Qual è la struttura indo-pacifica, chi c’è al suo interno e perché è importante

il nostro presidente Joe Biden Ha presentato formalmente l’Indo-Pacific Economic Framework, o IPEF, questa settimana durante il suo primo tour asiatico, rivelando la tanto attesa strategia economica di Washington nella regione Asia-Pacifico.

Arriva cinque anni dopo Gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente della Trans-Pacific Partnership, un accordo commerciale firmato da 12 paesi in Asia Pacifico, Nord America e Sud America.

Con il ritiro degli Stati Uniti, i restanti paesi hanno continuato a lanciare il CPTPP, o il Comprehensive and Progressive Trans-Pacific Partnership, uno dei più grandi accordi commerciali multilaterali al mondo e uno dei La Cina ha chiesto di aderire.

Da allora, gli Stati Uniti sono stati in gran parte assenti nella regione, esacerbati dalla loro guerra commerciale con la Cina. Ma l’IPEF ha rotto il ghiaccio.

Tuttavia, analisti e osservatori affermano che l’accordo manca “dei denti” ed è più simbolico che una politica efficace o reale.

La CNBC dà un’occhiata a ciò che riguarda l’Indo-Pacific Economic Framework.

Cos’è l’IPEF?

Come modo per contrastare la Cina nella regione, è un quadro guidato dagli Stati Uniti per consentire ai paesi partecipanti di consolidare le loro relazioni e impegnarsi in questioni economiche e commerciali critiche di interesse per la regione, come la costruzione di catene di approvvigionamento resilienti colpite dalla pandemia.

Non è un accordo di libero scambio. Non è stato identificato alcun accesso al mercato o tagli tariffari, anche se gli esperti affermano che potrebbe aprire la strada ad accordi commerciali.

“Penso che il presidente Biden, sfortunatamente, abbia indicato che non dovrebbe nemmeno essere visto come l’inizio di un accordo commerciale”, ha detto alla CNBC David Adelman, amministratore delegato di Crane Fund Advisors ed ex ambasciatore degli Stati Uniti a Singapore.

Quello che i partner asiatici vogliono davvero è il commercio. Penso che vogliano entrare nel mercato. E manca davvero l’elemento commerciale dell’IPEF.

Brian Mercurio

Professore di diritto all’Università di Hong Kong, Cina

Né è un accordo di sicurezza, a differenza del Quartetto di quattro nazioni, che comprende Australia, India, Giappone e Stati Uniti.

Per cominciare, gli Stati Uniti collaboreranno con 12 nazioni iniziali che includono membri del Quartetto: Australia, India e Giappone. Comprende anche sette paesi dell’ASEAN come Brunei, Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam, nonché Corea del Sud e Nuova Zelanda.

Washington ha affermato che il quadro è aperto a nuovi partecipanti.

“È un gruppo straordinario di paesi… ma dobbiamo ricordare a noi stessi che questo non è un vero cambiamento politico o una svolta nel commercio transpacifico, è un quadro”, ha affermato Adelman.

Perché la regione indo-pacifica?

Il 23 maggio 2022 il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il primo ministro indiano Narendra Modi partecipano al quadro economico indo-pacifico per la prosperità con altri leader regionali tramite collegamento video.

Saul Loeb | Afp | Getty Images

Il PIL dei paesi partecipanti rappresenta il 40% del PIL mondiale.

Circa il 60% della popolazione mondiale vive nella regione indo-pacifica e si prevede che la regione contribuirà maggiormente alla crescita globale nei prossimi tre decenni, Lo ha detto l’amministrazione Biden.

Il segretario al Commercio Gina Raimondo ha affermato che gli Stati Uniti vogliono ripristinare la loro leadership economica nella regione e “offrono ai paesi indo-pacifici un’alternativa all’approccio cinese”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha anche affermato che il quadro è un modo per gli Stati Uniti di “rafforzare le relazioni con alleati e partner allo scopo di aumentare la prosperità condivisa”.

Ma gli analisti dicono che è “più marketing che politica”.

“La buona notizia è che gli Stati Uniti sono attivamente coinvolti nel commercio in Asia e stanno usando il loro potere per riunire queste dodici importanti economie, e ora la cattiva notizia è che non ci sono davvero denti in questo”, ha detto Adelman.

Quattro pilastri dell’IPEF

Per essere chiari, i termini e i dettagli specifici del quadro sono ancora in fase di elaborazione. Ma per cominciare, ecco i quattro principi fondamentali del framework:

  • Economia connessaStandard e regole più elevati per il commercio digitale, come i flussi di dati transfrontalieri.
  • Economia flessibile: Catene di approvvigionamento resilienti in grado di resistere a interruzioni impreviste come una pandemia.
  • economia pulitaMirare agli impegni e ai progetti di energia verde.
  • economia equaImplementazione del commercio equo, comprese le norme che prendono di mira la corruzione e una tassazione effettiva.

“Se guardi ai quattro pilastri, stai davvero chiedendo ai partner di fare qualcosa per cambiare le loro leggi o i loro regolamenti o il modo in cui operano”, ha affermato Brian Mercurio, esperto di commercio internazionale e professore di diritto presso l’Università cinese di Hong Kong .

“Penso che ciò che gli Stati Uniti devono dare, e l’unica cosa che gli Stati Uniti devono dare, siano i soldi. E penso che alcuni arriveranno presto, in particolare per l’energia pulita, forse anche per la resilienza della catena di approvvigionamento, la lotta alla corruzione, ” disse Mercurio. .

“Ma ovviamente, ciò che i partner asiatici vogliono davvero è il commercio. Penso che vogliano l’accesso ai mercati. E la componente commerciale dell’IPEF è davvero mancante”.

Da dove viene la Cina?

Biden, in quanto naturalista del libero scambio, preferirebbe lavorare con Pechino per aumentare il commercio e la ricchezza per gli Stati Uniti, ma deve affrontare i falchi cinesi al Congresso, il sentimento protezionista negli Stati Uniti e persino la prospettiva di una rinascita Donald Trump.

L’IPEF funge da via di mezzo per i piani di Biden per avere un maggiore controllo sui flussi economici nell’Indo-Pacifico, in particolare con la Cina al centro delle catene di approvvigionamento della regione.

In quanto accordo non commerciale in Asia, Biden non avrebbe bisogno di chiedere l’approvazione del Congresso, evitando così una battaglia per la ratifica interna, hanno affermato in una nota gli analisti del Center for Strategic and International Studies con sede a Washington.

Questo è fondamentale per Biden, ha detto Adelman, che in questo momento deve affrontare un difficile ciclo politico a livello nazionale.

L’ex ministro del Commercio indiano Ajay Dua ha detto alla CNBC che vede il quadro come un’alleanza economica per contrastare l’emergere della Cina in questa regione.

Diverso dai precedenti affari

La Trans-Pacific Partnership, un ambizioso e importante accordo commerciale che coinvolge le nazioni indo-pacifiche, faceva parte del perno strategico del presidente Barack Obama in Asia.

Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo commerciale nel 2017, dopo essere stato criticato dal protezionismo dello spettro politico americano.

Il 23 maggio 2022 il primo ministro giapponese Fumio Kishida, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro indiano Narendra Modi partecipano al quadro economico indo-pacifico per la prosperità.

Saul Loeb | Afp | Getty Images

La Trans-Pacific Partnership si è evoluta in un accordo globale e progressivo per la Trans-Pacific Partnership, ed è ora uno dei più grandi blocchi commerciali del mondo che ha attratto nuovi candidati, inclusa la Cina.

Ma è diverso da TPP o CPTPP.

Julian Chase, professore di commercio alla City University di Hong Kong, ha affermato che il quadro economico indo-pacifico è ancora “lontano dall’ambizione mostrata al momento del lancio del CPTPP”.

“Totale, [this] Sembra dichiarare una sorta di quadro di “legge non vincolante” con una grande flessibilità [allows] I membri devono solo concordare alcune regole/pilastri”.

“Penso che questo quadro di ‘soft law’ consenta una rapida azione degli Stati Uniti [into the region]. “

READ  Generale USA: non c'è bisogno di aggiungere forze di terra in Svezia e Finlandia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply