‘Soldi persi’: sfollati ucraini costretti a tornare

di Kara Anna

26 luglio 2022 GMT

Pokrovsk, Ucraina (AFP) – L’impatto di un missile ha spinto la giovane donna oltre il recinto così forte che si è rotto. Sua madre l’ha trovata morente su una panchina sotto il pero mentre si stava godendo il pomeriggio. Quando arrivò suo padre, lei era sparita.

Anna Protsenko è stata uccisa due giorni dopo essere tornata a casa. La 35enne ha fatto quello che volevano le autorità: ha evacuato la regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale Con l’avvicinarsi delle forze russe. Ma iniziare una nuova vita altrove era scomodo e costoso.

Come Protsenko, decine di migliaia di persone che sono tornate nelle comunità rurali o industriali vicine alla prima linea della regione sono in grave pericolo perché non possono vivere in luoghi più sicuri.

Protsenko ci aveva provato per due mesi, poi era tornato a casa per trovare lavoro nella cittadina di Pokrovsk. Lunedì, amici e familiari le hanno accarezzato il viso e hanno pianto prima che la sua bara fosse sigillata vicino alla sua tomba.

“Non possiamo vincere. Non ci assumono da qualche altra parte e devi comunque pagare l’affitto”, ha detto un’amica e vicina, Anastasia Rosanova, “non c’è nessun posto dove andare, ma qui a Donetsk è tutto nostro”.

L’ufficio del sindaco di Pokrovsk ha stimato che il 70% degli sfollati è tornato a casa. Nella più grande città di KramatorskA circa un’ora di macchina dalla prima linea, i funzionari hanno affermato che la popolazione è scesa a circa 50.000 da 220.000 nelle settimane successive all’invasione russa, ma da allora è salita a 68.000.

È frustrante per le autorità ucraine poiché alcuni civili sono ancora sulla strada per la guerra, ma anche la gente della regione di Donetsk è frustrata. Alcuni hanno descritto di sentirsi sgraditi come di lingua russa tra gli ucraini in alcune parti del paese.

Ma il più delle volte, il problema era la mancanza di denaro. A Kramatorsk, alcune persone in fila per le cassette degli aiuti umanitari hanno affermato di essere troppo povere per evacuare. Donetsk e la sua economia sono state intaccate dal conflitto dal 2014, quando i separatisti sostenuti dalla Russia hanno iniziato a combattere il governo ucraino.

“Chi si prenderà cura di noi?” ha chiesto Karina Smolska, che è tornata a Pokrovsk un mese dopo essere stata evacuata. Ora, all’età di 18 anni, è la principale fonte di denaro per la sua famiglia come cameriera.

I volontari hanno vagato per la regione di Donetsk per mesi dall’invasione russa per aiutare i gruppi vulnerabili a evacuare, ma tali sforzi potrebbero tranquillamente finire in un fallimento.

piena copertura: Fotografia

In una casa umida nel villaggio di Malotaranivka, alla periferia di Kramatorsk, rotoli sparsi di pigliamosche pendono dal soffitto del soggiorno. Pezzi di stoffa sono stati infilati nelle fessure delle finestre per impedire la ventilazione.

Tamara Markova, 82 anni, e suo figlio, Mykola Ryaskov, hanno detto di aver trascorso solo cinque giorni come sfollati nella città centrale di Dnipro questo mese prima di decidere di tornare a casa.

“Ci saremmo lasciati”, ha detto Markova.

Il rifugio temporaneo in cui alloggiavano diceva che sarebbe stata trasferita in una casa di cura e che suo figlio, il cui fianco sinistro era congelato dopo aver subito un ictus, sarebbe andato in una casa per disabili. Hanno trovato questo inaccettabile. Nella fretta di andarsene, hanno lasciato la sua sedia a rotelle. Era troppo grande per prendere l’autobus.

READ  I genitori di Archie Battersby, un ragazzo inglese in coma, perde la battaglia per il supporto vitale

Ora lo fanno. Se senti la sirena del raid aereo, Markova va al riparo con i vicini “finché i bombardamenti non si fermano”. Gli aiuti umanitari vengono consegnati una volta al mese. Markova lo descrive come abbastanza buono. Quando arriva l’inverno, i vicini copriranno le loro finestre con una pellicola di plastica per l’isolamento di base e per pulire la stufa dalla fuliggine. Forse avranno il gas per il riscaldamento, forse no.

“Era molto più facile sotto l’Unione Sovietica”, ha detto della loro mancanza di sostegno da parte dello stato, ma era più infelice con il presidente russo Vladimir Putin e quello che i suoi soldati stanno facendo alle comunità circostanti.

“È vecchio”, ha detto di Putin. “Dovrebbe andare in pensione”.

La nostalgia e l’incertezza portano anche a un ritorno a Donetsk. Il treno di evacuazione Yumi lascia Pokrovsk per l’Ucraina occidentale relativamente più sicura, ma ogni giorno arriva un altro treno con persone che hanno deciso di tornare a casa. Mentre il treno di evacuazione è libero, il treno di ritorno no.

Oksana Tserkovny ha preso il treno per tornare a casa con la figlia di 10 anni due giorni dopo l’attacco mortale del 15 luglio a Dnipro, dove sono rimaste per più di due mesi. Sebbene l’attacco sia stato la scintilla, Tserkovnyi ha avuto difficoltà a trovare lavoro. Ora ha intenzione di tornare al suo precedente lavoro in una miniera di carbone.

I costi a Dnipro, già pieno di sfollati, erano un’altra preoccupazione. “Siamo rimasti con i parenti, ma se avessimo avuto bisogno di affittare sarebbe stato molto di più”, ha detto Tserkovny. “Comincia da 6000 grivna ($ 200) al mese per lo studio e non sarai in grado di trovarlo”.

READ  La Russia accusa gli Stati Uniti di un ruolo diretto nella guerra in Ucraina, navi di grano attraccate al largo delle coste turche

I tassisti in attesa dell’arrivo del treno a Pokrovsk hanno detto che molte persone stanno rinunciando a cercare di trasferirsi altrove.

Uno degli autisti, Vitaly Anikiev, ha detto: “Sicuramente metà del mio lavoro consiste nel prendere questi ragazzi”. “Perché i soldi sono andati persi.”

A metà luglio, ha detto, ha preso una donna che tornava dalla Polonia dopo essersi sentita fuori posto. Quando hanno raggiunto il suo villaggio vicino alla prima linea, c’era un buco dove si trovava la sua casa.

“Ha pianto”, ha detto Anikiev. “Ma ha deciso di restare.”

___

La giornalista dell’Associated Press Ina Farnitsa ha contribuito.

___

Segui la copertura dell’AP sui combattimenti in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply