Scontri sanguinosi tra Armenia e Azerbaigian | Notizie militari

L’Azerbaigian ha riportato perdite delle sue forze dopo gli scontri al confine su larga scala con l’Armenia.

Armenia e Azerbaigian hanno riferito di nuovi scontri al confine che hanno provocato la morte di un numero imprecisato di forze azere.

I combattimenti, scoppiati nelle prime ore di martedì mattina, segnano l’ultima escalation tra i due acerrimi rivali, che nel 2020 hanno combattuto una guerra nella contesa regione del Nagorno-Karabakh.

Ciascuna parte ha incolpato l’altra per la lotta.

Il ministero della Difesa armeno ha dichiarato in una dichiarazione che l’Azerbaigian ha lanciato un “bombardamento intensivo” sulle posizioni militari armene in direzione delle città di Goris, Sok e Jermuk alle 00:05 (20:05 GMT) di martedì. Ha aggiunto che le forze azere hanno utilizzato droni, “artiglieria e armi da fuoco di alto calibro”.

“Le forze armate armene hanno lanciato una risposta proporzionata”, ha aggiunto.

Ma il ministero della Difesa azero ha accusato l’Armenia di aver commesso “atti di sabotaggio su larga scala” vicino alle province di confine di Dasheksan, Kalpajar e Lachin, aggiungendo che le sue posizioni dell’esercito “sono state prese di mira, anche dai mortai delle trincee”.

Ci sono perdite in mezzo [Azerbaijani] Disse senza dare numeri.

Gli Stati Uniti si sono detti profondamente preoccupati per le notizie sugli attacchi.

“Come abbiamo chiarito da tempo, non ci può essere una soluzione militare al conflitto”, ha detto lunedì il segretario di Stato americano Anthony Blinken. Chiediamo la fine immediata di qualsiasi ostilità militare. “

Ci sono state segnalazioni frequenti di combattimenti lungo il confine armeno-azero dalla fine della guerra del 2020.

READ  Il cutter della Guardia Costiera statunitense ha negato l'accesso al porto delle Isole Salomone

La scorsa settimana, l’Armenia ha accusato l’Azerbaigian di aver ucciso uno dei suoi soldati in un attacco al confine.

Ad agosto, l’Azerbaigian ha affermato di aver perso un soldato e l’esercito del Karabakh ha affermato che due dei suoi soldati sono stati uccisi e più di una dozzina sono rimasti feriti.

I vicini hanno combattuto due guerre nella regione del Nagorno-Karabakh, l’enclave armena dell’Azerbaigian.

Il conflitto scoppiò per la prima volta alla fine degli anni ’80, quando entrambe le parti erano sotto il dominio sovietico e le forze armene conquistarono vasti tratti di terra vicino al Nagorno-Karabakh, riconosciuto a livello internazionale come territorio dell’Azerbaigian, ma con una numerosa popolazione armena. Nel conflitto che ne seguì furono uccise circa 30.000 persone.

L’Azerbaigian ha riconquistato quei territori nei combattimenti del 2020, che si sono conclusi con un armistizio mediato dalla Russia e il ritorno di migliaia di residenti nelle case da cui erano fuggiti. Più di 6.500 persone hanno perso la vita nella guerra di sei settimane.

Da allora, i leader dei due paesi si sono incontrati più volte per elaborare un trattato volto a stabilire una pace duratura.

Durante i colloqui mediati dall’UE a Bruxelles in maggio e aprile, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e il primo ministro armeno Nikol Pashinyan hanno concordato di “promuovere le discussioni” su un futuro trattato di pace.

Martedì, Pashinyan ha tenuto telefonate separate con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente francese Emmanuel Macron sui recenti scontri, secondo il governo armeno.

Il governo armeno ha affermato che il primo ministro ha condannato le “azioni provocatorie e aggressive” delle forze armate azere e ha chiesto una “risposta adeguata da parte della comunità internazionale”.

READ  Il ministro degli Esteri turco ha sventato un complotto iraniano per uccidere gli israeliani a Istanbul | Notizia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply