L’Unione Europea candida l’Ucraina all’adesione all’Unione Europea

Bruxelles (AFP) – Giovedì l’Unione europea ha deciso di mettere l’Ucraina sulla strada dell’adesione all’Unione europea, lavorando con insolita velocità e unità per allontanare il paese assediato dall’influenza della Russia e collegarlo più strettamente all’Occidente.

Durante un incontro in un vertice a Bruxelles, i leader dei 27 paesi dell’Unione Europea hanno mobilitato l’approvazione unanime necessaria per concedere all’Ucraina lo status di candidato. Questo avvia il processo di adesione che può richiedere anni o addirittura decenni.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha twittato la sua gratitudine e ha dichiarato: “Il futuro dell’Ucraina è all’interno dell’Unione europea”.

“È una vittoria. Abbiamo aspettato 120 giorni e 30 anni”, ha detto su Instagram, riferendosi alla durata della guerra e ai decenni trascorsi dall’indipendenza dell’Ucraina dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica. “E ora abbiamo sconfiggerà il nemico”.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen l’ha dichiarata “buona giornata per l’Europa”.

Nessuna reazione immediata da parte del Cremlino.

L’Unione Europea ha anche conferito lo status di candidato al piccolo paese della Moldova, un’altra ex repubblica sovietica che confina con l’Ucraina.

L’Ucraina ha presentato domanda di adesione meno di una settimana dopo l’invasione di Mosca il 24 febbraio. La decisione di giovedì è stata insolitamente rapida per l’UE e il suo approccio lento all’espansione. Ma la guerra e la richiesta dell’Ucraina di una rapida revisione del caso hanno dato urgenza alla questione.

Per ottenere l’adesione all’UE, i paesi devono soddisfare una serie dettagliata di condizioni economiche e politiche, compreso l’impegno per lo stato di diritto e altri principi democratici. L’Ucraina dovrà tenere a freno la radicata corruzione del governo e adottare altre riforme.

READ  I prezzi del petrolio sono rimbalzati con il calo delle scorte

Il Parlamento europeo ha approvato la richiesta dell’Ucraina poche ore prima dell’inizio del vertice e ha approvato una risoluzione che invita i governi dell’UE ad “agire senza indugio”.

Rafforzerai l’Ucraina, rafforzerai l’Europa. “È una decisione per la libertà e la democrazia e ci mette dalla parte giusta della storia”, ha detto la presidente del Parlamento europeo Roberta Mezzola prima della decisione finale.

I paesi dell’Unione Europea si sono uniti nel sostenere l’Ucraina nella sua lotta contro l’invasione russa con denaro e armi e hanno adottato sanzioni economiche senza precedenti contro il Cremlino.

Lo status di candidato nell’UE non fornisce garanzie di sicurezza immediate. Una volta che un paese ottiene l’adesione, è coperto dalla clausola del trattato dell’UE che afferma che se un membro cade vittima di un’aggressione armata, gli altri paesi dell’UE sono obbligati ad aiutarlo con tutti i mezzi a loro disposizione.

Tuttavia, i principali vantaggi dell’adesione all’UE sono economici, in quanto consente l’accesso a un mercato di 450 milioni di consumatori con la libera circolazione di manodopera, beni, servizi e capitali.

Anche l’Ucraina aspira da tempo ad aderire alla NATO, ma l’alleanza militare non ha intenzione di offrire un invito, in parte a causa della corruzione del Paese, delle carenze nella sua struttura difensiva e dei confini contesi.

Prima della guerra, il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto che all’Ucraina non fosse mai permesso di aderire alla NATO, cosa che ha condannato per essersi estesa verso est verso il fianco russo. Ma all’inizio di questo mese, non sembrava allarmato dalla determinazione dell’Ucraina ad avvicinarsi all’Unione europea, dicendo che non si trattava di un accordo militare e quindi “non abbiamo obiezioni”.

READ  Crisi ucraina: Putin e Macron parlano al telefono; Gli Stati Uniti affermano che il 40% delle forze russe in posizione di attacco diretto | notizie dal mondo

Ma nel 2013 Putin si oppose ai piani dell’Ucraina di firmare un accordo di associazione con l’Unione Europea e fece pressioni sull’allora presidente ucraino affinché si ritirasse all’ultimo minuto. Ciò si è ritorto contro accendendo proteste di massa che alla fine hanno portato alla cacciata del presidente e all’ingresso di leader più desiderosi che mai di portare l’Ucraina nell’ovile occidentale.

Negli anni che seguirono, la Russia prese la Crimea dall’Ucraina e scatenò una rivolta separatista nella regione orientale del Donbass.

Giovedì i leader dell’UE hanno anche convenuto di riconoscere la “prospettiva europea” di un’altra ex repubblica sovietica, la Georgia. Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha affermato che l’UE sarà pronta ad accettare il suo status di candidato una volta affrontate le “priorità in sospeso”.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, il cui Paese è da anni un convinto sostenitore delle aspirazioni europee dell’Ucraina, ha dichiarato su Twitter: “Questo è un grande momento per l’unità dell’Europa e la difesa dei suoi valori fondamentali. La lotta per la libertà continua”.

Il processo di adesione può essere lungo e arduo.

La Turchia ha presentato domanda di adesione nel 1987, ha ottenuto lo status di candidato nel 1999 e ha dovuto attendere fino al 2005 per avviare i colloqui per l’effettiva adesione. L’intero processo è bloccato a causa delle varie differenze tra l’Unione Europea e la Turchia.

Allo stesso modo, molti paesi balcanici hanno cercato per molti anni di aderire all’Unione europea.

Funzionari europei hanno affermato che l’Ucraina ha già adottato circa il 70% delle norme e degli standard dell’UE, ma hanno anche notato la necessità di altre misure di vasta portata.

READ  La Russia dice alla Lituania: i tuoi cittadini proveranno dolore a Kaliningrad

I leader hanno anche discusso del sostegno immediato all’Ucraina, dove la Commissione europea presenterà presto una proposta per concedere nuovi aiuti finanziari per 9 miliardi di euro.

Sul tavolo c’era anche la sicurezza alimentare, poiché hanno deciso di continuare a lavorare su soluzioni per aiutare l’Ucraina ad esportare grano e altre materie prime attraverso “corridoi di solidarietà”. Per aggirare il blocco russo dei porti del Mar Nero.

___

Segui la copertura dell’AP sulla guerra su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply