Preparare gli astronauti per le sfide mentali ed emotive dello spazio profondo

Ma la libertà fluttuante offerta dalla mancanza di attrattiva introduce anche una serie di limitazioni quando si tratta del corpo e della mente umani.

I brevi viaggi nello spazio si sono trasformati dalle prime missioni Mercurio e Apollo a soggiorni di sei mesi o più a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Il laboratorio galleggiante è stato lo sfondo perfetto per gli scienziati che hanno cercato di capire cosa succede realmente a ogni aspetto del corpo umano nell’ambiente spaziale: radiazioni, gravità zero, tutto.

Molti di questi effetti sono stati ben documentati nel tempo, specialmente durante Studio sui gemelli 2019 che ha confrontato i cambiamenti che Scott Kelly ha vissuto dopo quasi un anno nello spazio con quelli di suo fratello gemello, Mark, che rimane sulla Terra.

Christopher Mason di Weill Cornell Medicine ha collaborato con la NASA in questa ricerca e lui e Scott Kelly hanno parlato di questi risultati nel 2022 conferenza sulla vita stessaun evento di salute e benessere presentato in collaborazione con la CNN.

“Cosa ti è mancato di più della Terra quando sei stato via per un anno?” chiese Mason Kelly.

“Il tempo, ovviamente. Pioggia, sole, vento”, ha detto Kelly. “E poi mi mancano le persone… che sono importanti per te, sai, e per la tua famiglia e i tuoi amici.”

Poiché la NASA prevede di riportare gli esseri umani sulla Luna e alla fine di atterrare su Marte attraverso il programma Artemis, c’è un crescente interesse nella comprensione degli effetti che possono verificarsi da viaggi a lungo termine attraverso lo spazio profondo.

La grande domanda che alcuni scienziati si sono posti è se gli esseri umani siano mentalmente ed emotivamente preparati per un così grande salto. In breve: come lo affronteremo?

rilevatore di ricerca

un Studio 2021 Ha fatto vivere i partecipanti per circa due mesi in un’assenza di gravità simulata riposando in un letto speciale con la testa inclinata verso il basso con un angolo di 6 gradi. L’inclinazione crea uno spostamento verticale dei fluidi corporei che gli astronauti sperimentano a gravità zero.

Ai partecipanti veniva chiesto regolarmente di completare i test cognitivi progettati per gli astronauti, relativi alla memoria, all’assunzione di rischi, al riconoscimento delle emozioni e all’orientamento spaziale.

READ  Gli astronomi annunciano la scoperta di buchi neri supermassicci

I ricercatori volevano verificare se provare la gravità artificiale per 30 minuti al giorno, tutto in una volta o in periodi di cinque minuti, potesse prevenire effetti negativi. Mentre i partecipanti allo studio hanno sperimentato un declino cognitivo iniziale nei loro test, si è stabilizzato e non è durato per 60 giorni.

Ma la velocità con cui identificavano i sentimenti generalmente peggiorava. Durante i test, era più probabile che vedessero le espressioni facciali come arrabbiate, piuttosto che felici o neutre.

“Gli astronauti in missioni spaziali lunghe, come i partecipanti alla ricerca, trascorreranno lunghi periodi di tempo in microgravità, confinati in un piccolo spazio con pochi altri astronauti”, ha detto l’autore dello studio Matthias Basner, MD, professore presso il Dipartimento di Psichiatria dell’Università della Pennsylvania Perelman. Scuola di Medicina.

“La capacità degli astronauti di ‘leggere’ correttamente le reciproche espressioni emotive sarà di fondamentale importanza per un efficace lavoro di squadra e per il successo della missione. I nostri risultati suggeriscono che la loro capacità di farlo potrebbe essere influenzata nel tempo”.

Nello studio, non era chiaro se questa debolezza fosse dovuta all’ipogravità simulata o al confinamento e all’isolamento che i partecipanti hanno sperimentato per 60 giorni.

Uno studio separato 2021, pubblicato in Acta Spazioha sviluppato una lista di controllo per la salute mentale basata sui fattori di stress affrontati dagli astronauti, condivisa anche da coloro che trascorrono mesi nelle stazioni di ricerca in Antartide.

Questi due ambienti estremi, lo spazio e il confine del mondo, creano mancanza di privacy, cicli alterati di luce e oscurità, confinamento, isolamento, monotonia e separazione prolungata dalla famiglia e dagli amici.

La professoressa di psicologia dell’Università di Houston Candice Alfano e il suo team hanno progettato la lista di controllo come un modo di auto-segnalazione per tenere traccia di questi cambiamenti della salute mentale. Il cambiamento più grande che le persone hanno riportato nelle due stazioni antartiche è stato una diminuzione dei sentimenti positivi dall’inizio alla fine del soggiorno di nove mesi senza alcun effetto di “rimbalzo” anche mentre si preparavano a tornare a casa.

READ  Il telescopio spaziale Hubble della NASA cattura un triangolo spaziale in formazione stellare

I partecipanti hanno anche utilizzato strategie meno efficaci per promuovere emozioni positive.

“Gli interventi e le contromisure volti a promuovere emozioni positive possono, quindi, essere fondamentali per ridurre i rischi psicologici in circostanze estreme”, ha affermato Alfano.

Proteggere gli esploratori lontano da casa

Aiutare gli astronauti a rimanere sani e sani durante la loro avventura lontano da casa è un obiettivo importante Programma di ricerca umana della NASA. In passato, il programma ha sviluppato contromisure per aiutare gli astronauti a combattere la perdita di massa muscolare e ossea, come gli allenamenti quotidiani sulla stazione spaziale.

I ricercatori stanno studiando attivamente l’idea di come un lavoro mirato possa riunire gli equipaggi. Quando gli astronauti lavorano Come una squadra, sulla stazione spaziale o in un simulatore di Marte ambiente sulla Terra, la loro cooperazione verso un obiettivo comune.

E quando hanno finito con il lavoro, possono passare del tempo insieme a guardare film o godersi attività ricreative per combattere i sentimenti di isolamento.

Tuttavia, una missione su Marte, che potrebbe richiedere mesi o anni a seconda del design del veicolo spaziale, può portare a un senso di monotonia e confinamento. E il frequente contatto con il Controllo Missione e i propri cari sulla Terra diventerà tanto più turbolento quanto più ci si allontana dalla Terra.

Gli astronauti celebrano il raccolto cileno da record nello spazio con la notte dei taco

“Dobbiamo assicurarci di avere una sorta di protocollo individuale e cose che l’equipaggio deve fare”, ha detto Alexandra Whitmer, una scienziata di elementi con il programma di ricerca umana, durante un’intervista con la CNN nel 2021. “È davvero importante per noi capire quelle persone che saranno in questa missione”.

Mentre alcuni membri dell’equipaggio possono portare entusiasmo e appagamento lavorando su esperimenti scientifici, altri potrebbero aver bisogno di armeggiare con altri compiti. La ricerca precedente è già selezionata Caratteristiche principali che potrebbero essere necessarie in un esploratore dello spazio profondocome l’autosufficienza e la risoluzione dei problemi.

Una delle incredibili scoperte sulla stazione spaziale è come il cibo – e la coltivazione dei raccolti – sollevano il morale dell’equipaggio mantenendo un legame tangibile molto importante con casa.

evitare & # 39;  distorsione temporale & # 39;  Vivere nello spazio potrebbe aiutare gli astronauti a prosperare su Marte
Non è sorprendente che Il cibo nello spazio deve essere una fonte di nutrimento sicura e stabile E ha ancora un buon sapore. Ma coltivare attivamente verdure è stata un’esperienza gratificante e deliziosa per gli equipaggi precedenti sulla stazione spaziale.
Gli astronauti hanno riferito quanto sia fedele la cura delle piante a foglia verde, ravanelli e schiusa Peperoncino E guardare le piante prosperare, che alla fine si traduce nella produzione di una taglia commestibile.

Gli scienziati dell’HRP si sono chiesti se questo senso di compiacimento potesse essere fatto un ulteriore passo avanti. Quando gli astronauti sono come Scott Kelly o Christina Koch sono tornati sulla Terra dopo lunghi voli spaziali e hanno parlato di non poter aspettare di sentire di nuovo la pioggia o le onde dell’oceano.

Immagini guidate e capacità di realtà virtuale potrebbero essere una parte necessaria dei futuri voli nello spazio profondo per ricordare agli astronauti la loro connessione sensoriale con “marmo bluAnche mentre si rimpicciolisce fuori dalla vista.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply