NFL-NFLPA conclude che l’ultima commozione cerebrale di Tua Tagovailoa è stata gestita correttamente

Immagini Getty

Per la seconda volta quest’anno, la NFL e la NFL Players Associates hanno condotto e completato una revisione congiunta per stabilire se il protocollo di commozione cerebrale fosse applicato correttamente a un quarterback dei Dolphins. Toa Tagovailoa.

Lega e federazione hanno rilasciato sabato un comunicato congiunto.

“La NFL e la NFL hanno concluso la loro revisione congiunta dell’applicazione del protocollo di commozione cerebrale che coinvolge il quarterback dei Miami Dolphins Tua Tagovailoa nella partita di domenica contro i Green Bay Packers”, si legge nella dichiarazione. La revisione congiunta ha stabilito che il protocollo non è stato attivato. Il protocollo inizia quando un atleta riceve un colpo alla testa e mostra o riporta segni o sintomi indicativi di una commozione cerebrale. La revisione ha stabilito che i sintomi della commozione cerebrale non sono comparsi e non sono stati segnalati fino al giorno successivo, momento in cui il personale medico del team ha effettuato una valutazione adeguata e ha sottoposto il sig. Tagovailoa al protocollo della commozione cerebrale.

La dichiarazione fa luce sulla questione se si debba controllare Tagovailoa dopo che ha battuto la testa sul tappeto erboso, alla fine del secondo quarto di gioco. Forse se qualcuno avesse guardato più da vicino, avrebbe deciso di ritirare Tagovailoa dal gioco.

In effetti, il fatto che a persone piaccia Darrell Bevel, il coordinatore offensivo dei DolphinsHo visto alcune cose nel gioco“Il suggerimento che qualcosa non andava mostra che se qualcuno si fosse preso la briga di valutare un tua dopo aver colpito la testa, qualcuno avrebbe potuto vedere i sintomi di un trauma cranico.

READ  Il proprietario dei Mets Steve Cohen capisce la matematica nel continuare a spendere con Carlos Correa

Inoltre, il commento di Bevel contraddice direttamente Annunciando che nessun sintomo “è comparso” fino a lunedì.

Non c’è dubbio che domenica abbia subito una commozione cerebrale. L’affermazione, francamente, danza attorno alla domanda più importante.

Perché qualcuno, a un certo punto durante la partita, non si è assicurato che Tua stesse bene dopo che la sua testa aveva ovviamente toccato terra?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply