Riassunto in diretta delle finali della prima giornata

Cittadini estivi 2022 degli Stati Uniti

SCHEDA FINALE DI MARTEDÌ

La prima partita delle finali del campionato nazionale degli Stati Uniti 2022 prende il via questa sera a Irvine, in California. La sessione inizia con le finali dei 200 fly, dove il membro del World Champs Team 2017 e nuovo Texas Longhorn, Dakota Lutero Arriva prima nella squadra femminile, mentre Cal Dungrad Gabriele Jett Si siede come una prima qualificazione dagli uomini.

200 seguiranno i 100 a volo libero, come Florida Pro e Olimpiadi 2020 Natalie Hinds Porta il primo seme, poco prima Mallory Commerford. Un paio di studenti delle scuole superiori gareggeranno anche nella finale A femminile con Eagle Aquatics. Erica Bales e NCAP Erin Gemmell Quarta e sesta qualificazione rispettivamente dalle qualificazioni. La finale maschile sarà caratterizzata dal Texas Pro Championship Shane Casas Come la migliore testa di serie dopo 48.28 postata questa mattina, appena davanti a Virginia Dungrad Matt Re.

La sessione si concluderà con la classifica più alta degli 800 stile libero femminili e dei 1500 stile libero femminili. detentore del record mondiale Katie Ledecky Scenderà in piscina per la prima volta come testa di serie numero uno negli 800, mentre è undergrad del Texas David Johnstonche rappresenta la squadra di nuoto, è testa di serie numero uno nei 1500.

Le finali iniziano alle 17:00 ora locale, alle 20:00 EST.

200 farfalle femmine

  • Record mondiale – 2: 01.81, Ziggy Liu (2009)
  • Record americano – 2: 04.14, Mary DeSenza (2009)
  • Record di US Open – 2:05.85, Halle Sfarfallio (2021)
  • Record di LC Nationals – 2: 05.85, Halle Sfarfallio (2021)
  • Record mondiale juniores – 2: 05.20, Summer McIntosh (2022)

I primi 8 concorrenti:

  1. Dakota Lutero (Texas Longhorn): 2:07.02
  2. Lindsey Looney (Sun Devil): 2:07.25
  3. Tess Hooley (Long Island): 2:08.07
  4. Kelly Bash (offline): 2:08.39
  5. Bretagna Casteluzzo (Australia): 2:09.81
  6. Callie Dickinson (Athena Bulldog): 2:10.35
  7. Rachel Klinker (Cal): 2:10.94
  8. Emma Stecklen (offline): 2: 11.00

Nato ad Austin, Texas, New Longhorn Dakota Lutero Ha vinto il titolo nella Women’s 200 Fly e ha concluso in 2:07.02, il miglior nuovo livello nella vita. La migliore prestazione della sua vita precedente di 2:07.76 è arrivata ai Nationals 2019 a Stanford, quindi il nuoto è in qualche modo una svolta con il suo nuovo set di allenamento. Con una nuotata, Luther è diventato il numero 13 nella lista dei 200 piloti americani più veloci di tutti i tempi.

Un’accusa in ritardo dal under-grade dell’Arizona ha fermato Lindsey Looney, che è arrivata seconda con un tempo di 2:07.25. Il nuoto è il meglio della vita Loonie, che è arrivata all’incontro con 2:08.40.

La studentessa delle superiori Tess Hawley del Long Island Aquatic Club ha completato il podio della medaglia di bronzo in 2:08.07. Questa nuotata è la nuova vita migliore di Howley e la fa girare al sesto posto di tutti i tempi nella fascia di età 17-18.

READ  Note atlantiche: Tatum, Durant, Knicks, Raptors

200 Farfalle da uomo

  • Record mondiale – 1:50.34, Christoph Milak (2022)
  • Record americano – 1:51.51, Michael Phelps (2009)
  • Record degli US Open – 1:52.20, Michael Phelps (2008)
  • Record di LC Nationals – 1:52.20, Michael Phelps (2008)
  • Record mondiale juniores – 1:53.79, Christoph Milak (2017)

I primi 8 concorrenti:

  1. Gabriele Jett (cal): 1:54.37
  2. Elijah Charon (Sandpipers del Nevada): 1:56.66
  3. Sterling Crane (offline): 1:56.75
  4. Max Litchfield (Gran Bretagna): 1:56.89
  5. Brooksville (Tucson Ford): 1:57.08
  6. Mason Lauer (Gator Swimming Club): 1:57.62
  7. Jacques Dahlgren (Mizu): 1: 58.04
  8. Kevin Vargas (La Mirada): 1:58.38

cal undergrad Gabriele Jett Ha dominato la Finale A, ha condotto a metà e ha continuato il suo vantaggio fino al terzo cinquantesimo. Il tempo rende Jett il settimo americano più veloce di sempre nell’evento e quest’anno è l’ottavo al mondo.

Il giovane debuttante dei Sandpipers, Elijah Kharon, è arrivato secondo, con un miglior tempo in carriera di 1:56.66. L’impegno dell’Arizona State è stato un nuotatore in rapida ascesa nei famosi Sandpipers negli ultimi 18 mesi, facendo onde sia in volo che a distanza libera. Dopo aver raggiunto l’incontro, l’età migliore di Kharon era 1:58.70. Ha perso più di un secondo intero nelle preliminari e ha perso altri 8 decimi nella finale di stasera per perdere più di 2 secondi al giorno.

E a completare il podio Sterling Crane con 1:56.75.

Trenton Julian di Mission Viejo ha fatto una nuotata preliminare deludente e ha saltato la finale A, ma ha fatto del suo meglio nella nuotata finale B segnando 1:56.73, che sarebbe stato buono per il bronzo nella finale A. Anche il campione in carica Brendan Burns ha gareggiato di Indiana, detentrice del titolo NCAA, nella finale del Gruppo B, terminando la gara in 1:58.98. Quella nuotata era più tardi del suo orario di inizio, ma Burns ha avuto un enorme calo della giornata, arrivando alla giornata con il miglior tempo della sua vita in 2:01.07.

100 donne libere

  • Record mondiale – 51.71, Sarah Sjostrom (2017)
  • Record americano – 52.04, Simone Manuel (2019)
  • Record degli US Open – 52.54, Simone Manuel (2018)
  • Record LC Nationals – 52.54, Simone Manuel (2018)
  • Record mondiale juniores – 52.70, Penny Oleksiak (2016)

I primi 8 concorrenti:

  1. Natalie Hinds (Club Nuoto Gator): 53.53
  2. Gretchen Walsh (Nashville Aquatic Club): 53.86
  3. Gabi Albero (Louisville): 54.39.39
  4. Mallory Commerford (Tritone): 54.51
  5. Lily Nordman (Club Alto Nuoto): 54.57
  6. Erin Gemmell (la capitale della nazione): 54.62
  7. Erica Bales (Aquila d’acqua): 54.69
  8. Chloe Stepanek (Long Island): 54.71

Natalie Hinds Difendendo la sua posizione nei playoff sin dalla mattina, ha vinto il titolo nazionale con il punteggio di 53,53. È stata sfidata da Gretchen Walsh, uscita molto veloce nella corsia 1. Walsh è sbiadito negli ultimi 15 metri, ma ha comunque concluso la gara con 53.86 per l’argento.

Nuotare per Walsh è come rientrare nell’arena nazionale in questo evento ed è il suo centesimo nuoto libero più veloce in quasi 3 anni. Spesso chiamata la futura velocista femminile americana mentre era al liceo, Gretchen ha vinto sia il 50° che il 100° titolo mondiale di Freestyle Junior nel 2019. Da allora, ha lottato per reclamare quel livello, fino alla finale di stasera.

READ  I Los Angeles Lakers assumono Darvin Hamm come prossimo allenatore: Fonti

A completare il podio Louisville sotto Gabi Albeiro, che ha segnato 54.39. Albiero è sotto di quasi un secondo intero nella giornata, avendo la migliore prestazione di sempre a 55,29 prima della giornata.

Un’altra nuotatrice NCAA che ha registrato un impressionante calo durante la giornata è stata la nuotatrice di Stanford Lily Nordman. Nordman ha deciso di nuotare nei 100 liberi su 200 mosche il suo evento caratteristico, e Nordman è arrivata alla giornata con un 55.41 migliore della vita e ha perso quasi nove decimi per finire a 54.57.

100 stile libero per gli uomini

  • Record mondiale – 46.91, Cesar Cielo (2009)
  • Record americano – 46,96, Caleb Dressel (2019)
  • Record degli US Open – 47.39, Ryan Heald / Caleb Dressel (2019)
  • Record di LC Nationals – 47.39, Ryan Held / Caeleb Dressel (2019)
  • Record mondiale juniores – 47.13, David Popovici (2022)

I primi 8 concorrenti:

  1. Mela Zack (Indiana) /Matt Re (Cavalier Aquatics): 48.44
  2. —–
  3. Shane Casas (Texas Longhorn): 48.46
  4. Destin Lasko (non incluso): 48.75
  5. Danny Krueger (offline): 48.89
  6. Kieran Smith (Ridgefield Aquatic Club): 48.91
  7. Luc Maurer (Alto Swim Club): 48.94
  8. Justin Reese (Missione Viejo): 49.00.00

In un’emozionante finale in cui i primi tre nuotatori sono stati separati da solo 0,02, la Virginia è al di sotto della Division One Matt Re Il pro dell’Indiana Zack Apple ha pareggiato per il titolo nazionale con 48.44. King era inizialmente negli anni Cinquanta, ma Apple ha chiuso duramente negli ultimi anni Cinquanta per mettere mano al muro anche con King.

A toccare solo 0,02 dietro la coppia c’era un professionista del Texas Shane CasasÈ arrivato terzo con il tempo di 48.44. Casas si è qualificato primo dalla competizione, ma non è riuscito a mantenere il suo posto in finale poiché è scivolato al terzo posto.

Cal undergrad Destin Lasko è arrivato quarto con un tempo di 48.75, tre decimi più veloce della sua nuotata preliminare e il miglior nuovo livello della sua vita. Lo studente di Stanford Luke Maurer ha registrato la migliore prestazione della sua vita finendo settimo con un tempo di 48.94, la sua prima volta in assoluto anche sotto la barriera dei 49 secondi.

800 FREESTYLE PER SIGNORE

I primi 8 concorrenti:

  1. Katie Ledecky (Alligatore): 8: 12.03
  2. Maria Denegan (India): 8:31.12
  3. Kinsey McMahon (Alabama): 8:31.92
  4. Erica Sullivan (offline): 8:34.37
  5. Cavan Gormsen (Long Island): 8:35.48
  6. Elise Bauer (Alligatore): 8:37.11
  7. Sierra Schmidt (Scottsdale): 8:41.06
  8. Taylor Matthew (Gator): 8:41.68

in tradizionale Katie Ledecky La moda, la più grande di tutti i tempi, ha dominato la manche finale, vincendo per quasi 20 secondi in 8:12.03. Ledecky è uscita veloce, capovolgendo in 4:02.71 a metà, meno di un secondo più veloce del suo ritmo da record mondiale. Anche se è svanito nella seconda metà della gara, ha comunque dato una prestazione dominante.

READ  Dusty Baker degli Houston Astros è diventato il primo allenatore nero a vincere 2.000 partite, il 12° assoluto

Seconda assoluta è stata Maria Denegan, che è scivolata a più di 11 secondi dalla testa di serie per finire in 8:31.12. In particolare, Dennegan non ha gareggiato nelle finali, ma ha segnato il miglior tempo nelle prime qualificazioni, che hanno detenuto il secondo miglior tempo dell’evento.

Il podio è stato concluso dal membro dell’Alabama National Team Kensi McMahon, che è arrivato terzo con un tempo di 8:31.92 secondi.

Il Texas si è piazzato quarto assoluto, con Erica Sullivan in classifica 8:34.37. Sullivan si è qualificata per le Olimpiadi la scorsa estate mentre si allenava con il suo club locale, i Sandpipers del Nevada, ma questa primavera ha subito un infortunio alla spalla che le ha fatto saltare le prove negli Stati Uniti ad aprile.

Uomini 1500 stile libero

  • Record mondiale – 14: 31.02, Sun Yang (2012)
  • Record americano – 14:36.70, Bobby Fink (2022)
  • Record degli US Open – 14:45.54, Peter Vanderkay (2008)
  • LC Nationals Record – 14: 45.54, Peter Vanderkaay (2008)
  • Record mondiale juniores – 14:46.09, Franco Grycic (2019)

I primi 8 concorrenti:

  1. Will Gallant (Wolfback): 14:57.08
  2. David Johnston (Squadra di nuoto): 15:02.37
  3. Alec Mander (Australia): 15:19.35
  4. Daniel Matheson (Scottsdale): 15:19.99
  5. Matthew Gallia (Australia): 15:20.58
  6. Mickey Calvillo (Indiana Swimming Club): 15:22.38
  7. Chris Nagy (MN): 15:22.49
  8. Elliott Rogerson (Australia): 15:26.68

Stanotte l’undergrad dell’NC State ha fatto una nuotata massiccia nella manche finale, perdendo più di 14 secondi dal suo miglior record in vita per vincere in 14:57.08. Gallant ha nuotato in una gara dal ritmo magistrale con le ultime 5.100 divisioni sotto 1:00, chiudendo a 58,8 per assicurarsi il suo primo sotto le 15:00. È anche diventato il numero 13 tra gli americani più veloci di sempre.

Come stava andando a una nuova vita migliore David Johnston, che ha perso più di 6 secondi per prendere l’argento con un tempo di 15:02:37. Johnston ha preso il comando per la maggior parte della prima metà della gara, ma Gallant aveva un vantaggio negli ultimi 500 metri. Per i suoi sforzi, Johnston scivola tra i primi 20 della classifica americana di tutti i tempi, arrivando al 19° posto. L’australiano Alec Mander ha concluso il podio con il tempo di 15:19.35.

Daniel Matheson, che ha gareggiato alla USC nel suo anno da matricola ma ha annunciato che si sarebbe trasferito nello stato dell’Arizona, ha fatto il miglior nuoto nelle prime qualifiche, perdendo 10 secondi per finire quarto con un tempo di 15:19.99.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply