SpaceX lancia la prima missione della costellazione Starlink Gen2: Spaceflight Now

Nota dell’editore: Guarda il nostro replay dal vivo del lancio di Falcon 9 nella missione Starlink 5-1.

SpaceX ha lanciato un razzo Falcon 9 da Cape Canaveral mercoledì con 54 satelliti Internet Starlink, una missione per iniziare a riempire un nuovo guscio orbitale autorizzato dai regolatori federali all’inizio di questo mese per la rete Starlink Gen2 dell’azienda.

Il razzo Falcon 9 è decollato dal Pad 40 della Cape Canaveral Space Force Station durante la missione Starlink 5-1 di SpaceX alle 4:34 EDT (0934 GMT) mercoledì, circa sei minuti prima di quanto precedentemente annunciato. La missione è stata il 60esimo lancio di SpaceX dell’anno, con un altro volo Falcon 9 programmato per decollare entro questa settimana dalla base delle forze spaziali di Vandenberg, in California, utilizzando un satellite israeliano per l’imaging della Terra.

I 54 satelliti lanciati mercoledì sono stati i primi veicoli spaziali ad essere schierati in una nuova parte della costellazione di Starlink. Il razzo Falcon 9 ha lanciato 54 satelliti a un’altitudine e un’inclinazione orbitali destinate all’uso da parte della rete Starlink di seconda generazione di SpaceX, che la società intende eventualmente lanciare sul nuovo mega-razzo Starship.

SpaceX sta sviluppando una piattaforma satellitare molto più grande e più potente di Starlink in grado di trasmettere segnali direttamente ai telefoni cellulari. Ma con il primo volo di prova orbitale della Starship ancora sospeso, i funzionari di SpaceX hanno indicato che inizieranno a lanciare i satelliti Gen2 sui razzi Falcon 9. Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha suggerito ad agosto che la società potrebbe sviluppare una versione ridotta di satelliti Gen2 per adattarsi al razzo Falcon 9.

SpaceX ha rivelato poche informazioni sui satelliti lanciati mercoledì. Non era chiaro se SpaceX avrebbe utilizzato i satelliti per testare nuovo hardware o software da utilizzare sulla rete Gen2.

Ma le condizioni di volo indicano che i satelliti Starlink a bordo del razzo Falcon 9 sono di dimensioni simili all’attuale veicolo spaziale Starlink di SpaceX, non i più grandi satelliti di seconda generazione destinati a volare sul nuovo enorme razzo Starship, o anche i satelliti Musk di seconda generazione in miniatura. . . menzionato all’inizio di quest’anno. C’erano 54 satelliti sulla rampa di lancio del Falcon 9 programmati per il lancio mercoledì, lo stesso numero che SpaceX ha lanciato in diverse recenti missioni Starlink.

Un rendering di 54 satelliti Starlink dopo la separazione del display del carico utile del Falcon 9 ha mostrato che il veicolo spaziale aveva un aspetto simile ai satelliti Internet lanciati da SpaceX dal 2019.

SpaceX ha lanciato un razzo Falcon 9 alle 4:34 AM EST (0934 GMT) mercoledì con 54 satelliti Internet Starlink. Credito: SpaceX

La FCC ha concesso a SpaceX l’approvazione il 1° dicembre per lanciare fino a 7.500 dei 29.988 previsti Starlink Gen2 della costellazione di veicoli spaziali. L’agenzia di regolamentazione ha ritardato una decisione sui restanti satelliti SpaceX di seconda generazione proposti.

“Questo lancio segna la prima rete aggiornata di Starlink”, ha dichiarato SpaceX sul suo sito web. “Con la nostra nuova licenza, ora siamo in grado di schierare satelliti in nuove orbite che aggiungeranno più capacità alla rete. In definitiva, questo ci consente di aggiungere più clienti e fornire un servizio più veloce, in particolare nelle aree che sono attualmente in eccesso”.

READ  Immagini straordinarie rivelano la visione più dettagliata della Via Lattea nelle onde radio: ScienceAlert

La FCC ha precedentemente autorizzato SpaceX a lanciare e far funzionare fino a 12.000 satelliti Starlink, inclusi circa 4.400 veicoli spaziali Starlink in banda Ka e Ku ​​di prima generazione che SpaceX ha lanciato dal 2019. Inoltre SpaceX ha ricevuto l’approvazione regolamentare per il lancio di oltre 7.500 Starlink satelliti. Funziona a una diversa frequenza della banda V.

SpaceX ha dichiarato alla FCC all’inizio di quest’anno che prevede di integrare la sua flotta Starlink V-band nella sua più ampia costellazione Gen2.

I satelliti Gen2 possono migliorare la copertura di Starlink a basse latitudini e contribuire ad alleviare la pressione sulla rete a causa della maggiore diffusione da parte dei consumatori. SpaceX ha dichiarato all’inizio di questo mese che la rete ha ora più di 1 milione di abbonati attivi. Il veicolo spaziale Starlink sta inviando segnali Internet a banda larga ai consumatori di tutto il mondo e la comunicazione è ora disponibile in tutti e sette i continenti con test in corso presso una stazione di ricerca in Antartide.

1 in parte: “Il nostro lavoro consentirà a SpaceX di iniziare la distribuzione di Gen2 Starlink, che porterà la prossima generazione di banda larga satellitare agli americani in tutto il paese, compresi coloro che vivono e lavorano in aree non raggiunte dai sistemi terrestri o normalmente non raggiunte da sistemi terrestri. Approvazione della costellazione Starlink Gen2. Il nostro lavoro consentirà inoltre il servizio a banda larga via satellite in tutto il mondo, contribuendo a colmare il divario digitale su scala globale.

“Allo stesso tempo, questa sovvenzione limitata e i termini associati proteggeranno altri operatori satellitari e di terra da interferenze dannose, manterranno un ambiente spaziale sicuro, promuoveranno la concorrenza e proteggeranno lo spettro orbitale e le risorse per un uso futuro”, ha scritto la FCC. “Stiamo ritardando l’azione sul resto dell’applicazione SpaceX in questo momento.”

Nello specifico, la FCC ha autorizzato SpaceX a lanciare la massa iniziale di 7.500 satelliti Starlink Gen2 in orbite a 525, 530 e 535 chilometri, con inclinazioni rispettivamente di 53, 43 e 33 gradi, utilizzando frequenze in banda Ku e Ka- gruppo musicale. . La FCC ha ritardato una decisione sulla richiesta di SpaceX di far funzionare i satelliti Starlink Gen2 in orbite più alte e più basse.

La missione Starlink 5-1 di mercoledì ha preso di mira l’orbita, che è alta 530 chilometri (329 miglia) con un’inclinazione di 43 gradi rispetto all’equatore.

La missione Starlink 5-1 dispiegherà in orbita 54 satelliti Internet. Credito: volo spaziale ora

Dopo la missione di mercoledì, SpaceX ha lanciato 3666 satelliti Starlink su più di 60 missioni missilistiche Falcon 9, inclusi prototipi falliti e veicoli spaziali. La società ha attualmente più di 3.200 satelliti Starlink operativi nello spazio, di cui circa 3.000 operativi e quasi 200 in movimento in orbite operative, Secondo la tabulare di Jonathan McDowellun esperto nel monitoraggio delle attività di volo spaziale e un astronomo presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

READ  Cosa accadrebbe se qualcuno si muovesse al doppio della velocità della luce?

L’architettura di rete Starlink di prima generazione include satelliti che volano a un’altitudine di poche centinaia di miglia, orbitanti a inclinazioni di 97,6°, 70°, 53,2° e 53,0° rispetto all’equatore. La maggior parte dei recenti lanci Starlink di SpaceX ha lanciato satelliti in Shell 4, con un’inclinazione di 53,2 gradi, dopo che l’azienda ha in gran parte completato i lanci nella sua prima struttura di inclinazione di 53 gradi l’anno scorso.

Si ritiene che Shell 5 di Starlink sia uno degli strati delle orbite polari della costellazione, con un’inclinazione di 97,6 gradi. Ma il nome della missione di mercoledì – Starlink 5-1 – potrebbe indicare che SpaceX ha cambiato lo schema di denominazione per le shell Starlink.

Il team di lancio di SpaceX si è posizionato all’interno del Launch Control Center a sud della Cape Canaveral Space Force Station in preparazione del conto alla rovescia prima dell’alba di mercoledì. SpaceX ha iniziato a caricare propellenti di cherosene condensato ultrafreddo e ossigeno liquido nel veicolo Falcon 9 in meno di 35 minuti.

Anche il materiale della pressione dell’elio è confluito nel razzo nell’ultima mezz’ora del conto alla rovescia. Negli ultimi sette minuti prima del decollo, i motori principali del Falcon 9 Merlin vengono condizionati termicamente per il volo attraverso una procedura nota come “chilldown”. Anche i sistemi di guida e sicurezza sul campo del Falcon 9 sono configurati per il lancio.

Dopo il decollo, il razzo Falcon 9 ha incanalato 1,7 milioni di libbre di spinta, prodotta da nove motori Merlin, per dirigersi a sud-est nell’Oceano Atlantico. Il lancio segna la ripresa delle missioni Starlink da Cape Canaveral utilizzando il corridoio di lancio sud-est, che SpaceX ha utilizzato lo scorso inverno per sfruttare le migliori condizioni del mare per l’atterraggio boost del primo stadio del Falcon 9.

Durante l’estate e l’autunno, SpaceX ha lanciato missioni Starlink su traiettorie a nord-est della Space Coast della Florida.

Un razzo Falcon 9 scende a sud-est di Cape Canaveral in questa immagine a lunga esposizione. Credito: Michael Caine/Spaceflight Now/Coldlife Photography

Il razzo Falcon 9 ha superato la velocità del suono in circa un minuto, quindi ha spento i suoi nove motori principali due minuti e mezzo dopo il decollo. Lo stadio booster si è separato dallo stadio superiore del Falcon 9, quindi ha sparato impulsi dai propulsori di controllo del gas freddo e dalle alette della griglia in titanio estese per aiutare a guidare il veicolo nell’atmosfera.

Due bruciatori dei freni hanno rallentato il missile quando è atterrato sulla nave drone “A Shortfall of Gravitas” a circa 410 miglia (660 chilometri) circa nove minuti dopo il decollo.

La carenatura riutilizzabile del carico utile del Falcon 9 è stata scartata durante la seconda fase di combustione. La nave di soccorso era anche di stanza nell’Oceano Atlantico per recuperare le metà del cono di prua dopo che erano cadute sotto i paracadute.

READ  Un nuovo studio offre una cronologia sorprendente della sesta estinzione di massa della Terra

L’atterraggio del primo stadio nella missione di mercoledì è avvenuto pochi istanti dopo che il motore del secondo stadio del Falcon 9 per portare in orbita i satelliti Starlink si è bloccato. La separazione della navicella spaziale 54 Starlink, costruita da SpaceX a Redmond, Washington, dal razzo Falcon 9 è avvenuta circa 19 minuti dopo il decollo. SpaceX ha dovuto attendere che il razzo passasse sopra una stazione di terra a Guam per confermare la separazione di Starlink dallo stadio superiore.

Il computer di guida del Falcon 9 mira a dispiegare i satelliti in un’orbita ellittica con un’inclinazione di 43 gradi rispetto all’equatore, con un’altitudine compresa tra 131 miglia e 210 miglia (212 per 338 chilometri). Dopo essersi separato dal razzo, il 54esimo veicolo spaziale Starlink lancerà i pannelli solari, li farà passare attraverso le fasi di attivazione automatizzata e quindi utilizzerà i propulsori ionici per manovrarli nella loro orbita operativa.

Razzo: Falco 9 (B1062.11)

Carico utile: 54 satelliti Starlink (Starlink 5-1)

Sito di lancio: SLC-40, stazione spaziale di Cape Canaveral, Florida

Data del pranzo: 28 dicembre 2022

ora di pranzo: 4:34:00 EST (09:34:00 GMT)

previsioni del tempo: probabilità superiore al 90% di condizioni meteorologiche accettabili; basso rischio di venti di quota superiore; Rischio moderato di condizioni sfavorevoli per una migliore ripresa

Recupero dalla spinta: Nave drone chiamata “A Shortfall of Gravitas” a nord-est delle Bahamas

LANCIO IN AZIMUT: sud-est

orbita bersaglio: 131 miglia per 210 miglia (212 chilometri per 338 chilometri), 43,0 gradi

Cronologia del lancio:

  • T+00:00: decollare
  • T+01:12: Pressione massima dell’aria (Max-Q)
  • T+02:29: Primo stadio di interruzione principale del motore (MECO).
  • T+02:32: Fase di separazione
  • T+02:39: Accensione motore secondo stadio
  • T+02:44: Silenzio
  • T+06:44: accensione bruciatore ingresso primo stadio (tre motori)
  • T+07:00: Interruzione del postbruciatore di entrata del primo stadio
  • T+08:26: Accensione a combustione di primo stadio (motore singolo)
  • T+08:38: Spegnimento motore secondo stadio (SECO 1)
  • T+08:47: Atterraggio prima tappa
  • T+18:43: Satellite Starlink disconnesso

Statistiche della missione:

  • Il 193° lancio del Falcon 9 dal 2010
  • Il 202esimo lancio della famiglia Falcon dal 2006
  • Undicesimo lancio del booster Falcon 9 B1062
  • Il 165° lancio del Falcon 9 dalla Florida Space Coast
  • Lancio del 107 Falcon 9 dalla piattaforma 40
  • 162° lancio complessivo dal tabellone 40
  • Volo 132 del booster Falcon 9 riproposto
  • Il lancio di 67 Falcon 9 è destinato principalmente alla rete Starlink
  • Il lancio del cinquantanovesimo ciclo del Falcon 9 nel 2022
  • SpaceX lancia 60 nel 2022
  • Il 57° tentativo di lancio orbitale, in partenza da Cape Canaveral nel 2022

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: @dipendente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply