Risultati e aggiornamenti in tempo reale della Laver Cup: Federer e Nadal in doppio

Uno dei personaggi più famosi del tennis, Ivan Ljubicic, è stato raramente citato negli ultimi anni, preferendo concentrare le sue capacità comunicative sui suoi doveri di allenatore con il suo amico di lunga data e rivale diventato datore di lavoro: Roger Federer.

Ljubicic, il croato di 43 anni, e Federer, la star svizzera di 41 anni, si conoscono da quando erano adolescenti e giocano nelle leghe minori ATP in un tour satellitare. Presto hanno sviluppato una forte relazione.

“A volte fa semplicemente clic e noi abbiamo appena fatto clic”, ha detto Ljubicic.

Nonostante abbiano sconfitto Federer 13 volte in 16 partite nel tour principale, sono diventati amici intimi, così come le loro mogli. Quando Federer si separò da Stefan Edberg, uno dei suoi allenatori, alla fine della stagione 2015, Federer chiese a Ljubicic in pensione di riempire il posto vacante insieme all’allenatore di lunga data Severin Luthi.

“Voglio dire che tipo di esitazione potrebbe esserci?” Ljubicic ha detto in un’intervista da Londra giovedì. “È un’opportunità irripetibile”.

All’epoca, Federer, 34 anni, era più vecchio di Ljubicic quando si ritirò a 33 anni, ed era troppo stanco per la fatica quotidiana richiesta per mantenere il suo corpo dolorante abbastanza per il tennis professionistico. Anche Federer non vince un titolo importante da più di tre anni, ma Ljubicic era convinto di averne di più.

Ha avuto ragione quando Federer è tornato da un intervento chirurgico al ginocchio e dalla riabilitazione nel 2017 e ha vinto l’Australian Open e Wimbledon quell’anno e ha aggiunto 20 titoli del Grande Slam in singolo agli Australian Open 2018, aiutandolo a tornare al primo posto. Tennista 36 anni.

READ  I Minnesota Vikings nominano Demetrius Washington vicepresidente delle operazioni calcistiche

“Questi due anni sono stati fantastici”, ha detto Ljubicic. “Il fatto che fosse il numero 1 al mondo a quel punto in 18 era qualcosa che non avremmo mai pensato fosse possibile nei sogni più folli, perché non era mai un obiettivo. Perché per essere il numero 1, devi giocare molto e devi vincere molto e il nostro piano era quello di puntare a ottenere i trofei più grandi, e sta appena iniziando a rotolare davvero”.

Ma lo slancio si è interrotto quando Novak Djokovic è uscito da un lungo tracollo nel 2018. L’anno successivo, Federer è tornato in forma scintillante sull’erba, guadagnando due match point contro Djokovic nella finale di Wimbledon del 2019 e non riuscendo a convertire, perdendo in cinque set . È stata una trama improvvisa e brutale di un uomo sull’orlo del suo più grande successo, ma Ljubicic ha detto che Federer e il suo team hanno affrontato la questione in modo filosofico.

“È ovviamente una cosa dolorosa”, ha detto Ljubicic. “Personalmente oggi non riesco ancora a credere come non abbia vinto quella partita. Non solo per i match point ma solo per l’intera partita. Stava giocando davvero bene e avrebbe potuto vincere ogni set perso in quella finale Ma onestamente, penso molto al 2017. Per quanto mi riguarda, i sentimenti di felicità in 17 sono molto più grandi della delusione di 19. E in una carriera come questa quando giochi più di 1.500 partite, è chiaro che tutto accade.”

Questa professione è finita. Federer ha confermato che giocherà la sua ultima partita ufficiale venerdì sera nella Laver Cup, con il suo rivale e amico di lunga data Rafael Nadal che prenderà parte alla partita di doppio per il Team Europe.

READ  Avalanche vs. Lightning Stanley Cup Punteggio finale Gioco cinque: Tampa vince 3-2, sopravvive dopo il vincitore di Bales

Ljubicic ha fatto un viaggio a Londra dalla sua sede di Monaco per l’occasione. Sarà la prima partita di Federer in oltre un anno: da quando ha perso in due set nei quarti di finale di Wimbledon del 2021 contro Hubert Hurkacz che ha sviluppato una malattia al ginocchio destro, che alla fine richiederà più interventi chirurgici e alla fine metterà fine alla carriera di Federer.

Le ultime tre stagioni sono state piene di dolore, frustrazione e una pausa forzata dal gioco che ha persino messo alla prova la passione di Federer per questo sport. “È stato difficile, perché non era al cento per cento, anche quando giocava”, ha detto Ljubicic.

“È stato un peccato, e ora guardando indietro, è arrivato ai quarti di finale a Wimbledon nel 2021 e forse la gente non poteva vedere cosa c’era che non andava, ma per noi, che abbiamo trascorso giorni e ore in campo, non siamo mai stati in grado di per allenarci completamente. Quindi, è stata dura, e la decisione di sottoporsi a un altro intervento chirurgico, sapevamo che sarebbe andato verso l’ignoto, e sfortunatamente si è rivelato essere l’ultimo Wimbledon e in quell’ultimo set contro Hurkacz, non era davvero lì”, ha aggiunto. “Ma cosa puoi fare? È quello che è, e ora stiamo sicuramente festeggiando di nuovo a Londra, celebrando una carriera straordinaria. “

Manca solo un’altra partita. “Non sarà facile, te lo posso dire”, ha detto Ljubicic con una risata. “Colpisce molto bene la palla, te lo posso dire. In questo senso, non sono preoccupato. Starà bene. È più emotivo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply