L’UE propone il divieto alle importazioni di petrolio russo, rimuove Sberbank da Swift

La presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen ha dichiarato mercoledì che le misure faranno parte di un sesto round di sanzioni contro la Russia nei confronti dell’Ucraina.

“Ora proponiamo la messa al bando del petrolio russo”, ha detto in un discorso al Parlamento europeo. “Sia chiaro: non è facile. Ma dobbiamo lavorarci. Per aumentare la pressione sulla Russia, dobbiamo garantire che la Russia espelle il petrolio in modo ordinato, minimizzando allo stesso tempo l’impatto sulle nostre stesse economie”.

La fornitura di petrolio greggio verrà gradualmente eliminata entro sei mesi e i prodotti petroliferi raffinati saranno importati entro la fine del 2022.

La notizia del piano, che necessita ancora dell’approvazione di tutti gli Stati membri dell’UE, ha spinto i prezzi del greggio al rialzo di oltre il 3,5%. Il Brent, il benchmark globale, veniva scambiato a circa $ 109 al barile, mentre i futures sul petrolio USA venivano scambiati a $ 106 al barile a 7,20 ET.

I prezzi del petrolio sono aumentati di circa il 40% dall’inizio di quest’anno a causa dei timori che l’invasione russa dell’Ucraina possa sconvolgere le forniture, innescare inflazione e mettere sotto pressione le economie europee.

I paesi dell’UE hanno già deciso di eliminare gradualmente Importazione di carbone russo Ma è stato molto difficile raggiungere un consenso sull’embargo petrolifero Nonostante settimane di colloqui. Si dice che la Slovacchia stia cercando un’eccezione e mercoledì l’Ungheria ha dichiarato di essere preoccupata per ciò che il piano significava per la sua sicurezza energetica.
“Non vediamo alcun piano o garanzia su come gestire un cambiamento sulla base delle proposte attuali e su come sarà garantita la sicurezza energetica dell’Ungheria”, ha affermato il portavoce del governo ungherese Solten Kovacs. Inserito su Twitter.

La Russia è il secondo esportatore mondiale di petrolio greggio, rappresentando il 27% delle importazioni di petrolio dell’UE lo scorso anno. Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia hanno già vietato le importazioni.

READ  Il crash del server Amazon causa problemi con Alexa, Ring, Disney Plus e Delivery

Tali sanzioni – e il divieto pratico imposto ad alcune raffinerie e commercianti di petrolio europei – hanno colpito i prezzi del petrolio russo. Rispetto a meno di 1 dollaro prima dell’invasione, il suo simbolo principale, il greggio degli Urali, è ora scambiato a 35 dollari al barile di sconto sul Brent.

Raffineria di petrolio PCK a Schwett, Germania, di proprietà di Rosneft, Russia.

Si dice che alcuni consumatori in Asia acquistino più petrolio russo, ma non abbastanza per compensare la perdita di acquirenti occidentali.

Gli analisti di Rystad Energy hanno scritto che “la capacità della Russia di rimpatriare tutti i suoi carichi indesiderati dall’Occidente all’Asia è bassa, il che significa che in caso di sanzioni, la Russia sarà costretta a tagliare ulteriormente la produzione a causa della mancanza di capacità di stoccaggio per ulteriori quantità di greggio .” Lunedì un rapporto di studio.

L'Europa ha acquistato energia russa per un valore di 46 miliardi di dollari dall'inizio della guerra in Ucraina

L’Agenzia internazionale per l’energia ha recentemente stimato che le forniture di petrolio della Russia diminuiranno di 1,5 milioni di barili al giorno ad aprile, con il calo della domanda, e che le perdite aumenteranno a 3 milioni di barili al giorno questo mese.

Ma l’aumento dei prezzi globali del petrolio e del gas naturale significa che Mosca continua a guadagnare ingenti somme di denaro dalle sue esportazioni di energia. Nonostante i tagli alla produzione di petrolio, Rystad stima che la Russia raccoglierà oltre 180 miliardi di dollari di entrate fiscali sull’energia quest’anno – il 45% entro il 2021.

Solitudine finanziaria

Le nazioni occidentali sono costantemente alla ricerca di altri modi per rendere più difficile per il presidente russo Vladimir Putin finanziare i suoi sforzi bellici. Van der Leyen ha affermato che l’UE propone la rimozione Sberbank (SBRCY)E due grandi banche, il sistema SWIFT, una rete sicura utilizzata da oltre 11.000 istituti finanziari per inviare messaggi e ordini di pagamento.
Sberbank è la banca più grande della Russia.

L’Associazione per le telecomunicazioni finanziarie tra banche globali con sede in Belgio deve rispettare le norme dell’UE. Senza alcuna alternativa accettata a livello globale, questo è un impianto idraulico essenziale per la finanza globale.

READ  Il lancio di un missile rivela la figlia di Kim Jong Un della Corea del Nord | Notizie sulle armi nucleari

“Abbiamo sistematicamente attaccato il sistema finanziario russo e le banche, che sono sistematicamente critiche nei confronti del potenziale distruttivo di Putin”, ha affermato Van der Leyen. “Ciò garantirà il completo isolamento del settore finanziario russo dal sistema globale”.

Anche tre importanti emittenti statali russe saranno bandite dalle onde radio in Europa.

– Anna Coupon e Julia Horowitz hanno contribuito a questo articolo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply