Starbucks uscirà dalla Russia dopo 15 anni, chiuderà 130 caffetterie con licenza

Una donna beve un caffè da uno Starbucks in un centro commerciale a Khimki, fuori Mosca.

Alexander Natroskin | Russia

Dopo 15 anni in Russia, Starbucks uscirà dal mercato, unendosi ad aziende come McDonald’sE Exxon Mobile E Laqusula ritirarsi definitivamente dal Paese.

Il gigante del caffè ha annunciato lunedì che non avrà più una presenza del marchio in Russia. Starbucks ha 130 sedi nel paese, che rappresentano meno dell’1% delle entrate annuali dell’azienda. Sono tutti siti con licenza, quindi la società con sede a Seattle non li gestisce.

Starbucks ha affermato che pagherà quasi 2.000 lavoratori russi per sei mesi e li aiuterà a passare a nuove opportunità al di fuori della catena del caffè.

Sia i consumatori che gli investitori hanno fatto pressioni su società occidentali come Starbucks affinché tagliassero i legami con la Russia per mostrare la loro opposizione alla guerra del Cremlino con l’Ucraina, ma districare gli accordi di licenza richiede tempo. Starbucks Sospese dall’8 marzo tutte le attività commerciali con lo Stato. Lo stop includeva la spedizione di tutti i prodotti Starbucks e la chiusura temporanea dei caffè.

Nei suoi ultimi risultati trimestrali pubblicati all’inizio di maggio, la società non ha rivelato l’impatto finanziario della sospensione delle attività commerciali. L’ex CEO Kevin Johnson si è impegnato a donare i diritti d’autore dal business russo a cause umanitarie.

Ma è stato sicuramente un colpo finanziario minore rispetto a quello di McDonald’s in Russia Da più di 30 anni.

Il gigante del fast food ha affermato che la sospensione delle sue grandi operazioni in Russia e Ucraina è costata 127 milioni di dollari nel primo trimestre. I due mercati rappresentavano il 9% delle sue entrate nel 2021. L’azienda aveva circa 850 ristoranti in Russia, la maggior parte dei quali erano gestiti dall’azienda anziché da licenziatari.

READ  L'agenzia statunitense aggiorna la sonda di sicurezza del pilota automatico di Tesla, un passaggio prima di un possibile richiamo

Giovedì, McDonald’s ha annunciato che avrebbe venduto quei siti per un importo non divulgato al franchisee siberiano, che lo gestirà con un nuovo marchio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply