L’Uzbekistan annulla i piani per limitare l’autonomia del Karakalpak dopo la protesta

Il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev partecipa a una conferenza stampa con il suo omologo kazako Kassym-Jomart Tokayev a Tashkent, Uzbekistan, il 15 aprile 2019. REUTERS/Mukhtar Kholdorbekov // Archivio fotografico

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

ALMATY (Reuters) – L’ufficio del presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev ha dichiarato sabato di aver annullato i piani per ridurre l’autonomia della provincia del Karakalpakstan del Paese dopo una rara protesta pubblica nella regione nord-occidentale.

Le autorità uzbeke hanno affermato che la manifestazione di venerdì era per protestare contro i piani di riforma costituzionale che avrebbero cambiato lo status del Karakalpakstan, una repubblica autonoma abitata dai Karakalpak, una minoranza etnica con la propria lingua.

Funzionari locali e governativi hanno affermato che la polizia ha disperso i manifestanti dopo che alcuni di loro hanno tentato di assaltare gli edifici del governo locale a Nukus, la capitale della regione, a seguito di una manifestazione al mercato centrale della città.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Mirziyoyev ha poi emesso un decreto che dichiara lo stato di emergenza in Karakalpakstan per un mese “al fine di garantire la sicurezza dei cittadini, difendere i loro diritti e libertà e ripristinare lo stato di diritto e ordine” nella regione.

Secondo l’attuale costituzione uzbeka, il Karakalpakstan è descritto come una repubblica sovrana all’interno dell’Uzbekistan e ha il diritto di separarsi tenendo un referendum.

La nuova versione della costituzione – su cui l’Uzbekistan prevede di indire un referendum nei prossimi mesi – non menziona più la sovranità del Karakalpakstan o il suo diritto alla secessione.

READ  Sydney affronta "un'emergenza pericolosa per la vita" a causa di piogge torrenziali

Ma in una rapida reazione alla protesta, Mirziyoyev ha detto sabato durante una visita in Karakalpakstan che le modifiche al suo status dovrebbero essere eliminate dalla riforma proposta, ha affermato il suo ufficio in una nota.

Il governo del Karakalpakstan ha dichiarato sabato in una dichiarazione che la polizia aveva arrestato i leader della protesta di venerdì e molti altri manifestanti che avevano opposto resistenza.

Le modifiche relative al Karakalpakstan facevano parte di una più ampia riforma costituzionale proposta da Mirziyoyev, che include anche il rafforzamento dei diritti civili e l’estensione del mandato presidenziale a sette anni da cinque anni.

Se la riforma verrà approvata nel referendum programmato, azzererà il numero di mandati di Mirziyoyev e gli consentirà di candidarsi per altri due mandati.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione: Olgas Oyezov. Montaggio di Gareth Jones, Helen Popper e Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply