Moskvich: La Russia ha bisogno di automobili, quindi sta riavviando questo marchio dell’era sovietica

Poco si sa al di fuori dell’ex Unione Sovietica e dei suoi paesi dipendenti, Moskvich è stata fondata intorno al 1930 e ha continuato ad operare fino al 1991. Come con molti marchi automobilistici dei paesi del blocco comunista, Moskvich ha lottato con problemi di qualità. I funzionari sovietici hanno citato il motore Muskovich 408 degli anni ’60, che era un motore da 50 cavalli, per diversi difetti, secondo il libro “Cars for Comrades” di Louis Sigelbaum.

Nonostante questi problemi persistenti, il governo sovietico ha stipulato un accordo con la casa automobilistica francese Renault, per modernizzare lo stabilimento e aumentare la produzione a 200.000 veicoli entro il 1975, secondo il libro. La produzione terminò con lo scioglimento dell’Unione Sovietica e il trasferimento delle case automobilistiche occidentali, come la Renault. Parte dell’ex stabilimento di Moskvich è stato riaperto nel 2005 come joint venture tra Renault e la città di Mosca.

Renault deteneva anche una partecipazione di controllo in Avtovaz, la società madre del famoso marchio automobilistico russo Lada. Renault ha detto nella sua dichiarazione di questa settimana Che la quota di controllo sia stata venduta al governo russo, mentre la sua partecipazione di controllo nello stabilimento di Mosca, dove venivano prodotte le auto Renault, è stata venduta alla città di Mosca. La Renault ha lasciato la porta aperta alla possibilità di tornare più tardi sul mercato russo.
Il sindaco di Mosca, Sergei Sobyanin, ha scritto sul giornale Post sul blogChe è stato tradotto da CNN Business. “Pertanto, ho deciso di registrare lo stabilimento come uno dei beni della città e di riprendere la produzione di autovetture con il marchio storico Moskvich”.

“Nel 2022, gireremo una nuova pagina nella storia di Moskvich”, ha aggiunto Sobyanin.

READ  Endeavour Ari Emanuel "non nervoso" per i piani per trasmettere Warner Bros. Discovery - Deadline

Il sindaco ha scritto che l’azienda cercherà di far lavorare lì tutti gli attuali dipendenti della fabbrica. L’impianto proverà anche a procurarsi la maggior parte dei ricambi auto da società russe. L’impianto inizierà a produrre auto a benzina convenzionali, ma, a un certo punto, passerà alle auto elettriche, secondo il blog di Sobyanin.

Sobyanin non ha specificato quali modelli di auto sarebbero stati costruiti con il nome Moskvich nell’ex stabilimento Renault nel prossimo futuro.

Moskvich affonda le sue radici in quelle che sono considerate alcune delle prime auto in stile sovietico degli anni ’20 e ’30. Dopo la seconda guerra mondiale, l’azienda iniziò a produrre automobili con il nome Moskvich, che significa “moscovita”, o Nato a Mosca.

Oggi sono ancora immatricolate circa 200.000 auto Moskvich RussiaSecondo l’agenzia di analisi Autostat.

In generale, le auto prodotte nelle economie controllate centralmente dell’Unione Sovietica e dei suoi stati satelliti non erano note per la loro qualità.

Alcune auto prodotte nei paesi del blocco comunista, come la Trabant della Germania dell’Est, trovarono un seguito di culto in Occidente. Il corpo della Trabant è costituito da un materiale chiamato Duroplast che sembra plastica ma è costituito da una miscela di pasta di legno, fibre di cotone e resina.

Tuttavia, le transizioni sono possibili. Škoda, prodotta nell’allora Cecoslovacchia controllata dai comunisti, fu rilevata dal Gruppo Volkswagen dopo la caduta dell’Unione Sovietica. Ora con sede nella Repubblica Ceca, è diventato uno dei marchi più famosi e redditizi del Gruppo VW.

Mark Thompson di CNN Business e Reuters ha contribuito a questa storia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply