Parti della Grande Barriera Corallina australiana mostrano la copertura corallina più alta degli ultimi 36 anni

MELBOURNE/SYDNEY (Reuters) – Due terzi della Grande Barriera Corallina australiana hanno mostrato la maggior copertura corallina in 36 anni, ma le barriere coralline rimangono vulnerabili all’aumento frequente dello sbiancamento di massa, secondo quanto riportato giovedì da un programma ufficiale di monitoraggio a lungo termine. .

L’Istituto australiano di scienze marine (AIMS) ha affermato che il recupero nei tratti centrali e settentrionali della barriera corallina, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, contrasta con la regione meridionale, dove si è verificata una perdita di copertura corallina a causa di un focolaio di corona di stelle marine spine (AIMS). nella sua relazione annuale.

“Quello che stiamo vedendo è che la Grande Barriera Corallina rimane un sistema resiliente. Mantiene ancora questa capacità di riprendersi dai disturbi”, ha detto a Reuters Mike Emsley, leader del programma di monitoraggio AIMS.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Ma la cosa preoccupante è che la frequenza di questi eventi di disturbo è in aumento, in particolare gli eventi di sbiancamento di massa dei coralli”, ha detto.

Il rapporto arriva mentre l’UNESCO sta valutando se elencare la Grande Barriera Corallina come “in pericolo”, a seguito di una visita degli esperti dell’UNESCO a marzo. Una riunione del Comitato del Patrimonio Mondiale in cui il destino delle barriere coralline era all’ordine del giorno doveva svolgersi in Russia a giugno, ma è stata posticipata.

In una misura chiave della salute della barriera corallina, l’AIMS identifica una copertura di corallo duro superiore al 30% come un valore elevato, sulla base di indagini a lungo termine sulla barriera corallina.

Nella regione settentrionale, la copertura media di corallo duro è cresciuta al 36% nel 2022 da un minimo del 13% nel 2017, mentre nella regione centrale la copertura di corallo duro è salita al 33% da un minimo del 12% nel 2019 – sono stati registrati livelli più elevati per entrambe le aree da quando l’istituto ha iniziato a monitorare la barriera corallina nel 1985.

Tuttavia, nella regione meridionale, che generalmente ha una copertura di corallo duro più elevata rispetto alle altre due regioni, la copertura è scesa al 34% nel 2022 dal 38% dell’anno precedente.

La ripresa arriva dopo il quarto sbiancamento di massa in sette anni e il primo durante la manifestazione La Nina, che di solito fa abbassare le temperature. Nonostante l’ampiezza dello sbiancamento, ha affermato l’istituto, lo sbiancamento nel 2020 e nel 2022 non è stato così dannoso come nel 2016 e nel 2017.

Sul lato negativo, la crescita della copertura è stata guidata dai coralli Acropora, che secondo l’AIMS sono particolarmente vulnerabili ai danni delle onde, allo stress da calore e alle stelle marine spinose.

“Siamo davvero in acque inesplorate quando si tratta degli effetti dello sbiancamento e di cosa significa andare avanti. Ma anche oggi è ancora un posto fantastico”, ha detto Emsley.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

READ  La Russia potrebbe essere inadempiente sul suo debito entro pochi giorni

Rapporti aggiuntivi di Sonali Paul a Melbourne e James Redmayne a Sydney; Montaggio di Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply