Medico “Holoported” della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale

oloporter -1

Il chirurgo di volo della NASA, il dottor Joseph Schmid, fa un saluto spaziale l’8 ottobre 2021, mentre viene trasportato in aereo alla Stazione spaziale internazionale.

Thomas Bisquet, astronauta dell’Agenzia spaziale europea

Ho un nuovo nome per il tuo vocabolario: Holoportation.

È un mix di “ologramma” e “teletrasporto” e, anche se può sembrare così, non è solo un termine di fantascienza di nicchia sepolto da qualche parte nei romanzi di Isaac Asimov e negli episodi di Star Trek.

Ad ottobre, la NASA ha utilizzato questo sbalorditivo meccanismo futuristico Il chirurgo di volo della NASA, il dottor Joseph Schmid, è stato portato sulla Stazione Spaziale Internazionale mentre la coltivava in sicurezza sul nostro pianeta. Non sono necessari missili.

Ad unirsi a Schmid in questo viaggio transdimensionale c’è Fernando de la Pena Laca, CEO di AEXA Aerospace, un’organizzazione che ha contribuito a sviluppare apparecchiature per Holoportation, e alcuni altri membri del team.

“È un modo completamente nuovo di esplorazione umana in cui il nostro essere umano è in grado di viaggiare lontano dal pianeta”, ha affermato Schmid in una nota. “Il nostro corpo fisico non è lì, ma il nostro essere umano certamente c’è.”

oloporter -2

I membri del team di Holoportation sono stati visti praticamente lasciati cadere sulla Stazione Spaziale Internazionale, l’8 ottobre 2021. Da sinistra Andrew Madrid, il dott.

Thomas Bisquet, astronauta dell’Agenzia spaziale europea

Sebbene sia quasi incredibile, Holoportation non è esattamente una nuova tecnologia. Microsoft ha avuto questa idea diversi anni fa, ma il suo obiettivo principale era Rivoluzionando settori come la pubblicità, l’assistenza ospedaliera a terra e l’istruzione e da allora Il concetto è in continua evoluzione. Ma i recenti sforzi della NASA hanno portato il risultato a un livello superiore.

Questa è la prima volta che un tale trasporto virtuale ha portato con successo le persone oltre il pianeta terra.

Ecco come è successo tutto.

In sostanza, i modelli 3D di alta qualità di Holoporter vengono sviluppati, compressi digitalmente, trasmessi e ricostruiti nel laboratorio spaziale, il tutto in tempo reale.

Nel frattempo, un display di realtà mista a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, HoloLens di Microsoft, ha permesso sia agli Holoportor che agli astronauti di vedere, ascoltare e interagire tra loro come se si trovassero nello stesso spazio fisico. L’astronauta Thomas Bisquet, ad esempio, ha avuto una conversazione a doppio senso con Schmid e de la Pena nel mezzo della Stazione Spaziale Internazionale nonostante fosse a miglia e miglia dagli Holoporter.

In modo che il trio si strinse la mano.

“Lo useremo nelle nostre conferenze mediche private, conferenze private di psichiatria, conferenze speciali di famiglia e per portare i VIP alla stazione spaziale per la loro visita con gli astronauti”, ha affermato la NASA in una nota.

Lente Hololens 2

HoloLens 2 di Microsoft dell’anno scorso.

Scott Stein/CNET

Andando avanti, l’agenzia intende espandere l’ambito del suo sistema aggiungendo una funzione di realtà aumentata, che darebbe agli oloportisti la possibilità di muoversi veramente intorno alla stazione spaziale e osservare gli oggetti come se fossero davvero lì. Potresti dire tutto tranne il tocco fisico.

Ciò potrebbe aiutare nella telemedicina extraterrestre per gli astronauti, nei progetti di costruzione della Stazione Spaziale Internazionale e persino trarre grandi benefici dalla futura esplorazione dello spazio profondo. L’ultimo bit è fondamentale, perché le comunicazioni wireless standard in genere subiscono ritardi fino a 20 minuti quando si parla con i sistemi in qualche modo (modo) nel vuoto. Con Holoportation, gli utenti di Holoporters possono rimanere a bordo per comunicare in tempo reale.

“Non importa che la stazione spaziale viaggi a 17.500 miglia orarie e si muova costantemente in un’orbita a 250 miglia sopra la Terra”, ha detto Schmid. “L’astronauta può tornare in tre minuti o tre settimane e, con il sistema attivo e funzionante, saremo proprio lì in quel punto, a vivere sulla stazione spaziale”.

Inoltre, la NASA afferma che ciò potrebbe avere applicazioni dirette sulla Terra, come ricercatori che lavorano in ambienti estremi o specialisti in operazioni militari.

“Immagina di poter portare al tuo fianco il miglior trainer o il progettista effettivo di una tecnologia particolarmente complessa ovunque ci lavori”, ha detto Schmid. “Puoi lavorare insieme sul dispositivo, proprio come due dei migliori chirurghi che lavorano durante la procedura. Questo dovrebbe mettere tutti a proprio agio sapendo che il miglior team sta lavorando insieme su un importante pezzo di hardware”.

READ  Una misteriosa esplosione radio veloce nello spazio ha uno schema di "battito cardiaco".

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply