Podcast inspiegabile: 7 misteri del sistema solare che gli scienziati non hanno ancora risolto

La prossima volta che guardi una luna piena luminosa, pensa a questo: nessuno sa, con precisione, da dove provenga la luna.

“Non abbiamo idea del perché la luna sia qui”, dice la scrittrice scientifica Rebecca Boyle. inspiegabile – Il podcast Vox che esplora i grandi misteri, le domande senza risposta e tutte le cose noi Impara tuffandoti nell’ignoto. “Penso a molte persone [the moon] Dato per scontato, è questo genere di cose noiose, e le galassie, le nebulose, le stelle e i pianeti sono più interessanti”.

È vero che alcune delle domande epiche della scienza esistono negli angoli più remoti dello spazio – come e quando si sono formate le prime galassie, cosa succede all’interno di un buco nero – ma anche domande epiche sono qui nel nostro quartiere celeste, nel nostro. proprio sistema solare.

Esplorare il nostro sistema solare – le lune e i pianeti in esso contenuti – significa capire meglio cosa è possibile nelle zone più lontane dell’universo. Tutto ciò che troviamo o scopriamo nel nostro cortile cosmico ci aiuterà a capire cosa è possibile nell’universo più ampio. Se si trovano prove di vita antica in un mondo ostile come Marte, potremmo capire meglio come potrebbe essere la vita comune in altri sistemi solari. Se capiamo come un mondo che potrebbe essere stato vibrante come Venere è caduto in rovina, potremmo capire quanto spesso pianeti simili attorno ad altre stelle muoiono alla fine del mondo.

I misteri più provocatori del sistema solare ci aiutano a capire perché siamo qui, quanto tempo potremmo avere e cosa potremmo lasciarci alle spalle. Ecco alcuni dei misteri del sistema solare che abbiamo incontrato inspiegabile.

Per altri enigmi, ascolta e segui inspiegabile Ovunque tu stia ascoltando i podcast.


Cosa ha ucciso Venere?

Le nuvole di Venere furono catturate nel 1974 dalla navicella spaziale Mariner 10 della NASA.
Nasa

“Hellscape” è la parola più appropriata per descrivere la superficie di Venere, il secondo pianeta dal Sole. A 900 gradi Fahrenheit, è il pianeta più caldo del sistema solare, grazie a un’atmosfera composta quasi interamente da anidride carbonica, che genera un potente effetto serra. Nubi di acido solforico altamente corrosivo sono ricoperte da una regione vulcanica di roccia ignea molto tagliente. La pressione sulla superficie di Venere è circa 92 volte quella che si sente al livello del mare sulla Terra.

Tuttavia, alcuni scienziati sospettano che Venere una volta somigliasse alla Terra, con un oceano di acqua liquida come quello che sostiene la vita sul nostro pianeta. Ciò fa sorgere una domanda esistenziale sulla vita sulla Terra.

Robin George Andrews, vulcanologo e autore di “Venere e Terra sono fratelli planetari” Vulcani giganti: cosa rivelano sulla Terra e sui mondi al di là. “Era fatto allo stesso tempo e fatto delle stesse cose, eppure il fiore è orribile e terrificante in ogni modo possibile. La terra è un paradiso. Allora perché abbiamo un paradiso oltre a un paradiso perduto?”

Ci sono due ipotesi principali. Uno è che il sole ha fatto morire Venere. L’altro è che l’hanno fatto i vulcani.

Lettura di approfondimento: Il fiore avrebbe potuto essere il paradiso ma si è trasformato in un inferno. Terrestri, attenti.


Da dove viene la luna?

Questa vista dalla navicella spaziale Apollo 11 mostra la Terra che sorge sopra l’orizzonte della luna.
Immagini HUM / Raccolta globale di immagini

Prima che la luna tramontasse, gli scienziati pensavano di sapere come si era formata la luna. La teoria prevalente era che si formassero in modo molto simile ai pianeti: frammenti di materiale rimasti dalla formazione del Sole, si ammassano insieme. Ma poi, gli astronauti dell’Apollo hanno riportato campioni dalla superficie lunare e quelle rocce hanno raccontato una storia completamente diversa.

“I geologi hanno scoperto che la luna è ricoperta da un tipo speciale di roccia chiamata anortosite”, inspiegabile Il produttore senior Meredith Hudenot spiega nello show. “Brillante, luminosa e riflettente, questa è la roccia che fa brillare di bianco la luna nel cielo notturno. All’epoca si pensava che questa roccia potesse essere formata solo in un modo molto specifico. Magma”.

Ma il magma significava che la luna doveva essersi formata in una specie di catastrofe epica. “Qualcosa che ha pompato così tanta energia nella luna che si è letteralmente sciolta”, dice Hoddinott. Gli scienziati non sono del tutto sicuri di come sia successo tutto questo. Ma ogni scenario è una storia cinematografica di proporzioni focose e terribili.

Lettura di approfondimento: Come le rocce lunari dell’Apollo rivelano l’epica storia dell’universo


C’è qualcosa di vivo nei rifiuti umani rimasti sulla luna?

La lettiera di un astronauta è stata lasciata sulla luna nel 1969.
Nasa

Durante le missioni lunari Apollo, gli astronauti sono andati sulla luna e, per risparmiare peso quando sono tornati sulla Terra, hanno gettato i loro rifiuti dietro di sé. In tutte le missioni Apollo, gli astronauti se ne andarono 96 borse di rifiuti umani sulla luna, e fanno un’affascinante domanda astronomica vitale.

Gli escrementi umani, in particolare le feci, pullulano di vita microbica. Con lo sbarco sulla Luna dell’Apollo, abbiamo portato la vita microbica sulla Terra nell’ambiente più estremo in cui si sia mai trovata. Il che significa che i rifiuti sulla Luna sono un’esperienza naturale, anche se non intenzionale.

La domanda a cui l’esperienza può rispondere: quanto è resiliente la vita di fronte al mostruoso ambiente lunare? A questo proposito, se i microbi possono sopravvivere sulla luna, possono sopravvivere tra i pianeti o? viaggio interstellare? Se riescono a sopravvivere, forse la vita potrebbe diffondersi da un pianeta all’altro, cavalcando sul dorso di asteroidi o altri detriti spaziali.

Lettura di approfondimento: Gli astronauti dell’Apollo hanno lasciato il loro tubo sulla luna. Dobbiamo tornare a queste sciocchezze.


C’era una civiltà avanzata sulla Terra prima degli umani?

Illustrazione del supercontinente Gondwana, una massa terrestre che si formò completamente circa 550 milioni di anni fa e iniziò a disintegrarsi circa 180 milioni di anni fa.
Scienza Foto Bilancia / Getty Images

Molti scienziati si sono sempre chiesti: c’è vita intelligente nelle profondità dello spazio? Ma lo scienziato del clima Gavin Schmidt e l’astrofisico Adam Frank hanno una domanda diversa: c’era vita intelligente nel profondo della storia della Terra? Possiamo trovare prove di un’avanzata civiltà non umana vissuta forse centinaia di milioni di anni fa, sepolta nella crosta terrestre?

Questo non è strettamente un mistero del “sistema solare”, ma è di scala cosmica. In sostanza, Schmidt e Frank si chiedono: quanto è probabile che una forma di vita intelligente su qualsiasi pianeta – qui o nelle profondità più profonde dello spazio – lasci un segno, un segno della loro esistenza? E a questo proposito: tra centinaia di milioni di anni, alcuni degli esploratori spaziali che sono sbarcati sulla Terra saranno in grado di trovare impronte umane se andiamo lontano o lontano?

Lettura di approfondimento: Ipotesi siluriana: nella documentazione geologica si può rilevare una civiltà industriale?


Possiamo spingere un asteroide fuori dalla sua rotta di collisione con la Terra?

Cosa succede se?
Tobias Roach/Future Publishing/Getty Images

Molti disastri – eruzioni vulcaniche, terremoti, uragani, tornado – sono inevitabili. Ne parlano gli scienziati quando, non se colpiranno. Anche se umani Aggrava alcune disgrazieI disastri naturali sono accaduti molto prima che fossimo qui. È un dato di fatto della vita sulla Terra. Ma un tipo di disastro non deve essere inevitabile: la collisione tra asteroide o cometa e terra.

Il problema è: non abbiamo mai provato a distrarre un asteroide e non sappiamo se un piano per farlo funzionerà.

Per aiutare a rispondere a questa domanda, l’anno scorso la NASA ha lanciato un programma Test di reindirizzamento del doppio asteroide (DART), un box delle dimensioni di un’auto con pannelli solari. Attualmente è in viaggio verso un asteroide alto 160 metri chiamato Dimorphos. In autunno, DART si schianterà contro Dimorphos a 24.000 chilometri orari (circa 15.000 miglia orarie) alla ricerca di una grande domanda: la collisione potrebbe spingere l’asteroide in un’orbita leggermente diversa?

Lettura di approfondimento: La ricerca per evitare un disastro di asteroidi sta andando sorprendentemente bene


C’era vita su Marte?

Il rover Perseverance si fa un selfie su Marte.
NASA/JPL-Caltech/MSSS

Marte oggi è un deserto, privo di segni visibili di vita. Ma nel corso degli anni, gli scienziati hanno scoperto prove della perdita di Marte, molto tempo fa, che potrebbero assomigliare molto alla Terra.

“Marte è un posto molto diverso oggi rispetto a 4 miliardi di anni fa, ma puoi vedere le prove di com’era”, ha detto l’astrobiologo della NASA Lindsey Hayes. “Vedi cose come i resti di un enorme delta di un fiume, che indica non solo il flusso d’acqua, ma probabilmente hai avuto molta acqua che scorre per un lungo periodo di tempo che ha continuato a depositare sedimenti”.

E dove c’era acqua, poteva esserci vita. L’anno scorso un nuovo rover è atterrato su Marte e questa è la nostra migliore occasione per rispondere alla domanda “C’è mai stata vita su Marte?” Se la risposta è “sì”, potrebbe cambiare la nostra comprensione di quanto sia diffusa la vita nell’universo.

Il inspiegabile Un episodio su Marte andrà in onda il 22 giugno.

Lettura di approfondimento: L’ultima sonda della NASA è la nostra migliore possibilità di trovare la vita su Marte


C’è un vero nono pianeta in agguato nell’oscurità?

Plutone 13 luglio

Scusa, Plutone, potrebbe esserci un nuovo nono pianeta.
NASA-JHUAPL-SWRI

Nel 2006, l’Unione Astronomica Internazionale Vota per il cambiamento Definisci cosa costituisce un pianeta e Plutone non ha fatto il taglio. Non ci sono più nove pianeti ufficiali nel sistema solare, ma otto.

Ma poi “abbiamo iniziato a ricevere questi suggerimenti che qualcos’altro esisteva davvero – e un vero pianeta gigante che pensiamo sia ancora in agguato lontano da Nettuno, in attesa di essere trovato”, afferma l’astronomo Mike Brown. inspiegabile. Gli astronomi non hanno ancora scoperto questo pianeta, ma dubitano della sua esistenza: altri oggetti lontani del sistema solare sembrano essere stati influenzati dalla sua gravità.

Potrebbero questi suggerimenti portarci su un vero e proprio nuovo nono pianeta? Può. Ma sarà difficile da trovare.

“È un po’ come prendere un granello di sabbia nera e gettarlo sulla spiaggia”, dice Brown del processo di ricerca. “Sarebbe un po’ difficile trovarlo in mare tra gli altri. E questo è il problema del Pianeta Nove.”

Lettura di approfondimento: Alla ricerca del pianeta 9


Se hai idee per argomenti per spettacoli futuri, inviaci un’e-mail a unexplainable@vox.com.

READ  Il telescopio James Webb invia una nuova immagine della stella

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply