L’Ucraina impone sanzioni all’alto clero della chiesa filo-moscovita

(Reuters) – L’Ucraina ha imposto sanzioni a 10 alti sacerdoti legati a una chiesa pro-Mosca sulla base del fatto che hanno accettato di lavorare con le autorità di occupazione russe o hanno giustificato l’invasione di Mosca, hanno detto sabato i servizi di sicurezza.

L’annuncio è l’ultimo di una serie di passi contro il ramo ucraino della Chiesa ortodossa storicamente legato a Mosca. La stessa Chiesa ortodossa in Russia sostiene la guerra.

E i servizi di sicurezza hanno affermato, in una dichiarazione, che i dieci religiosi avevano concordato diversamente di cooperare con le autorità di occupazione, promosso narrazioni filo-russe e giustificato l’aggressione militare russa in Ucraina.

La maggior parte del clero – tutti membri o strettamente associati alla chiesa – vive in aree controllate dalla Russia o si trova all’estero, ha affermato il servizio.

“Il servizio di sicurezza dell’Ucraina continua a svolgere un lavoro completo sulla protezione dello stato ucraino e continuerà a smascherare le persone che minacciano la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina”, si legge nella dichiarazione.

La branca ucraina ha ufficialmente tagliato i rapporti con la Chiesa ortodossa russa lo scorso maggio, ma molti ucraini restano inaffidabili, accusandoli di collaborazionismo segreto con la Russia.

Le sanzioni, che dureranno cinque anni, congeleranno i beni di coloro che figurano nell’elenco, impediranno loro di esportare capitali dall’Ucraina e impediranno loro di possedere terreni.

I servizi di sicurezza hanno anche effettuato diversi raid nelle parrocchie e negli edifici associati alla chiesa, che si dice abbia sempre seguito le leggi ucraine.

I cristiani ortodossi costituiscono la maggioranza dei 43 milioni di ucraini. Dopo il crollo del dominio sovietico, la concorrenza è stata feroce tra la Chiesa associata a Mosca e la Chiesa autonoma dell’Ucraina, proclamata subito dopo l’indipendenza.

READ  Il consigliere di lunga data di Viktor Orban si dimette per "puro discorso nazista" | Ungheria

(Segnalazione di David Leungren). Montaggio di Sandra Mahler

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply