Olympic 2022 Live: ultimo conteggio delle medaglie, notizie su hockey e sci

debito…Dylan Martinez / Reuters

Alex Hall ha fatto un grido quando ha lasciato cadere la sua ultima presa nel percorso in stile slope, e poco prima che i giudici gli dessero il punteggio vincente. Questo, ha detto in seguito, è stato il miglior flusso della sua vita.

“Oh, sono eccitato”, ha detto. “Non posso credere che sia arrivato.”

Hall era uno dei tre americani in attesa di una medaglia all’evento in stile pista da sci freestyle maschile.

Due di loro lo hanno fatto: Hall ha vinto l’oro e Nick Cooper ha vinto l’argento, un altro a Sunny, Genting Snow Park sotto zero. Lo svedese Jasper Djider ha vinto il bronzo.

In una competizione che conta solo il miglior punteggio di uno sciatore, Hall ha stabilito lo standard all’inizio con un punteggio di 90,01 nella prima delle tre discese. Tutti gli altri hanno cercato di trascorrere una fredda mattinata, ma nessuno l’ha fatto. Cooper ha segnato 86,48 nella sua seconda manche.

Quando viene visualizzato il punteggio, dice “OK”. “Lo prendo.”

Ciascuno degli americani in finale ha inventato una storia molto ottimista ed eccitante. Il 27enne Gopher voleva finire l’arcobaleno completo delle medaglie di bronzo nel 2014 e d’argento nel 2018. Ha combattuto contro l’alcolismo e la depressione e ha parlato delle sue lotte dopo la sua esibizione del 2018 a Pyongyang, in Corea del Sud.

In un’intervista del mese scorso, Koper si è detto felice Altri olimpionici sono sempre più disposti a discutere della loro salute mentale.

READ  La MLB considera la strategia dei playoff per ritardare Jacob deGrom

Colby Stevenson, 24 anni, è stato coinvolto in un incidente d’auto in ritardo su una strada rurale nell’Idaho nel 2016. Ha trascorso giorni in coma, ma si è ripreso per tornare al tour mondiale e vincere grandi eventi. A queste Olimpiadi, ha vinto una medaglia d’argento nel big air ed è stato un contendente per un’altra medaglia nello stile delle piste.

Invece, è arrivato settimo senza essere in grado di atterrare la corsa che aveva immaginato pulita.

“Ho dato tutto quello che avevo”, ha detto dopo la sua ultima possibilità.

Il giorno appartiene a Hall. Il 23enne è nato in Alaska, ma è cresciuto principalmente in Svizzera ed era figlio di professori dell’Università di Zurigo. Non si è allenato fino all’età di 16 anni, quando è stato invitato dalla squadra americana di Freesky ad allenarsi nello Utah. Un tempo voleva competere con l’Italia di sua madre.

Quel background, liberato dalle barriere degli allenamenti e delle competizioni giovanili, gli ha conferito una mentalità un po’ indipendente.

È arrivato 16° nello stile delle piste alle Olimpiadi invernali di Pyongyang 2018, quando è iniziata la sua carriera. Ha vinto la Coppa del Mondo quell’anno e gli X Games nel 2019. È arrivato terzo ai Mondiali dell’anno scorso.

È alto, più di un metro e ottanta, ma spesso si trova da solo sui pendii per il suo carattere originale.

Dave Euler, un allenatore di freesky americano, ha detto di Hall a dicembre: “Lo troverai fare un uso creativo di tubi e burro per il naso durante il corso e il curriculum.” È un utente di lezione molto creativo.

READ  Aggiornamenti live Russia-Ucraina: Putin ha difeso la sua guerra

Le Olimpiadi sono il finale del percorso in stile pista, un luogo unico – ma temporaneo, fatto di neve – progettato come parte di un muro più grande vicino. La combinazione di rotaie, ostacoli e salti ha creato molte possibilità, ma ha perseguitato alcuni dei migliori sciatori e freeskier del mondo. A Hall e Cooper è piaciuto.

“Una volta standardizzato questo gioco, lo ucciderai”, ha detto Gopher. “Quindi, se ci lasci la creatività e l’abilità artistica, manterrà questo gioco fresco”.

Ecco perché Hall era considerato degno dei campioni olimpici. Ha vinto grandi tornei con vertigini, una tendenza spin-to-win inarrestabile sia nel priking che nello snowboard, che preoccupa i puristi.

Ma mercoledì, Hall ha escogitato un sacco di trucchi tecnici, sperando che i giudici lo avrebbero premiato per la sua originalità piuttosto che per la rotazione.

Anche se in realtà è stata una rotazione di 900 gradi, è stato solo uno dei suoi ultimi salti, che ha ottenuto solo due volte prima, metà dei tanti trick di questi tempi. Come lo ha descritto Hall, si è girato da una parte nell’aria, si è fermato prima di atterrare e si è girato dall’altra.

Ciò ha portato all’urlo.

“Se non sono felice di farlo, non c’è davvero alcun motivo per farlo”, ha detto Hall. “Quindi posso farlo anche io dando piacere.”

Il suo sorriso era oscurato da una maschera, simbolo delle Olimpiadi tenutesi durante un’epidemia. Ma i suoi occhi brillavano sotto le sopracciglia gelate. Portava sulle spalle una bandiera americana e, presto, una medaglia d’oro al collo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply