Muore, all’età di 67 anni, l’attore Ray Liotta, protagonista di “Quei bravi ragazzi”.

New York Ray Liotta, l’attore famoso per il suo ruolo nel classico mafioso “Quei bravi ragazzi”, è morto.

Il 67enne originario del New Jersey è morto nel sonno nella Repubblica Dominicana, dove stava lavorando a un nuovo film.

Come riportato giovedì da Dick Brennan di CBS2, il diplomato della Union High School non aveva esattamente in programma di irrompere a Hollywood.

Era la star esultante di uno dei più grandi film di mafia di tutti i tempi. Ray Liotta ha interpretato Henry Hill nel classico degli anni ’90 “Quei bravi ragazzi”, con alcune delle scene più iconiche del film sul grande schermo.

Un anno fa, Liotta ha fatto una bella impressione come un vero e proprio fantasma del baseball, interpretando Shoeless Joe Jackson in “Field of Dreams”.

Ha iniziato la sua vita nelle soap opera, apparendo nel film “Another World”, e non era molto interessato alla recitazione.

“Pensi che lo farai adesso?” Ho chiesto a Marie Calvey di CBS2 lo Utah nel 2006.

“Mai. Non ne avevo idea. Ho praticato sport tutto il tempo. Ho lasciato il basket durante l’ultimo anno e ho giocato al liceo, ed è stata un’esperienza orribile. L’ho odiato”, ha detto Liotta.

Liotta ha detto a Calve che un momento gli ha cambiato tutto.

“Questa ragazza carina ha detto ‘Hai intenzione di provare lo spettacolo stasera’” e io ho detto di no. Ha detto ‘Beh, perché stai facendo questo.’ Riguarda il gioco. “Così ho fatto il provino e l’ho ottenuto, ed ero un barista in un cabaret.”

Liotta è nata il 18 dicembre 1954 a Newark e cresciuta a Union. È anche nella Union High School Hall of Fame.

All’inizio degli anni ’90 sembrava che Liotta fosse diretta verso la celebrità, ma Hollywood aveva in programma di stravolgere la trama.

“Stava andando in alto dopo Quei bravi ragazzi ed è appena sceso”, ha detto il critico dell’intrattenimento Johnny Oleksinski al New York Post.

Oleksinski ha detto che Liotta non voleva fare altri film sulla mafia.

“Ha fatto scelte terribili”, ha detto Oleksinski. “Guarda Robert De Niro, Joe Pesci e Lauren Bracco, le loro carriere sono andate sempre più in alto.

Di recente, Liotta ha recitato in “The Many Saints of Newark”, un prequel del film “I Soprano”.

Liotta poteva sembrare normale come il duro nel film, ma nella vita reale era tutt’altro.

“Ho litigato solo una volta nella mia vita, ed era in seconda media. È divertente, i miei amici, mi vedono giocare con questi cattivi, la gente dice costantemente, e ridono. Perché non sono io”, Liotta disse Calvey.

Il ragazzo di Newark che ora ha scalato le vette di Hollywood lascia dietro di sé un tocco di magia cinematografica.

“Sono assolutamente devastato nell’apprendere questa terribile notizia su Ray. Potrei essere ovunque nel mondo e le persone verrebbero a dirmi che il loro film preferito è Quei bravi ragazzi. Poi mi chiedevano sempre qual è stata la parte migliore del fare quel film… e la mia risposta è stata sempre la stessa. Ray Liotta ha scritto: “L’attrice Lauren Bracco, collega ‘Quei bravi ragazzi’, ha scritto su Instagram.

“Ray Liotta è stato una leggenda assoluta nel cinema e in televisione – vincitore del Primetime Emmy Award e domiciliato a Newark, NJ. Il suo lavoro sullo schermo ha avuto un impatto sulla vita di così tanti. I nostri pensieri sono con la sua famiglia, i suoi amici e molti fan”, Il governatore del New Jersey Phil Murphy ha scritto su Twitter.

“Sono stato molto rattristato nell’apprendere della morte di Ray – ha detto De Niro -. È troppo giovane per lasciarci. Spero che riposi in pace”.

“Ray era il mio complice in Sfumature di blu… La prima cosa che mi viene in mente è [was so] Bello con i miei figli. Ray era l’epitome di un ragazzo duro che era molliccio dentro… Penso che questo sia ciò che lo ha reso un attore avvincente da guardare”, ha scritto Jennifer Lopez su Twitter.

“Non Ray”, ha scritto l’attore James Caan su Twitter.

READ  "Bionda calva a Hollywood" Janica Olin sulla caduta dei capelli, scherzo di Chris Rock

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply