Tremila anni di nostalgia – Tilda Swinton e Idris Elba in Mad Max: Extra Fairy | era il 2022

JI fan di Mad Max hanno gridato un desiderio magico e da cui evocheranno un nuovo film Giorgio MillerQui e ora, non un momento da perdere. Forse è quello che desideravano da quando Fury Road è partita nel deserto nel 2015. Ora le loro preghiere, che Dio li aiuti, sono state esaudite, quando Miller arriva al Festival di Cannes per dirigere un’immagine che descrive come “anti- Mad Max”: una vasta fantasia dai mille stili. Notti sul rapporto tra un vecchio genio e un accademico londinese Queste persone dovrebbero proprio leggere le minuscole Ogni desiderio magico ha una conseguenza e un costo.

Adattato dal romanzo di AS Byatt del 1994, Tremila anni di statue Tilda Swinton Come Alithea Penny, una maestra della narrazione, racconta storie di storie. Sola nella sua suite d’albergo a Istanbul, apre una bottiglia di vetro e salta sul gin (Idris Elba con le orecchie a punta), giurando di soddisfare il suo desiderio. Ha trascorso migliaia di anni in isolamento e ha molto da dire su se stesso. E così la coppia, seduta in un accappatoio bianco, ha raccontato le sue avventure e la sua prigionia, raccontando ad Alethia della regina di Saba e dell’Impero Ottomano mentre periodicamente la esortava a esprimere un desiderio. La professoressa, forse per la prima volta nella sua vita, è confusa. “Questo pio desiderio è un affare rischioso”, si lamenta.

Miller, lui stesso uno studente di scienze narrative, ama strappare le storie dalle loro ossa e riciclarne le parti per creare qualcosa di nuovo. Film come Happy Feet o Piguiling Babe: Pig in the City funzionano meglio quando sono visti come finzione. Anche il postmodernismo di Mad Max fa girare il viaggio del tuo eroe classico, la versione del regista di un mito occidentale o greco o di un racconto di samurai. In questa occasione, però, la vanità sembra esagerata, più della sceneggiatura, come se il film avesse ancora un piede scivoloso nel simposio di Alithea Lit-Theory. Le storie sulle storie possono essere torce elettriche e stelle. Ma richiede più dolore e abbandono di quello che questa persona può raccogliere; Forse c’è anche una chimica più ovvia tra i suoi orgogliosi eroi. Alithea crede che i jinn siano una frode anche se giura ciecamente di non esserlo. È molto attenta, molto educata. Ha imparato che tutte le fantasie che esaudiscono i desideri sono solo un ammonimento con il trucco addosso.

READ  La regina Elisabetta riprende il lavoro dopo la paura del Corona virus

Niente di tutto ciò suggerisce che il film stesso sia la zampa di una scimmia, un desiderio che rimbalza come la cosa peggiore del mondo. Tremila anni di nostalgia sono senza peccato, a cuore aperto, come il sogno dell’antico libraio dei Ladri di Baghdad. È così decisamente fuori moda che finalmente c’è qualcosa di grandioso. All’età di 77 anni, lontano dal successo dei suoi 50 anni di carriera, Miller si è guadagnato il diritto di fare quello che voleva, quando voleva, e l’inferno con i fan che chiedevano a gran voce altri film di guerrieri della strada. Penso che sia stato fatto solo per lui. Penso che sia andata proprio come aveva sperato.

Tremila anni di nostalgia è stato mostrato al Festival di Cannes.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply