Rovesciamento e deturpazione di decine di tombe cristiane nello storico cimitero di Gerusalemme: “un chiaro crimine d’odio”

pacchi di tombe cristiane È stata trovata mutilata ed è caduta in un cimitero storico di Gerusalemme, e la polizia israeliana afferma di aver arrestato due persone in relazione al crimine.

Gli agenti di polizia sono stati inviati al cimitero protestante Monte Sion a Gerusalemme Indagare sul delitto in un luogo associato nella tradizione cristiana all’Ultima Cena che Gesù condivise con i suoi discepoli la notte prima della sua crocifissione e che è sacro anche a ebrei e musulmani.

Sulla scena, hanno trovato circa 30 lapidi cristiane che erano state abbattute e vandalizzate.

I filmati delle telecamere di sicurezza ampiamente condivisi domenica hanno mostrato due giovani uomini – che indossavano zucchetti e tzitzit, le frange rituali annodate indossate dagli ebrei religiosi – irrompere nel cimitero, abbattere croci di pietra e frantumare e calpestare lapidi, lasciando dietro di sé tracce di detriti. E lapidi rotte.

Piuttosto, si ricorderà che il funzionario israeliano, Biden, è impegnato nella “soluzione dei due Stati” dopo la nomina di Netanyahu

Hussam Naoum, un vescovo anglicano palestinese, si ferma mentre i vandali profanano più di 30 tombe nello storico cimitero protestante sul Monte Sion a Gerusalemme, mercoledì 4 gennaio 2023.
(Foto AP/Mahmoud Elyan).

Il ministero degli Esteri israeliano ha definito l’attacco un “atto immorale” e un “insulto alla religione”. Il vescovo anglicano di Gerusalemme, Hussam Naoum, ha definito la vicenda un “chiaro crimine d’odio”. Il consolato britannico ha affermato che questo è solo l’ultimo episodio di una serie di attacchi alla comunità cristiana nella città santa di Gerusalemme.

Tra le tombe distrutte, ha detto la diocesi episcopale, c’era un busto del XIX secolo di Samuel Gobat, il secondo vescovo protestante di Gerusalemme morto nel 1879. Le tombe di tre poliziotti, cittadini britannici Anche il servizio nelle forze di polizia fu sovvertito in quella che allora era la Palestina governata dagli inglesi.

READ  La guerra russo-ucraina in breve: cosa sappiamo del giorno 336 dell'invasione | Ucraina

La diocesi ha avvertito che la profanazione del cimitero dovrebbe essere vista come un minaccioso monito di “odio per i cristiani”.

Combattimento sul Monte del Tempio a Gerusalemme: qual è il significato per ebrei, musulmani e cristiani?

Hussam Naoum, un vescovo anglicano palestinese, tocca una tomba distrutta mentre i vandali profanavano più di 30 tombe nello storico cimitero protestante sul Monte Sion a Gerusalemme, mercoledì 4 gennaio 2023.

Hussam Naoum, un vescovo anglicano palestinese, tocca una tomba distrutta mentre i vandali profanavano più di 30 tombe nello storico cimitero protestante sul Monte Sion a Gerusalemme, mercoledì 4 gennaio 2023.
((AP Photo/Mahmoud Elyan))

Il sovrintendente capo Assaf Harel ha detto che due persone sono state arrestate per il crimine e Harties menzionato Gli indagati hanno 18 e 14 anni.

Il Ministero degli Affari Esteri israeliano “qualsiasi danno a istituzioni e siti religiosi è una cosa seria, e danneggia la vita unica e sensibile delle persone di tutte le fedi della città”. twittare venerdì. “Abbiamo un impegno costante per mantenere la sicurezza e l’ordine, nonché una lotta ferma e risoluta contro i trasgressori ovunque si trovino”.

Clicca qui per l’app FOX NEWS

Una lapide cade mentre i vandali profanano più di 30 tombe in uno storico cimitero protestante sul Monte Sion di Gerusalemme, nella Città Vecchia di Gerusalemme, mercoledì 4 gennaio 2023.

Una lapide cade mentre i vandali profanano più di 30 tombe in uno storico cimitero protestante sul Monte Sion di Gerusalemme, nella Città Vecchia di Gerusalemme, mercoledì 4 gennaio 2023.
((AP Photo/Mahmoud Elyan))

La popolazione cristiana in Israele è cresciuta del 2% nel 2021, per un totale di 185.000 persone, che rappresenta l’1,9% della popolazione totale di Israele, Lo riferisce il Times of Israel.

Quasi il 70% dei cristiani vive nella parte settentrionale del Paese in città come Nazareth e Haifa, mentre circa 13.000 chiamano Gerusalemme la loro casa.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply