Quali sono i costi di chiusura per i venditori di case?

Un cartello “In vendita” e “La vendita è in sospeso” sono stati fotografati a Salt Lake City lunedì 18 ottobre 2021. Secondo il RE/MAX National Housing, Salt Lake City ha il secondo aumento più grande dei prezzi di vendita delle case nello stato Rapporto. (Kristen Murphy, Notizie del deserto)

Tempo di lettura stimato: 5-6 minuti

WASHINGTON – Con l’attuale mercato dei venditori, combinato con una forte domanda e un basso inventario, molti proprietari di case si stanno abbandonando all’idea di mettere in vendita le loro case.

Ma attenzione: se sei pronto a trovare un agente e mettere in vendita la tua casa, ci sono molte commissioni nascoste associate alla vendita di una casa per le quali vorrai prepararti in anticipo.

Vuoi evitare sorprese nel processo di vendita della casa e comprendere i dettagli dei costi di chiusura per i venditori, dagli articoli elencati a come negoziare un affare migliore.

Per cominciare, i costi di chiusura sono le varie commissioni pagate da un acquirente, alcune delle quali pagate dal venditore, per finalizzare una transazione di acquisto di una casa. Molte persone hanno familiarità con i costi di chiusura per gli acquirenti, ma potrebbero non rendersi conto di quali costi di chiusura comportino i venditori.

Ecco alcune commissioni di cui i proprietari di case dovrebbero essere a conoscenza mentre si preparano a concludere un affare.

commissione di agente

Il costo più importante per i venditori di case è la commissione dell’agente. Le commissioni sono generalmente intorno al 5-6% del prezzo di vendita finale, suddiviso tra venditore e agente acquirente. Quindi, su una casa da $ 300.000, la commissione può arrivare fino a $ 18.000.

Tassa di trasferimento

Una volta che la proprietà della casa è stata ufficialmente trasferita, lo stato, la contea e/o la città in cui si trova la proprietà imporranno tasse e commissioni. Sebbene a volte queste commissioni siano divise, è molto comune che il venditore copra questi costi. Queste tasse sono solitamente rappresentate come percentuale del prezzo di vendita finale e variano in base allo stato e all’ubicazione.

assicurazione sulla proprietà

Una polizza di assicurazione sulla proprietà protegge il suo proprietario dalle controversie sulla proprietà della casa.

Esistono due tipi di assicurazione sulla proprietà: il prestatore (che protegge il prestatore) e il proprietario (che protegge il proprietario). Gli acquirenti sono tenuti a pagare la politica immobiliare del prestatore, che di solito è richiesta per chiunque riceva un mutuo. Tuttavia, la questione di chi paga l’assicurazione del titolo del proprietario dipende dallo stato in cui si trova la proprietà.

Costi di garanzia

Il processo di deposito a garanzia inizia quando un acquirente fa un’offerta per l’acquisto di una casa. L’importo del “deposito in buona fede” o “denaro serio” mostra che sono seriamente intenzionati ad acquistare la proprietà e viene depositato su un conto a garanzia controllato da una terza parte neutrale.

Questa terza parte neutrale (nota anche come società di deposito a garanzia) addebita una commissione per i suoi servizi nella creazione dell’impegno. In genere, questa commissione è divisa 50-50 tra l’acquirente e il venditore e varia a seconda di dove si trova la proprietà.

accusa di avvocato

Le transazioni immobiliari sono complesse e l’avvocato di un venditore li aiuterà a sbrigare le scartoffie e ad assicurarsi che non cadano vittime di scappatoie.

Sebbene acquirenti e venditori non siano tenuti ad assumere un avvocato in alcuni stati, è comunque una buona idea assumere un avvocato per esaminare il contratto finale. Tuttavia, assicurati di essere disposto a pagare per il loro tempo. La parcella di un avvocato può variare da $ 150 a $ 500 l’ora per un buon avvocato.

Fatture e pegni pendenti

Spetta al venditore pagare gli articoli ripartiti proporzionalmente come le tasse sulla proprietà e le utenze. Il venditore in genere deve pagare questi importi fino alla data di vendita, a quel punto l’acquirente si assume i costi. I venditori saranno anche responsabili per giudizi pendenti o privilegi sulla proprietà prima che la transazione possa procedere.

Come calcolare i costi di chiusura

I costi medi di chiusura per i venditori vanno dall’8% al 10% del prezzo di vendita finale una volta che tutto è stato detto e fatto, quindi è importante tenere conto di questi soldi nel tuo budget di trasloco generale. Inoltre, questi costi variano a seconda dello stato in cui vive il venditore e sono fortemente influenzati dalle normative e dalle leggi locali.

Ad esempio, in Florida, è normale che il venditore paghi la maggior parte dei costi di chiusura per finalizzare l’affare e sostenere la maggior parte dell’onere finanziario in questo senso. I venditori di solito ricevono pagamenti più alti in Florida, perché i prezzi degli immobili sono più alti. D’altra parte, in Alabama, ad esempio, i costi di chiusura sono generalmente divisi in modo più uniforme tra venditore e acquirente.

I venditori dovrebbero anche prendere in considerazione i costi aggiuntivi, come riparazioni domestiche e bonus ipotecari, quando calcolano quanto pagheranno per vendere le loro case. I venditori spesso apportano miglioramenti estetici o addirittura strutturali a una proprietà prima di metterla in vendita per attirare rapidamente gli acquirenti. Dovranno anche pagare il resto della loro ipoteca e gli interessi maturati per uscire formalmente.

Tutti questi costi possono sommarsi rapidamente, quindi è importante tenere traccia delle tue spese e cercare di rispettare un budget.

Come ridurre i costi di chiusura

I venditori di case possono prendere diversi modi per risparmiare sui costi di chiusura, specialmente nel mercato del venditore. Quando le scorte sono scarse e la domanda elevata, i proprietari di case hanno più leva nel processo di negoziazione e possono chiedere all’acquirente di coprire determinati costi. In effetti, i venditori possono rifiutarsi di pagare i costi di chiusura se pensano di poter ottenere un’offerta migliore da un altro acquirente.

Tuttavia, coprire una parte dei costi di chiusura di un acquirente non deve essere necessariamente una cosa negativa. Nelle giuste circostanze, può aiutare a risparmiare denaro del venditore a lungo termine se l’offerta complessiva dell’acquirente è abbastanza forte. Alcuni aspetti da considerare quando si decide di pagare i costi di chiusura includono:

Poiché il mercato di questo venditore continua a crescere, alcuni esperti prevedono un crollo del mercato immobiliare. Tutti questi motivi in ​​più per essere al passo con le cose e pronti a vendere rapidamente la tua casa se si presenta l’occasione.

Ultime storie di affari e tecnologia

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  T-Mobile si impegna a pagare ai clienti 350 milioni di dollari per violazione dei dati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply