Standard & Poor’s afferma che le vendite immobiliari in Cina si stanno dirigendo verso una flessione peggiore rispetto al 2008

La maggior parte degli appartamenti in Cina viene venduta prima che gli sviluppatori abbiano finito di costruirli. Nella foto qui il 18 giugno 2022, le persone scelgono appartamenti in un progetto di sviluppo a Huai’an, nella provincia di Jiangsu, vicino a Shanghai.

L’editoria nel futuro | L’editoria nel futuro | Getty Images

PECHINO — Secondo le nuove stime di Standard & Poor’s, l’agenzia di rating del credito, le vendite immobiliari in Cina dovrebbero diminuire quest’anno più di quanto non fossero durante la crisi finanziaria del 2008.

L’agenzia di rating ha detto, citando Un numero crescente di acquirenti cinesi di case ha sospeso i pagamenti del mutuo.

Un tale calo sarebbe peggiore di quello del 2008, quando le vendite erano scese di circa il 20%, ha affermato in un’intervista telefonica Esther Liu, direttore di S&P Global Ratings.

Dalla fine di giugno, i dati non ufficiali mostrano un rapido aumento degli acquirenti cinesi di case che si rifiutano di pagare i mutui su alcune centinaia di progetti incompiuti, fino a quando gli sviluppatori non avranno finito di costruire gli appartamenti.

La maggior parte delle case in Cina viene venduta prima del completamento, il che genera un’importante fonte di flusso di cassa per gli sviluppatori. Le aziende hanno lottato per ottenere finanziamenti negli ultimi due anni poiché Pechino ha represso la sua forte dipendenza dal debito per la crescita.

Lo sciopero dei mutui ora sta danneggiando la fiducia del mercato e ritardando la ripresa del settore immobiliare cinese fino al prossimo anno, non quest’anno, ha affermato Liu.

Se si verifica un forte calo dei prezzi delle case, ciò potrebbe minacciare la stabilità finanziaria.

Diffusione limitata al di fuori del settore immobiliare

“La nostra preoccupazione è che il volume di questo supporto non sia abbastanza grande per salvare la situazione, [which] ora si trasforma in [a] “Tendenza peggiore”, ha detto Liu.

Fondamentalmente, tuttavia, Liu ha affermato che il suo team non si aspetta un forte calo dei prezzi delle case a causa della politica del governo locale. Supportare i prezzi. La loro previsione è per un calo del 6% al 7% dei prezzi delle case quest’anno, seguito da una stabilizzazione.

Mentre gli economisti di Standard & Poor’s stimano che un quarto del prodotto interno lordo cinese sia direttamente e indirettamente influenzato dal settore immobiliare, solo una parte di quel 25% è nel livello di rischio, ha affermato Liu, osservando che la società non ha cifre specifiche sull’impatto dei mutui. Colpisci il PIL.

Un problema più grande che deve essere risolto

Il settore immobiliare cinese è stato intrecciato con i governi locali e la politica sull’uso del suolo, rendendo difficile risolvere rapidamente i problemi del settore.

In un’analisi pubblicata martedì, Xu Gao, direttore del China Senior Economist Forum, ha osservato che la quantità di terreni residenziali completati annualmente non è effettivamente aumentata in media dal 2005, mentre la quantità media di terreni venduti è diminuita durante quel periodo.

Ha affermato che la contrazione contrasta con la rapida crescita sia dell’area dei terreni venduti che degli alloggi completati prima del 2005, quando il nuovo processo di aggiudicazione dei terreni è entrato in vigore. Xu ha affermato che il nuovo processo di gara ha inasprito l’offerta di terreni e immobili, facendo aumentare i prezzi delle case più di quanto non abbia fatto la speculazione.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

Goldman Sachs ha dichiarato martedì in un rapporto che gli investitori dovrebbero considerare solo i migliori sviluppatori tra il debito immobiliare ad alto rendimento della Cina. “Vediamo un valore relativo nelle loro obbligazioni a lungo termine a basso prezzo in dollari”.

Ma è generalmente una storia di incertezza in uno dei più grandi settori della Cina.

“Per noi, le continue pressioni nel settore immobiliare insieme alle incertezze relative alle misure COVID suggeriscono una prospettiva molto più oscura per la Cina”, ha scritto Kenneth Ho, analista del credito.

Il suo scenario potenziale è quello in cui i timori sul credito rimangono elevati ma senza reali preoccupazioni sistemiche, determinando un accumulo negativo del sentiment degli investitori nei mercati del credito ad alto rendimento.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply