciate quando il Parlamento riprenderà la prossima settimana. leggi di più

Disordini politici

Truss è diventato il quarto leader della Gran Bretagna in sei anni il mese scorso, promettendo di ricostruire l’economia e portare una certa stabilità politica dopo la caotica leadership di Boris Johnson.

READ  Incidente nautico in Madagascar: sale a 83 il bilancio delle vittime

Scelto dai membri del suo partito, non dall’elettorato più ampio, non è il candidato più popolare tra gli oltre 350 parlamentari conservatori e la sua decisione di ammettere la sconfitta per il piano di taglio delle tasse ha lasciato legislatori e investitori in dubbio sul suo giudizio. Autorità.

Alla conferenza annuale a Birmingham, nell’Inghilterra centrale, alcuni legislatori e commentatori si sono chiesti se avesse il mandato di riportare la Gran Bretagna alla Reaganomics in stile anni ’80 senza elezioni nazionali.

I conservatori hanno vinto le elezioni del 2019, con Johnson che ha promesso di aumentare la spesa per i servizi pubblici.

“Non è un grosso problema vendere al pubblico un tipo di pacchetto e visione e poi capovolgerlo completamente e non preoccuparsene”, ha detto domenica Rachel Wolf, coautrice del rapporto 2019 dei Conservatori.

Gli investitori sono nervosi per la direzione della nuova politica economica, martellando così duramente i valori degli asset britannici che la Banca d’Inghilterra ha dovuto intervenire la scorsa settimana con un pacchetto del valore di 65 miliardi di sterline per sostenere il mercato obbligazionario.

I costi dei mutui sono già aumentati.

Mohamed El-Erian, consulente della società di servizi finanziari Alliance, ha affermato che il governo deve mettere ordine in casa. “Dobbiamo smettere di comportarci come un paese in via di sviluppo, non come un paese in via di sviluppo”, ha detto a Sky News.

La mossa della BoE ha calmato i mercati, almeno per ora, mentre gli investitori hanno tratto un po’ di conforto dall’inversione a U fiscale e una mossa ottimista per anticipare la data di uscita del prossimo piano fiscale dal 23 novembre.

READ  Guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

Ma Boris Glass, economista senior presso S&P Global Ratings Agency, ha affermato che la Gran Bretagna ha affrontato un inverno difficile.

“Se una forte crescita a medio termine non può finanziare completamente la spesa aggiuntiva, sembra inevitabile una stretta fiscale a medio termine, che potrebbe influenzare la crescita futura”, ha affermato.

($ 1 = 0,8782 sterline)

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Scritto da Kate Holden, reportage di Andrew MacAskill, Elizabeth Piper e Alistair Smout a Birmingham, Kylie MacLellan e Sarah Young a Londra. Montaggio: William McLean, John Boyle, Alexandra Hudson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply