Qual è la curva dei rendimenti? Sta suonando l’allarme recessione di Wall Street.

Ciò di cui Wall Street ha parlato di più dell’indicatore di recessione è suonare il più grande allarme degli ultimi due decenni, intensificando i timori tra gli investitori che l’economia statunitense si stia dirigendo verso un rallentamento.

Questo indicatore è chiamato curva dei rendimenti ed è un modo per mostrare come si confrontano i tassi di interesse su vari titoli di stato statunitensiE il In particolare, Buoni del Tesoro a tre mesi e Buoni del Tesoro a due e 10 anni.

In genere, gli investitori obbligazionari si aspettano di essere pagati di più per detenere i loro soldi a lungo termine, quindi i tassi di interesse sulle obbligazioni a breve termine sono inferiori a quelli sulle obbligazioni a lungo termine. Sul grafico, i diversi rendimenti delle obbligazioni creano una linea inclinata verso l’alto: la curva.

Ma ogni tanto i tassi di interesse a breve termine salgono al di sopra dei tassi a lungo termine. Questa relazione negativa trasforma la curva in una cosiddetta inversione e indica che la normalità nel più grande mercato dei titoli di Stato del mondo è stata invertita.

È tutto ribaltato Recessione americana Nell’ultimo mezzo secolo, è quindi visto come un presagio di rovina economica. Questo sta accadendo ora.

Mercoledì, il rendimento del Tesoro a due anni era del 3,23%, superiore al rendimento del 3,03% del Tesoro a 10 anni. Un anno fa, per confronto, i rendimenti a due anni erano inferiori di oltre un punto percentuale rispetto ai rendimenti a 10 anni.

Il mantra della Fed sull’inflazione all’epoca era che l’inflazione sarebbe stata temporanea, il che significa che la banca centrale non vedeva la necessità di aumentare rapidamente i tassi di interesse. Di conseguenza, i rendimenti dei Treasury a breve termine sono rimasti bassi.

Ma negli ultimi nove mesi, la Fed è diventata sempre più preoccupata che l’inflazione non andrà via da sola e ha iniziato ad affrontare rapidamente gli aumenti dei prezzi con Aumenta rapidamente i tassi di interesse. Entro la prossima settimana, quando si prevede che la Fed alzerà nuovamente i tassi di interesse, il suo tasso ufficiale sarà balzato di circa 2,5 punti percentuali da quasi zero a marzo, e ciò ha fatto aumentare i rendimenti dei Treasury a breve termine come la banconota a due anni.

D’altra parte, gli investitori temono sempre più che la banca centrale si spinga troppo oltre, rallentando l’economia al punto da provocare una brusca flessione. Questa preoccupazione si riflette nei rendimenti dei Treasury a lungo termine come 10 anni, che ci dicono di più sulle aspettative di crescita degli investitori.

READ  Le azioni AT&T diminuiscono mentre le comunicazioni diminuiscono nelle previsioni del flusso di cassa gratuito

Questa preoccupazione si riflette anche in altri mercati: le azioni statunitensi sono scese di quasi il 17% quest’anno, poiché gli investitori rivalutano la capacità delle aziende di resistere a un rallentamento dell’economia. Il prezzo del rame, leader mondiale grazie al suo utilizzo in una gamma di prodotti di consumo e industriali, è sceso di oltre il 25 per cento; E il dollaro AmericanoUn rifugio nei periodi di ansia, è al suo massimo in due decenni.

Ciò che distingue la curva dei rendimenti è il suo potere predittivo e il segnale di recessione che invia è ora più forte di quanto non lo fosse dalla fine degli anni 2000, quando la bolla azionaria tecnologica iniziò a scoppiare e una recessione era a pochi mesi di distanza.

READ  Elon Musk teme per la sua vita dopo le minacce russe

Quella recessione si è verificata nel marzo 2001 ed è durata circa otto mesi. Quando è iniziata, la curva dei rendimenti era già tornata alla normalità poiché i responsabili politici hanno iniziato a tagliare i tassi di interesse per cercare di riportare l’economia in salute.

Prevista anche la curva dei rendimenti La crisi finanziaria globale iniziata nel dicembre 2007invertito inizialmente alla fine del 2005 e continuato in questo modo fino alla metà del 2007.

Questo track record è il motivo per cui gli investitori nei mercati finanziari hanno ora notato che la curva dei rendimenti si è nuovamente invertita.

“La curva dei rendimenti non è gospel, ma penso che sia a tuo rischio ignorarla”, ha affermato Greg Peters, chief investment officer di PGIM Asset Management for Fixed Income.

A Wall Street, la parte più popolare della curva dei rendimenti è la relazione tra i rendimenti delle obbligazioni a 2 e 10 anni, ma alcuni economisti preferiscono invece concentrarsi sulla relazione tra il rendimento delle obbligazioni a tre mesi ea 10 anni.

Questo gruppo comprende uno dei pionieri nella ricerca sul potere predittivo della curva dei rendimenti.

Campbell Harvey, ora professore di economia alla Duke University, ricorda che gli fu chiesto di sviluppare un modello in grado di prevedere la crescita degli Stati Uniti mentre era uno stagista estivo presso l’ormai defunto minatore canadese Falconbridge nel 1982.

Mr. Harvey ha spostato la curva dei rendimenti, ma gli Stati Uniti erano già in recessione da circa un anno e sono stati rapidamente licenziati dal clima economico.

Non è stato fino alla metà degli anni ’80, quando ha conseguito il dottorato di ricerca. Candidato all’Università di Chicago, completalo cercalo Si scopre che l’inversione dei rendimenti a tre mesi e a 10 anni ha preceduto le recessioni iniziate nel 1969, 1973, 1980 e 1981.

Mr. Harvey ha affermato che preferisce guardare ai rendimenti a tre mesi perché sono vicini alle condizioni attuali, mentre altri hanno indicato che soddisfano direttamente le aspettative degli investitori sui cambiamenti immediati nella politica della Fed.

Per la maggior parte degli osservatori di mercato, tutti i diversi modi di misurare la curva dei rendimenti puntano sostanzialmente nella stessa direzione, indicando un rallentamento della crescita economica. “Sono gusti diversi, ma sono ancora tutti sundae”, ha affermato Bill O’Donnell, stratega dei tassi di interesse presso Citibank.

READ  Futures Dow: il rally del mercato mantiene livelli chiave, il team di Salesforce aumenta in ritardo; Non innamorarti di questo

I rendimenti a tre mesi sono ancora inferiori ai rendimenti a 10 anni. Quindi, con questa misura, la curva dei rendimenti non si è invertita, ma il divario tra di loro si sta rapidamente riducendo a causa delle preoccupazioni per un rallentamento. Entro mercoledì, la differenza tra i rimpatriati era scesa da oltre due punti percentuali a maggio a circa 0,5 punti percentuali, il livello più basso dalla recessione indotta dalla pandemia nel 2020.

Alcuni analisti e investitori sostengono che l’interesse per la curva dei rendimenti come segnale di recessione comune sia sopravvalutato.

Una critica comune è che la curva dei rendimenti non ci dice molto su quando inizierà una recessione, ma è probabile che ci sarà una recessione. Il tempo medio di una recessione dopo che i rendimenti delle obbligazioni a due anni superano i rendimenti a 10 anni è di 19 mesi, secondo i dati di Deutsche Bank. Ma il termine va da sei mesi a quattro anni.

Anche l’economia ei mercati finanziari si sono evoluti dalla crisi finanziaria del 2008, quando il modello era l’ultimo in voga. Il bilancio della Federal Reserve si è gonfiato quando ha ripetutamente acquistato Treasury e obbligazioni ipotecarie per aiutare a sostenere i mercati finanziari, e alcuni analisti sostengono che questi acquisti potrebbero distorcere la curva dei rendimenti.

Questi sono due punti che il signor Harvey accetta. La curva dei rendimenti è un modo semplice per prevedere la traiettoria di crescita degli Stati Uniti e la probabilità di una recessione. Si è dimostrato affidabile ma non è perfetto.

Si suggerisce di utilizzare insieme ai sondaggi Prospettive economiche tra i direttori finanziariche in genere trattengono la spesa aziendale quando diventano più preoccupati per l’economia.

Ha anche citato gli oneri finanziari delle imprese come indicatore dei rischi percepiti dagli investitori nei prestiti alle imprese private. Questi costi tendono ad aumentare con il rallentamento dell’economia. Entrambe le metriche raccontano la stessa storia in questo momento: il rischio è in aumento e le aspettative per un rallentamento crescono.

“Se torno al mio tirocinio estivo, guarderò la curva dei rendimenti? No”, ha detto il signor Harvey.

Ma ciò non significa nemmeno che non sia più un indicatore utile.

“È più che utile. disse il signor Harvey. “I manager di qualsiasi azienda dovrebbero considerare la curva dei rendimenti come un segno negativo e impegnarsi nella gestione del rischio. E anche per le persone. Ora non è il momento di ottenere il massimo dalla tua carta di credito in una vacanza costosa”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply