Macron della Francia vince la rielezione, evitando il terremoto politico

  • Le Pen ha ammesso la sconfitta
  • I ministri Macron si congratulano per la vittoria e giurano di ascoltare di più l’elettorato
  • Macron non può aspettarsi alcun periodo di offerta
  • I partiti di opposizione hanno dichiarato che non si candideranno alle elezioni suppletive di giugno

PARIGI, 24 aprile (Reuters) – Il presidente francese Emmanuel Macron ha sconfitto domenica la rivale di estrema destra Marine Le Pen con un comodo margine per prendere il potere per un secondo mandato, un terremoto politico.

Gli applausi sono esplosi quando i risultati sono apparsi su uno schermo gigante nel parco Champ de Mars, ai piedi della Torre Eiffel, dove i sostenitori di Macron hanno sventolato le bandiere della Francia e dell’UE. Le persone si abbracciavano e ballavano “Macron!” cantato.

Anche i leader europei hanno accolto con favore la notizia della vittoria del filo-UE Macron, ma non dell’euroscettico nazionalista Le Pen.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

I sondaggi prevedono che Macron riceverà circa il 58,5% dei voti. Tali stime sono generalmente accurate ma possono essere perfezionate quando si tratta di risultati ufficiali.

“Sono molto rilassato – era molto vicino e il populismo era alle nostre porte”, ha detto a Reuters il 42enne Alessandro Baleni Macron durante la manifestazione. Ma ha sottolineato che il presidente ha dovuto affrontare un compito difficile in termini di quanti voti ha ottenuto l’estrema destra.

Ad un certo punto della campagna, Le Pen, che era di qualche punto dietro Macron nei sondaggi, ha subito ammesso la sconfitta, ma ha promesso di continuare a combattere in vista delle elezioni parlamentari di giugno.

READ  Microsoft sorprende oggi con la prima versione multiplayer di Hollow Infinite

“Non abbandonerò mai i francesi”, ha detto ai suoi sostenitori, “Marine! Marine!”

Dopo che molti, soprattutto di sinistra, lo hanno votato a malincuore per impedire all’estrema destra di vincere, Macron non poteva aspettarsi concessioni. Mentre cerca di realizzare riforme a favore delle imprese, le proteste che hanno eroso parte del suo primo mandato potrebbero rapidamente scoppiare di nuovo. [L5N2WK54K]

“Non rovineremo la vittoria… ma il National Rally (di Le Pen) ha sempre ottenuto punteggi alti”, ha detto a BFM TV il ministro della Salute Olivier Veran.

“Ci sarà continuità nella politica di governo perché il presidente è stato rieletto. Ma abbiamo anche ascoltato il messaggio del popolo francese”, ha aggiunto.

La natura del secondo mandato di Macron sarà fortemente influenzata dai risultati delle elezioni parlamentari di giugno. Le Pen afferma che l’estrema destra Jean-Luc Mன்சlenchon vuole essere primo ministro, il che spingerà Macron a una situazione di stallo viziosa e di stallo nella “cooperazione”.

Philippe Lacroe, 63 anni, direttore tecnico di un teatro di Parigi, ha dichiarato di aver votato per Macron dopo aver votato per Mலlenchon al primo turno.

Ha detto che avrebbe votato di nuovo per Mலlenchon a giugno. “Mன்சlenchon è il primo ministro. Sarà divertente. Macron sarà sconvolto, ma questa è la cosa principale”.

La vittoria di Macron di domenica, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, è stata subito salutata dagli alleati come il ritorno alla grande politica scossa negli ultimi anni dalle elezioni del 2016 di Donald Trump e dall’ascesa di una nuova generazione di leader nazionalisti.

“Bravo Emmanuel”, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. “In questi tempi turbolenti, dobbiamo avere un’Europa solida e una Francia pienamente impegnata per un’UE più sovrana e più strategica”.

READ  Annunci dal vivo del campionato femminile NCAA: la Carolina del Sud ha battuto UConn

“I mercati finanziari sospirano collettivamente dopo la vittoria elettorale di Macron”, ha affermato Seema Shah, capo stratega per i principali investitori globali.

‘Ero scioccato’

Macron entrerà a far parte di un piccolo club: solo due presidenti francesi hanno potuto candidarsi per un secondo mandato prima di lui. Ma la sua serie di vittorie sembra essere più stretta rispetto a quando ha battuto per la prima volta Le Pen nel 2017, sottolineando quanti francesi non hanno impressionato lui e il suo record nazionale.

Quella delusione si è riflessa nell’affluenza alle urne, con i principali referendum francesi che hanno rivendicato un’affluenza alle urne del 28%, la più alta dal 1969.

Nel contesto dell’invasione russa dell’Ucraina e della successiva escalation delle sanzioni occidentali sui prezzi del carburante, la campagna di Le Pen includeva l’aumento del costo della vita e lo stile talvolta abrasivo di Macron.

Ha promesso tagli drastici alle tasse sul carburante, un’imposta sulle vendite dello zero per cento sugli elementi essenziali che vanno dalla pasta ai pannolini, detrazioni sul reddito per i giovani lavoratori e una posizione “prima francese” su lavoro e welfare.

Alla manifestazione di Le Pen, Adrian Caliguri, 27 anni, ha dichiarato: “Sono rimasto scioccato nel vedere che la maggioranza dei francesi vuole rieleggere un presidente che li disprezza da cinque anni.

Macron, nel frattempo, ha affermato di non potersi fidare della passata ammirazione di Le Pen per Vladimir Putin sulla scena mondiale, insistendo sul fatto che aderisce ancora ai piani per espellere la Francia dall’Unione Europea, cosa che nega. leggi di più

Verso la fine della campagna, ha cercato il sostegno degli elettori di sinistra, dicendo che Macron aveva rifiutato una precedente promessa di far lavorare i francesi più a lungo e si era detto pronto a discutere i piani per aumentare l’età pensionabile da 62 a 65 anni.

READ  Il dirigente della FAA Steve Dixon si dimette

Infine, dopo i contraddittori dibattiti televisivi tra i due la scorsa settimana, i sondaggi dei telespettatori hanno testimoniato che le politiche di Le Pen – inclusa la proposta di vietare alle persone di indossare maschere musulmane in pubblico – erano troppo serie per molti francesi.

La decisione dell’ex banchiere uomo d’affari Macron di candidarsi alla presidenza nel 2017 e di fondare nuovamente il proprio movimento di base ha posto fine ai vecchi impegni nei confronti della politica francese, che potrebbero morderlo di nuovo alle elezioni parlamentari di giugno.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Michael Rose, Lee Thomas e Gus Trombis; Scritto da Mark John e Ingrid Melander; Montaggio di Frances Kerry, Raisa Kasolovsky, Alexandra Hudson

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply