Meno fuochi d’artificio

In Umbria è vietato sparare petardi, razzi e mortaretti solo nella città di Terni

0
1656

Umbria Libera aderisce alla campagna di civiltà “No ai botti, sì ai biscotti”, che invita a rispettare i nostri amici a quattro zampe.
I botti di Capodanno terrorizzano gli animali. I fuochi d’artificio sono affascinanti per noi esseri umani, ma i rumori molto forti e le luci abbaglianti possono molto stressare, se non uccidere tante creature viventi.
Il coro degli animalisti è unanime nel chiedere agli amministratori di vietare i fuochi d’artificio, che spaventano cani, gatti e altri animali domestici e selvatici, ma per il momento si sono mosse poche piccole e medie metropoli. In Umbria è vietato sparare petardi, razzi e mortaretti solo nella città di Terni.
In alcuni casi, come in quello di Roma, tali ordinanza sono persino state sospese dal Tar a seguito del ricorso dell’associazione pirotecnica italiana. Ma va detto comunque che questo mercato inizia ad essere messo in difficoltà dalla sempre crescente sensibilità verso la salvaguardia di chi, come i bambini e gli animali, rischiano di rimanere feriti o di perdere la vita.
Parliamo di vita perché sia gli animali selvatici che quelli domestici corrono il forte rischio di morire letteralmente di paura: animali anziani colti da infarto, selvatici che vagando disorientati si schiantano contro alberi, muri o cavi elettrici, cani e gatti di casa che colti dal terrore fuggono e si perdono finendo spesso investiti dalle auto.
“Le ordinanze non vanno a minare il divertimento, ma quei “festeggiamenti” che vanno a interferire pesantemente sulla libertà e vita altrui – spiega Massimo Comparotto, presidente OIPA Italia Onlus – I divieti restano però solo un buon proposito se non vengono accompagnati da controlli reali, sia tramite monitoraggio delle strade sia rispondendo alle segnalazioni dei cittadini in difficoltà. Il nostro appello è rivolto soprattutto alle forze dell’ordine affinché considerino una priorità i controlli finalizzati a far rispettare le ordinanze, non minimizzando le conseguenze, dirette e indirette, di una condotta irresponsabile da parte di maneggia i petardi. L’inizio del nuovo anno deve essere una gioia per tutti, non motivo di terrore e angoscia”.

  • Dall’archivio di 24zampe un video con i consigli di Massimo Mancini, della squadra dei nuclei cinofili di Roma, utili a proprietari di cani, gatti e altri animali che in questi giorni sono spaventati dai botti.

Per proteggere gli animali domestici è bene applicare alcune semplici regole che possono ridurre il rischio di attacchi di panico, gli stati di terrore e il rischio di fuga. Sul sito OIPA è possibile consultare e diffondere il decalogo per proteggere gli animali dai botti http://www.oipa.org/italia/decalogo-bottidicapodanno/

Ecco una lista completa di pratici consigli per rendere i fuochi d’artificio meno paurosi per il tuo animale:
Mantenere rumori familiari in casa, come ad esempio la tv accesa o la musica, farà sembrare la situazione normale.

  • Tenere le finestre e le porte chiuse ridurrà al minimo i rumori esterni..
  • Chiudere le tende impedirà di vedere i fuochi d’artificio – le luci lo possono impaurire.
  • Assicurati che il gatto o il cane abbia un posto confortevole dove, se vuole, può nascondersi – potrebbe essere sotto un mobile o in un armadio. Non provare a portarlo fuori perchè lo stresserà ancor di più.
  • Se il tuo animale mostra segni di paura, cerca di ignorare il suo comportamento a meno che non rischi di ferirsi. In ogni caso non lasciarlo da solo.
  • Se il tuo gatto è abituato a stare all’aperto e ad entrare quando vuole, metti in casa una piccola lettiera e, una volta entrato, chiudi la gattaiola in modo che non possa uscire.
  • Porta il tuo cane a fare una passeggiata prima che inizino i fuochi d’artificio.
  • Se il tuo animale in passato ha già avuto problemi con i fuochi d’artificio, chiedi consiglio al tuo veterinario sulla possibilità di usare dei medicinali.