Pechino intensifica le restrizioni mentre il virus si diffonde in Cina

  • Pechino chiude decine di stazioni della metropolitana e linee di autobus
  • Estende le restrizioni su ristoranti e altri luoghi
  • Zhengzhou imporre alcune restrizioni COVID la prossima settimana
  • Shanghai soffre ancora del lockdown totale

PECHINO/SHANGHAI (Reuters) – Pechino ha chiuso dozzine di stazioni della metropolitana e linee di autobus e ha ampliato le restrizioni COVID-19 in molti luoghi pubblici, e gli sforzi si sono concentrati per evitare il destino di Shanghai, poiché milioni di persone sono ancora sotto stretto blocco. di un mese.

Anche la città centrale di Zhengzhou aveva annunciato restrizioni, unendosi a dozzine di grandi centri abitati sotto una qualche forma di blocco mentre la Cina cerca di sradicare un virus che si ritiene sia emerso per la prima volta nella città di Wuhan alla fine del 2019.

I dati mostrano che quella lotta incessante sta minando la sua crescita e danneggiando le aziende internazionali che vi investono, oltre a suscitare rari scoppi di malcontento nell’opinione pubblica.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Con dozzine di nuovi casi al giorno, Pechino spera che i test di massa rilevino e isolino il virus prima che si diffonda. Dodici dei 16 distretti della città hanno condotto il secondo di tre round di test questa settimana.

La città di 22 milioni di persone mercoledì ha chiuso più di 60 stazioni della metropolitana, circa il 15% della rete, e 158 linee di autobus, principalmente nel distretto di Chaoyang, l’epicentro dell’epidemia a Pechino, hanno affermato i fornitori di servizi.

Funzionari di Pechino hanno anche affermato che la chiusura di scuole, ristoranti, palestre e luoghi di intrattenimento, nonché di alcune attività commerciali e condomini, si estenderà oltre le festività del Primo Maggio dal 30 aprile al 4 maggio, senza specificare un lasso di tempo. Leggi di più

READ  La televisione di stato russa ha ammesso che l'esercito di Vladimir Putin era completamente imbarazzato nella guerra in Ucraina

I residenti sono stati incoraggiati a lavorare da casa da giovedì, invece di tornare negli uffici ove possibile.

Martedì in ritardo, Zhengzhou, sede di 12,6 milioni di persone e la fabbrica del produttore di iPhone Foxconn (2354.TW), ha annunciato il lavoro da casa e altre restrizioni COVID per la settimana a venire. Foxconn ha detto mercoledì che stava continuando la produzione lì. Leggi di più

Intanto a Shanghai è ancora in vigore il lockdown totale.

Più di un mese dopo, la maggior parte delle persone nella città più grande della Cina non è ancora in grado di lasciare i propri complessi di appartamenti.

Alcuni hanno beneficiato dell’allentamento temporaneo delle restrizioni da domenica, quando di solito solo un membro della famiglia può uscire per passeggiate e fare la spesa.

Gli ultimi dati hanno mostrato che Shanghai ha trovato 63 nuovi casi al di fuori delle aree soggette a severe restrizioni, suggerendo che ha molta strada da fare prima di raggiungere l’obiettivo di zero casi di più giorni per allentare significativamente le restrizioni.

L’isolamento ha portato a un gioco del gatto e del topo tra censori e utenti dei social media che si sforzano di mantenere in circolazione le prove delle difficoltà. Alcuni si sono rivolti alla tecnologia blockchain per proteggere dalla cancellazione video, foto e opere d’arte sull’argomento. Leggi di più

Tali atti di sfida sono imbarazzanti per il Partito Comunista al potere in un anno in cui il presidente Xi Jinping dovrebbe assicurarsi un terzo mandato.

Le autorità affermano che la loro politica anti COVID mira a salvare vite umane, indicando i milioni di morti a causa del virus al di fuori della Cina, poiché molti paesi adottano una strategia “vivi con COVID” in mezzo alla diffusione dell’infezione.

READ  Gli Stati Uniti vietano le importazioni di petrolio russo e Biden avverte dei "costi"

Ma la politica sta danneggiando il consumo e la produzione interni, interrompendo le catene di approvvigionamento globali e riducendo le entrate per i marchi globali, inclusa Apple (AAPL.O)padre di Gucci Portachiavi (PRTP.PA) E il proprietario di Taco Bell Yum China (9987.HK). Leggi di più

Capital Economics ha stimato che il COVID si è diffuso nelle regioni che generano il 40% della produzione cinese e l’80% delle sue esportazioni, mentre Fitch Ratings ha abbassato le previsioni di crescita del PIL per il 2022 al 4,3% dal 4,8%, ben al di sotto dell’obiettivo ufficiale cinese del 5,5%.

Diverse fabbriche sono state chiuse dopo la chiusura di Shanghai da marzo. Mentre alcuni stanno iniziando a riaprire, recuperare i lavoratori e sbloccare le catene di approvvigionamento si è rivelato difficile. Leggi di più

L’agenzia di stampa Xinhua ha riferito che 252 aziende, ovvero il 52% del totale, avevano ripreso a lavorare nella zona di libero scambio di Lingang della città, a partire dal 3 maggio. Ha aggiunto che le autorità supportano i test sui lavoratori per il virus Corona e prevedono esenzioni dagli affitti.

Anche il commercio internazionale è in subbuglio.

Uno studio della Royal Bank of Canada ha rilevato che un quinto della flotta globale di navi portacontainer è bloccata nei porti. Leggi di più

E nel porto di Shanghai, 344 navi erano in attesa di attraccare, con un aumento del 34% rispetto al mese scorso. Lo studio ha affermato che ci vogliono 74 giorni in più del solito per spedire qualcosa da un magazzino in Cina a un altro negli Stati Uniti.

Reporting su Aizhou Chen, He Xiang Ming, Brenda Goh e gli uffici di Pechino e Shanghai; Scritto da Marius Zaharia. Montaggio di Robert Percell e John Stonestreet

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply