Maria Bell ha vinto il titolo statunitense di pattinaggio artistico e un posto a Pechino

NASHWILL – La neo-campionessa nazionale Maria Bell ha bisogno di ricordare che è stata a lungo nel pattinaggio di figura, superando in qualche modo i battaglioni di adolescenti in tenera età.

“Ero un anziano Nove Anni? ”Ha chiesto venerdì sera alla stanza dei giornalisti, guardando incredulo e riferendosi all’alto livello del pattinaggio sportivo.

Un mare di teste le scosse la schiena.

Bell, 25 anni, ha vinto il suo primo campionato nazionale degli Stati Uniti venerdì, vincendo il National Singles Championship in 95 anni, dopo anni di fuga da uno sport duro con la sua forza mentale e fisica e molti altri grandi pattinatori che vanno e vengono.

La sua vittoria le ha assicurato un posto nella squadra statunitense per le Olimpiadi invernali del prossimo mese a Pechino, dove le donne russe saranno le favorite nella categoria singolare e probabilmente vinceranno medaglie. Bell è la più anziana pattinatrice olimpica femminile americana dal 1928.

Sabato il pattinaggio di figura degli Stati Uniti ha nominato la squadra olimpica dopo aver considerato il lavoro di un anno di Bell, Karen Chen e Alyssa Liu. Chen, un olimpionico del 2018, è arrivato secondo accanto a Bell venerdì. Liu, due volte campione nazionale e miglior pattinatore americano questo autunno, ha lasciato il paese venerdì dopo un test positivo per il virus corona.

Dopo aver finalmente ottenuto l’Olympic Perth e aver trascorso una settimana stressante e caotica, Bell ha assaporato la sua vittoria e ha tirato un lungo e duro respiro.

Almeno sei pattinatori sono risultati positivi questa settimana e si sono ritirati dal paese Liu, È stato considerato un favorito per la squadra olimpica a causa della sua forte prestazione nei round internazionali della scorsa stagione. Liu, 16 anni, ha vinto il suo primo campionato nazionale senior All’età di 13 anni nel 2019Nel 2020 ha vinto di nuovo. (Brady Dennell, vincitore nel 2018 E 2021, Si è ritirato dalla competizione di quest’anno per un infortunio alla gamba.)

Amber Glenn, una delle migliori pattinatrici da considerare per la squadra olimpica, è risultata positiva venerdì, giorno del pattinaggio libero. Sui social, Lei disse Era malata da alcuni giorni, ma pensava che potessero essere nervi o allergie.

Mercoledì, Brandon Frasier, che stava facendo coppia con Alexa Neymar, è risultato positivo dopo essersi svegliato con i sintomi. Frazier e Kinrim sono le migliori squadre classificate negli Stati Uniti.

Sempre sabato mattina, altri tre atleti del paese – un pattinatore di singolare maschile e una compagnia di danza sul ghiaccio – sono risultati positivi, ma nessuno ha gareggiato per la squadra olimpica.

Fortunatamente per i pattinatori che devono ritirarsi da quest’ultimo grande evento prima di Pechino, il Campionato Nazionale non è un test event olimpico, è in qualche altro sport, dove i migliori favoriti ottengono un posto automatico nella squadra olimpica degli Stati Uniti.

Questa differenza ha aiutato Liu, che ha visto un pattino libero venerdì quando era solo nella sua stanza d’albergo, e potrebbe anche salvare i sogni olimpici di Frasier e Kinrim. Il sabato e la domenica sono previsti campionati di pattinaggio, danza sulla neve e gare di singolare maschile per le coppie.

Tuttavia, non è chiaro quanto tempo impiegheranno i potenziali olimpionici che stanno combattendo il virus per sentirsi meglio o per iniziare un test negativo, il che aumenta il loro stress.

READ  Draft NFL 2022: cosa dice sul passaggio a quarterback nel decennio e alcune ipotesi di trading

Molti concorrenti hanno in programma di recarsi in Cina tra altre due settimane e dovranno seguire regole rigide, incluso un test negativo per il virus, per essere ammessi nel Paese. In alcuni casi, le persone infette dal virus sono risultate positive al test per diverse settimane.

Dopo essere stato nominato per la squadra sabato, Liu Bridgestone è apparso sul grande schermo nell’arena e ha salutato i tifosi in festa. Venerdì, sui social media, ha detto che si sentiva meglio mentalmente e fisicamente. All’inizio della settimana, con sintomi gravi, Frasier ha detto che si sentiva molto male.

I test positivi hanno scosso le migliori pattinatrici. Sen, il campione nazionale 2017 e olimpionico 2018, ha detto che Liu, che avrebbe dovuto pattinare con lui nel gruppo finale venerdì a Fremont, in California, dovrebbe prendersi del tempo per affrontare le sue preoccupazioni dopo aver realizzato che non stava pattinando. Squillare.

Sen, che è arrivato quarto a due Campionati del Mondo, ha detto: “Questa notizia è stata molto scioccante e molto sfortunata da ascoltare”.

La tecnica ha funzionato.

Venerdì il 22enne Chen è scivolato con l’abilità e la sicurezza dell’olimpionico. Era felice di vincere una medaglia d’argento nella competizione nazionale perché aveva già vinto l’oro nella competizione nazionale una volta e il bronzo tre volte. Le mancava solo la medaglia d’argento. Ora ha un set completo.

Ma i livelli di pattinaggio di Sen e Bell di venerdì erano inferiori agli standard stabiliti dalle migliori pattinatrici del mondo provenienti da paesi come Russia, Giappone e Corea del Sud, a testimonianza del fatto che le loro speranze di medaglia a Pechino sono scarse.

Entrambi i pattinatori americani non hanno fatto il salto quadruplo o il triplo asse, che era una combinazione di elementi impensabile anche quattro anni fa, ma da allora è diventato quasi essenziale per il successo sulla scena mondiale. Nessuno dei loro pattini liberi ha nemmeno implementato la combinazione di salto triplo triplo, che è la base per i medagliati agli eventi internazionali, sebbene ognuno di loro abbia fatto uno di quei tripli tripli su un piano breve.

READ  Lakers vs. Warriors Finale 123-109: I Lakers hanno perso nella serata di apertura

Isabeau Levito di NJ, Mount Holly, ha ottenuto un triplo triplo su un pattino libero, finendo terzo. Tuttavia, le sue possibilità di entrare nella squadra olimpica non sono state d’aiuto. All’età di 14 anni, Levito non soddisfaceva i requisiti di età per partecipare ai Giochi invernali, ma non gli importava.

Ha detto di aver sentito così tanta luce, calore e gioia nel vedere cosa la gente voleva che facessi perché si è esibito così bene nel paese.

Bell, di Westminster a Colo, ricorda quei giorni in cui era un adolescente. Molte volte, voleva abbandonare il gioco.

Una volta, ha ricordato, i suoi genitori le hanno comprato una serie di lezioni di pattinaggio e hanno detto loro che non voleva più seguire la lezione. I suoi genitori hanno detto: “Esatto”. Non l’hanno mai spinta nel gioco, ha davvero nutrito il suo amore, ha detto.

Venerdì, quell’amore per il pattinaggio ha permeato la recitazione di Bell. Durante l’elegante ed emozionante free skate per “Hallelujah” di Katie Long, lei ha sorriso e ha semplicemente sfoggiato anche gli elementi più impegnativi. Vestita del suo bordeaux lucido, galleggiava sopra la neve come una Prima ballerina, eseguendo lentamente sei salti tripli, come se fosse senza peso.

Più tardi, Bell ha ammesso di essere davvero “all’antica” per il pattinaggio artistico femminile. Ma l’importante è che non sia vecchia. Se i pattinatori sono ancora divertenti, perché dovrebbero avere una data di scadenza?

“Voglio essere consapevole del fatto che il pattinaggio non finisce ad una certa età”, ha detto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply