Nei 33 anni trascorsi da Tienanmen, la Cina ha imparato a soffocare l’attivismo

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Una volta alla settimana, attivisti cinesi Sophia Huang Xueqin Wang Jianping ha riunito amici e conoscenti, principalmente solo per parlare.

Nell’appartamento di Wang con una camera da letto nel centro di Guangzhou, i partecipanti condivideranno le loro esperienze sul lavoro nel settore no-profit assediato della Cina, sull’essere gay o sul mantenimento della salute mentale quando è emarginato dalla visione della società del PCC.

A volte il gruppo si limitava a guardare un film, fare una lunga passeggiata o giocare a mah-jongg oa un gioco da tavolo. Doveva essere uno spazio sicuro e inclusivo per sostenersi a vicenda o parlare apertamente di idee vietate dal discorso pubblico dalla censura statale.

Ora, in parte a causa di questi raduni, Huang e Wang sono accusati di “incitamento alla sovversione del potere statale”.

Le donne cinesi rivelano molestie sessuali, ma il movimento #MeToo fatica a respirare

Quasi nove mesi dopo la loro scomparsa, il caso dello “xuebing” – l’amalgama di nomi usati dai suoi sostenitori – è diventato un esempio della misura in cui il Partito Comunista andrà a soffocare idee divergenti dalle proprie. Ora, 33 anni dopo che la manifestazione di piazza Tienanmen è stata repressa, le autorità si stanno assicurando che tali movimenti non inizino mai.

In combinazione con una campagna di alto profilo per reprimere la difesa pubblica da parte di attivisti pro-democrazia e avvocati per i diritti umani, lo stato di sicurezza cinese sta dedicando sempre più vaste risorse al monitoraggio della vita privata delle persone socialmente attive con punti di vista che considera problematici.

Attivisti per i diritti umani hanno criticato la visita della scorsa settimana dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet in Cina, dove ha visitato solo critica cauta per una campagna di arresti di massa nello Xinjiang. Lo hanno espresso i sostenitori di Huang e Wang frustrazione Anne Bachelet, parlando all’Università di Guangzhou, a pochi minuti da dove viveva Wang, ha elogiato “le azioni e le azioni dei giovani che sfidano la discriminazione, l’ingiustizia e la disuguaglianza” ma non ha sollevato pubblicamente la questione.

Da quando la coppia è stata arrestata nel settembre 2021, il giorno prima che Huang si recasse in Gran Bretagna per studiare, la polizia cinese ha interrogato dozzine di persone che partecipavano a riunioni settimanali, a volte viaggiando attraverso il paese per rintracciarle o portare le persone per strada. gli amici intimi dei due hanno detto al Washington Post nelle interviste. L’interrogatorio di solito dura 24 ore.

READ  Elezioni francesi: Emmanuel Macron e Marine Le Pen sulla buona strada per passare al ballottaggio, secondo i dati

Le persone, che hanno chiesto l’anonimato per paura di rappresaglie, affermano che non vi è alcuna base per considerare le riunioni dirompenti. Tuttavia, durante l’interrogatorio è emerso che questa era la conclusione a cui è giunta la polizia. Un amico ha detto che gli investigatori hanno utilizzato le foto degli eventi all’inizio del 2021, indicando che avevano monitorato il gruppo per più di sei mesi prima che Huang e Wang fossero arrestati.

La polizia ha definito questi incontri un tentativo di sabotare lo stato una “calunnia completa”, ha detto uno degli amici intimi di Huang che ha partecipato alle manifestazioni. “Sono tori completi —, provenienti dalla loro paranoia.”

“Stavamo solo facendo amicizia e parlando di argomenti che andavano da quanto sia difficile essere gay o quante notti insonni abbiamo passato questa settimana a quanto sia difficile trovare un lavoro”, ha detto.

Né la filiale nazionale né la filiale di Guangzhou del ministero della Pubblica Sicurezza cinese hanno risposto alle richieste di commento inviate via fax.

L’opacità del sistema legale cinese, soprattutto per i casi che riguardano la sicurezza nazionale, significa che l’esatta natura del caso dei querelanti contro Huang e Wang rimane poco chiara, anche ai loro avvocati. L’avvocato di Wang è stato in grado di incontrarlo per mezz’ora ad aprile per la prima volta. La richiesta dell’avvocato di Huang di incontrare il suo cliente o di presentare il caso del pubblico ministero contro di lei è stata respinta, citando le autorità Corona virus misure di prevenzione.

Entrambi hanno precedentemente lavorato su questioni che lo stato cinese considera delicate. Huang, un’importante femminista, è passata dal giornalismo all’attivismo nel corso del movimento #MeToo perché ha aiutato le donne a farsi avanti con storie di molestie e aggressioni sessuali. Wang ha lavorato per una ONG per i diritti del lavoro che sostiene i lavoratori con malattie legate al lavoro.

READ  Annuncio del programma "Unione per l'Ucraina" per consentire ai rifugiati di entrare negli Stati Uniti per motivi umanitari

Non è chiaro fino a che punto il loro attivismo sia stato anche considerato motivo dell’accusa di sabotaggio. Nel 2019, Huang è stata detenuta per tre mesi dopo aver scritto articoli sulle proteste a Hong Kong contro l’imposizione di Pechino di una legge soffocante sulla sicurezza nazionale. Ma gli amici dicono che la polizia sembrava principalmente interessata alla natura degli incontri settimanali, così come a tutti gli eventi internazionali a cui hanno partecipato o ai finanziamenti esteri che avrebbero potuto ricevere.

sotto la sedia Xi JinpingLo stato di sicurezza cinese ha intensificato gli sforzi per prevenire il dissenso prima che si radichi. Le lacune nella sorveglianza che hanno consentito alle precedenti generazioni di attivisti di prendere slancio vengono sempre più colmate con nuove campagne che esortano la polizia a vigilare contro qualsiasi segno di minaccia emergente alla sicurezza nazionale e alla stabilità sociale.

Nelle amministrazioni precedenti, i movimenti sono stati spesso in grado di ottenere un certo grado di trazione pubblica prima degli arresti. Quando 33 anni fa l’esercito cinese pose fine al movimento pro-democrazia in piazza Tienanmen, la sua eredità è continuata in figure come Liu Xiaobo, che ha contribuito a scrivere e promuovere un manifesto noto come Carta 08, che nel 2008 chiedeva la fine al governo del partito unico.

Liu Xiaobo, premio Nobel per la pace incarcerato in Cina, è morto all’età di 61 anni

Dopo che il documento ha raccolto migliaia di firme, Liu è stato incarcerato per “istigazione alla sovversione” – lo stesso crimine per il quale sono stati accusati Huang e Wang – poco prima di vincere il Premio Nobel per la pace. per lui la morte di cancro al fegato nel 2017, mentre sotto gli occhi degli agenti di sicurezza cinesi, ha provocato un’ondata di dolore da parte dei liberali cinesi.

Il successivo movimento “Difesa dei diritti” ha in gran parte abbandonato gli appelli alla democratizzazione a favore della rivendicazione delle libertà civili fondamentali per gli oppressi. Avvocati e attivisti hanno sostenuto le vittime degli sgomberi forzati, la diffusione dell’HIV tramite aghi sporchi oi praticanti del movimento spirituale bandito, il Falun Gong.

READ  Le azioni globali scendono e i rendimenti statunitensi aumentano mentre i prezzi del petrolio raggiungono nuovi massimi

Ancora una volta, questi sforzi sono stati repressi in repressioni culminate in una vasta campagna Campagna È iniziato il 9 luglio 2015, quando decine di persone sono state arrestate di notte.

Da allora, il governo ha cercato di proteggere dal riemergere di vecchi movimenti e dall’arrivo di una generazione più giovane come Huang e Wang, che si concentra maggiormente sul mantenimento della dignità personale e sul benessere dell’individuo.

Un mucchio di maledetti file della polizia dello Xinjiang sono trapelati mentre il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite visita la Cina

Gli avvocati per i diritti umani stanno ora lottando per affrontare casi delicati a causa del delicato sistema di controllo che è stato costruito negli ultimi anni, secondo Mina Huang, un’avvocato cinese per i diritti umani. È inoltre preoccupato che la normalizzazione del monitoraggio dei dati durante la pandemia aggraverà la situazione.

“Il lavoro svolto da Huang Xueqin e Wang Jianbing è stato molto significativo. Ha dato ai giovani uno spazio per conoscere questa era e la nostra situazione”. “Le accuse contro di loro sono tipiche della repressione dei giovani attivisti. Le autorità temono che le nuove generazioni diventino attive”.

Secondo gli amici della coppia, l’idea di avviare il movimento era lontana dalle loro menti quando partecipavano alle riunioni nell’appartamento di Wang. Molti, tra cui Wang, soffrivano di depressione e ansia in un momento in cui la società civile era sotto attacco.

Mentre consumavano il tè, il vino e la frutta offerti da Wang, discutevano delle loro lotte personali insieme alle questioni del giorno. Non si trattava di come rispondere. Riguardava come abbiamo capito cosa stava succedendo. “Perché pensiamo di non avere spazio per svolgere alcun tipo di attività”, ha detto un amico.

Un altro amico ha lamentato l’estrema intolleranza delle autorità nei confronti delle comunità che operano al di fuori del loro controllo. “Ma non tutti gli incontri riguardano il Partito Comunista Cinese. Non riguarda solo voi ragazzi.”

Bi Lin Wu a Taipei ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply