Perché i rialzisti del mercato azionario incoraggiano l’S&P 500 a chiudere sopra 4231

L’S&P 500 ha chiuso venerdì al di sopra del livello del grafico che ha fornito una dose di incoraggiamento ai rialzisti del mercato azionario sostenendo che il fondo del mercato ribassista statunitense è all’interno, anche se gli analisti tecnici hanno avvertito che potrebbe non essere un segnale di intervento sulle azioni.

Indice S&P 500 SPX,
+ 1,73%
Venerdì è salito dell’1,7% per chiudere a 4280,15. Un traguardo sopra 4.231 significa che il grande indice azionario ha recuperato – o rimbalzato – di oltre il 50% del suo calo da un record del 3 gennaio a 4.796,56.

“Dal 1950, non c’è stato alcun rally del mercato ribassista che ha superato il livello di ritracciamento del 50% e successivamente è passato a nuovi minimi del ciclo”, ha affermato Jonathan Krinsky, Chief Market Technical Officer di BTIG, in una nota all’inizio di questo mese.

I negozi è salito su tutta la linea venerdì, Con l’S&P 500 che registra un quarto guadagno settimanale consecutivo. Dow Jones Industrial Average DJIA,
+ 1,27%
È avanzato di oltre 420 punti, o dell’1,3%, venerdì e il Nasdaq Composite,
+ 2,09%
È aumentato del 2,1%. L’indice S&P 500 ha tentato di completare la correzione nella sessione di giovedì, quando è stato scambiato fino a 4257,91, ma ha rinunciato ai guadagni per terminare a 4207,27.

Krinsky, nell’aggiornamento di giovedì, ha notato che il breakout giornaliero del livello non lo sta tagliando, ma ha avvertito che una chiusura sopra 4231 lo lascia ancora cauto sulle prospettive a breve termine.

“Dato che il ritracciamento è basato sulla chiusura, vorremmo vedere una chiusura sopra 4231 per attivare questo segnale. Indipendentemente dal fatto che ciò avvenga o meno, il rischio/ricompensa tattico ci sembra negativo qui”.

READ  I prezzi di Alibaba e JD.com aumentano mentre la Cina si impegna a sostenere i mercati

Cosa caratterizza il ritracciamento del 50%? Molti analisti tecnici prestano attenzione a ciò che è noto come il rapporto di Fibonacci, attribuito al matematico italiano del XIII secolo noto come Leonardo “Fibonacci” di Pisa. Si basa su una serie di numeri interi in cui la somma di due numeri adiacenti è uguale al numero immediatamente superiore (0,1,1,2,3,5,8,13,21…).

Se un numero nella sequenza è diviso per il numero successivo, diciamo 8 diviso per 13, il risultato si avvicina a 0,618, un rapporto che è stato chiamato la media aurea a causa della sua prevalenza in natura in tutto, dalle conchiglie alle onde oceaniche alle proporzioni umane. corpo. Tornando a Wall Street, gli analisti tecnici vedono importanti obiettivi di correzione per il rally da un minimo importante a un massimo importante al 38,2%, 50% e 61,8%, mentre i ritracciamenti del 23,6% e del 76,4% sono obiettivi secondari.

Il rally al di sopra del livello di ritracciamento del 50% durante la recessione di giovedì potrebbe aver contribuito alla vendita stessa, ha affermato venerdì Jeff Degraaf, fondatore di Renaissance Macro Research.

Ha notato che il rimbalzo coincide con il massimo di 65 giorni dell’S&P 500, che fornisce un’altra indicazione della tendenza al miglioramento in un mercato ribassista in cui segna il livello più alto nell’ultimo trimestre di negoziazione. Il massimo di 65 giorni è spesso visto come un segnale ipotetico per i consulenti di trading di materie prime, non solo nell’S&P 500 ma anche nei mercati delle materie prime, obbligazionari e forex.

Ha scritto: “Questo livello coincide per caso con il livello di ritracciamento del 50% del mercato ribassista”. “In sostanza, la mano di un gruppo è stata costretta a coprire i cortometraggi (CTA) mentre allo stesso tempo ha dato a un altro gruppo (seguaci di Fibonacci) una scusa per vendere”, giovedì.

READ  Il rendimento del Tesoro a 10 anni è salito sopra il 2,6% dopo il discorso di Brainard

Nel frattempo, Krinsky ha avvertito che i precedenti recuperi del 50% nel 1974, 2004 e 2009 hanno subito buoni tremori subito dopo il superamento di tale soglia.

“Inoltre, mentre il mercato cantava ‘picco di inflazione’, ora stiamo assistendo a una tranquilla ripresa di molte materie prime e le obbligazioni continuano a indebolirsi”, ha scritto giovedì.

Vediamo: L’euforia del mercato azionario incontra il pessimismo del mercato obbligazionario quando la “settimana strana” finisce

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply