Oggi ricorre l’undicesimo anniversario della morte di Steve Jobs

Co-fondatore e CEO di Apple Steve Jobs è morto di cancro al pancreas 11 anni fa oggi. Probabilmente è ricordato soprattutto per aver introdotto l’iPhone il 9 gennaio 2007. Con una performance impeccabile sia per Jobs che per l’iPhone, Steve ha mostrato il dispositivo con la sicurezza di un uomo che sapeva di mostrare un dispositivo che stava per cambiare il mondo.
Jobs aveva solo 56 anni quando è scomparso e, ironia della sorte, solo un giorno prima della sua morte, Apple ha presentato l’iPhone 4S. Questo è stato il primo iPhone ad avere Siri, e mentre alcuni hanno affermato che la lettera “S” nel nome del telefono rappresentava Siri, altri (pochi giorni dopo la sua rivelazione) hanno affermato che era un tributo a Steve Jobs. In realtà nessuno aveva ragione. Come ha fatto con l’iPhone 3GS, Apple stava semplicemente aggiungendo la lettera al nome dell’iPhone dell’anno precedente con lo stesso design del nuovo modello.

Questa e-mail diceva: “Ciao Mr. Jobs, adoro il mio nuovo iPhone 4 (ottimo lavoro) ma quando metto le mani sui cinturini d’acciaio perdo tutta la ricezione. Sembra essere un problema comune. Ci sono piani per risolverlo? Grazie Aram. Jobs ha risposto: “Evita solo di prenderlo in quel modo”. In qualche modo, questa risposta è diventata una citazione diretta di Steve che diceva: “Hai capito male”. Alla fine, Apple ha inviato paraurti in gomma gratuiti Quello era proteggere le bande dell’antenna dalle interferenze delle tue mani.
Prima dell’iPhone, Jobs era tornato trionfalmente in Apple nel 1997. Aveva nominato il CEO di Pepsi John Sculley come CEO di Apple nel 1983. Ha poi licenziato Scully Jobs che ha lavorato alla Pixar (poi acquisita dalla Disney) e una società chiamata Next nel processo . . lontano da mela. Quando ha acquistato Apple Next, ha dato a Jobs un modo per tornare in Apple e assumere la carica di CEO (anche se doveva essere su base temporanea).
READ  I cavi USB magnetici antigroviglio sono disponibili qui

Jobs ha rilasciato una serie di prodotti che potremmo non rivedere mai più. Per prima cosa è arrivato l’iMac con la sua plastica trasparente colorata. Poi è arrivato l’iPod, il lettore MP3 di Apple che conteneva 1.000 fantastici brani con una durata della batteria di 10 ore. L’iPhone è stato il prossimo (in parole povere) seguito dall’iPad.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply