Soldati siriani uccisi in attacchi missilistici israeliani: media di stato | Notizie di guerra siriana

I media statali siriani affermano che gli ultimi attacchi israeliani hanno preso di mira siti vicino a Damasco e al governatorato costiero di Tartus.

Almeno tre soldati siriani sono stati uccisi e altri tre sono rimasti feriti in attacchi missilistici israeliani “multipli” contro la Siria, secondo i media statali.

Domenica, l’agenzia di stampa SANA ha affermato che gli attacchi missilistici sono avvenuti alle 20:50 (17:50 GMT) e hanno preso di mira “alcuni punti” nelle campagne vicino alla capitale Damasco e alla provincia costiera di Tartus.

SANA, citando una fonte militare anonima, ha affermato che le forze di difesa aerea siriane hanno respinto gli “attacchi” e abbattuto alcuni missili.

“L’aggressione ha portato alla morte di tre soldati e al ferimento di altri tre”, ha aggiunto.

Gli attacchi a Damasco provenivano dal sud-est della capitale libanese, Beirut, mentre gli attacchi a Tartus provenivano dal Mediterraneo.

Oltre ai morti, gli attacchi hanno causato “danni materiali”, ha detto la fonte militare a SANA.

L’esercito israeliano ha rifiutato di commentare.

Dallo scoppio della guerra civile in Siria nel 2011, Israele ha effettuato centinaia di attacchi aerei all’interno del paese, prendendo di mira siti governativi, forze della coalizione appoggiate dall’Iran e combattenti di Hezbollah. Israele commenta raramente i singoli raid in Siria, ma l’IDF li ha difesi come necessari per impedire all’Iran di prendere piede alle sue porte.

Anche l’Osservatorio siriano per i diritti umani, un osservatore della guerra, ha riferito degli attacchi di domenica, affermando che i raid hanno preso di mira una base di difesa aerea nella provincia di Tartus, dove sono attivi gruppi sostenuti dall’Iran.

L’osservatorio, che dispone di un’ampia rete di sorgenti in Siria, ha affermato che il sito di Tartus si trova a 8 chilometri (5 miglia) da una base russa.

READ  Brookings Institution Margins generale in pensione nel mezzo di un'indagine federale

Ha aggiunto che le ambulanze si sono precipitate sul luogo delle incursioni a Tartous.

Ha aggiunto che due missili hanno colpito anche una postazione militare del governo siriano nell’area di Al-Qutayfah nella campagna di Damasco.

Altri attacchi israeliani recentemente segnalati in Siria includono un raid vicino a Damasco che ha ucciso tre soldati siriani il mese scorso. L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha affermato che l’attacco ha preso di mira una struttura militare e un “deposito di armi iraniano”.

Anche i civili sono rimasti feriti nei raid israeliani.

Il ministero della Difesa siriano ha dichiarato all’inizio di luglio che un raid israeliano è stato effettuato dal Mediterraneo vicino alla città di Hamidiya, a sud della città di Tartus, ferendo due civili.

I media statali hanno anche riferito che un bombardamento israeliano venerdì ha ferito due civili nel sud della Siria, vicino alle alture del Golan occupate.

Zina Khader di Al-Jazeera, in un rapporto da Beirut, ha affermato che Israele ha bombardato anche un porto nella città costiera di Latakia, oltre all’aeroporto di Damasco, considerando che la pista era inutilizzabile per settimane.

“Per Israele, l’obiettivo più grande è impedire all’Iran di stabilire una base al confine con la Siria, come ha fatto in Libano l’alleato dell’Iran Hezbollah”, ha affermato. Israele vuole anche fermare qualsiasi trasferimento di armi avanzate dall’Iran a Hezbollah.

“Tali attacchi sono spesso limitati, ma esiste il rischio di un’ulteriore escalation”, ha aggiunto.

Il presidente siriano Bashar al-Assad è stato in grado di invertire le sorti della guerra civile del suo paese, con l’aiuto decisivo dei gruppi per procura iraniani e con l’intervento militare della Russia nel 2015.

READ  Incidente aereo cinese: confermata la morte di tutti i 132 passeggeri a bordo dell'aereo cinese, recuperata la seconda scatola nera

Il conflitto è iniziato con la brutale repressione delle proteste pacifiche per la democrazia e l’uccisione di quasi mezzo milione di persone dal 2011.

La metà della popolazione prebellica del paese è stata costretta ad abbandonare le proprie case.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply