Questa splendida nebulosa oscura sembra una sentinella cosmica che osserva le stelle: ScienceAlert

Guarda abbastanza in profondità nell’oscurità dello spazio, troverai tutti i tipi di forme che accendono l’immaginazione. Continua a fissarlo e imparerai presto che il nostro universo potrebbe essere più strano e meraviglioso di qualsiasi cosa la mente umana possa immaginare.

Una recente immagine rilasciata dall’Osservatorio europeo meridionale (ESO) ha catturato un piccolo assaggio di questo su scala cosmica: La nebulosa oscura, larga 7 anni luce, sembra un gigantesco faro che osserva il freddo vuoto nero. Forse è un gigante ciclopico in cerca di pianeti da divorare. O la morte stessa, che infesta il cielo, coperto di ombre.

Lungi dall’essere un distruttore di mondi, questa oscurità rappresenta qualcosa di molto più fertile.

La nuova immagine proviene dal Very Large Telescope dell’ESO per celebrare il 60° anniversario dell’osservatorio. Il tema dell’immagine è spaventoso nebulosa conicaparte di un complesso più grande a 2.500 anni luce di distanza chiamato il NGC 2264 Nella costellazione dell’Unicorno (l’unicorno).

Potrebbe non sembrare la maggior parte altre nebulose Sei abituato a vederli brillare intensamente con un’intricata gamma di colori. Questo perché non tutte le nebulose sono uguali. alcuni riflettere la luce dalle stelle vicine. alcuni ionizzati con stelle all’interno, Emettono luce propria.

Alcuni, come la Nebulosa Cono, sono polvere scura e spessa che assorbe la luce visibile. Solo la luce con lunghezze d’onda invisibili all’occhio umano, come infrarossi e radio, può penetrare attraverso di essa.

Immagine completa della Nebulosa Cono dal VLT (Very Large Telescope) dell’ESO. (ESO)

Le nebulose opache di questo tipo sono conosciute come nubi molecolari. Questi includono alcune delle nebulose più interessanti che si possono trovare: i luoghi in cui nascono le giovani stelle. La polvere è un’efficace fonte di luce infrarossa, che porta via l’energia termica e raffredda la nuvola. Senza la pressione esterna del calore, la gravità travolgerebbe i grumi di polvere e gas e li costringerebbe a unirsi.

READ  Il James Webb Space Telescope studierà oggetti ghiacciati nel misterioso "cimitero del sistema solare"

Questi densi ciuffi formano semi di stelle. Mentre ruotano, attirano più massa della nube circostante, fornendo alla protostella in crescita la pressione necessaria per iniziare la fusione nel suo nucleo.

A una certa massa, la stella produce ciò che gli astronomi chiamano luminosità reazioni. Esplosioni di plasma accelerate dalle linee del campo magnetico della stella eruttano dai suoi poli, una forte pressione di radiazione generata dalla luce ultravioletta della stella. Entrambi contribuiscono ai venti stellari che allontanano il materiale dalla giovane stella.

Questo è ciò che conferisce alla Nebulosa Cono la sua forma iconica. Le giovani stelle, che bruciano blu e calde (sebbene appaiano dorate nella nuova immagine), si trovano in un momento della loro vita in cui le loro reazioni si dissolvono nella nebulosa polverosa. Operazioni simili sono state ritagliate per le celebrità pilastri della creazione Strutture all’interno della Nebulosa Aquila.

Poiché la luce infrarossa può penetrare in queste nubi dense, gli strumenti in grado di vedere l’universo in luce infrarossa, come il James Webb Space Telescope, sono preziosi per rivelare i dettagli dei processi di formazione stellare che si svolgono in esse.

Ma le immagini a luce visibile, come quelle del VLT, mostrano dettagli che scompaiono ad altre lunghezze d’onda. Solo studiando l’intero spettro possiamo ottenere una comprensione completa di tutto ciò che è in gioco in queste strutture enigmatiche e meravigliose.

È possibile scaricare versioni in formato sfondo della nuova immagine Dal sito web dell’ESO.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply