Novembre 27, 2021

Umbrialibera

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Umbrialibera

Mancin ha denunciato la divisione dell’imposta sui milionari

Il piano dei Democratici del Senato per estrarre centinaia di miliardi di dollari dalla ricchezza dei miliardari ha colpito un grosso problema mercoledì quando il senatore Joe Manchin III del Partito Democratico della Virginia Occidentale ha condannato la scissione.

La linea miliardaria, che è stata ufficialmente rilasciata mercoledì mattina presto, potrebbe essere morta prima che l’inchiostro si asciugasse Il suo testo di 107 pagine. Sig. “Non intendo insinuare che stiamo prendendo di mira persone diverse”, ha detto Mancin ai giornalisti. Le persone “contribuiscono alla comunità” e “creano molti posti di lavoro, investono molti soldi e danno molto alle iniziative filantropiche”, ha aggiunto.

“È ora che ci uniamo tutti e ci mettiamo in fila”, ha detto.

La tassa proposta dovrebbe certamente affrontare le sfide del tribunale, ma considerando l’assedio alle tradizionali aliquote fiscali imposto dalla senatrice Kirsten Cinema dell’Arizona, i Democratici hanno alcune altre opzioni per finanziare la loro agenda interna. Assistenti della Commissione Finanze Sig. Esprimendo sorpresa per la posizione di Mancin, ha sottolineato di aver espresso almeno un moderato sostegno al senatore Ron Wheaton, presidente del comitato, e ai democratici dell’Oregon.

Sig. Se la proposta viene approvata per le preoccupazioni di Mansin, i miliardari saranno tassati sui guadagni irraggiungibili sul valore delle attività liquide come le loro azioni, obbligazioni e contanti. Vivi quasi senza imposta sul reddito.

Quelli con un patrimonio di oltre $ 1 miliardo o più di $ 100 milioni saranno tassati per tre anni consecutivi – circa 700 persone negli Stati Uniti. Inizialmente, l’imposta sulle plusvalenze – 23,8 per cento – sarà riscossa sul valore delle attività commerciali dei miliardari, in base al valore originario di tali attività.

READ  L'ispirato viaggio nello spazio di William Shatner oscura l'espressione della cultura dell'Origine Blu

Per persone come il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, il fondatore di Amazon Jeff Bezos e il fondatore di Tesla Elon Musk, il valore iniziale delle loro azioni era zero, quindi il successo sarebbe stato enorme. Avranno cinque anni per pagare tale importo.

Successivamente, quei miliardari dovranno affrontare un’imposta annuale sulle plusvalenze sull’aumento del valore delle loro attività commerciali durante tutto l’anno.

È stata inoltre promulgata una legge per consentire ai miliardari di perseguire i loro enti di beneficenza senza sanzioni fiscali per i soldi loro dati.

I democratici affermano che la tassa sui miliardari potrebbe essere una delle componenti politicamente più popolari della loro legge sulla sicurezza sociale e sul cambiamento climatico, che dovrebbe costare almeno $ 1,5 trilioni.

Ma l’implementazione può essere complicata. I milionari hanno evitato la tassazione pagando salari molto bassi e accumulando ricchezza in azioni e altri beni. Invece di vendere beni e pagare le tasse sulle plusvalenze, prendono in prestito quei beni per finanziare il loro sostentamento.

Il piano ha già incontrato l’opposizione di alcuni democratici della Camera, preoccupati che ciò possa non essere possibile e che possa essere oggetto di contestazioni legali e costituzionali. La Costituzione conferisce al Congresso ampi poteri per imporre tasse, ma le “imposte dirette” – un termine senza una definizione chiara – devono essere divise tra gli stati in modo che i residenti di ciascuno stato paghino una quota uguale della popolazione dello stato.

Il 16° emendamento ha chiarito che non era necessario dividere le imposte sul reddito e i miliardari sono stati attenti a dipingerlo come un’imposta sul reddito, non sulla ricchezza.

READ  L'ora legale 2021 è finita. Ecco come affrontare il cambio di orario