L’Ucraina afferma di aver danneggiato una nave russa e sta cercando di evacuare i combattenti Mariupol feriti

  • L’Ucraina afferma di aver danneggiato una nave da rifornimento russa nel Mar Nero
  • I parenti dei combattenti di Mariupol chiedono il loro salvataggio
  • La Finlandia vuole sicurezza dopo l’invasione russa dell’Ucraina
  • La Svezia si aspettava di seguire l’esempio nel tentativo di aderire all’alleanza

KHARKIV, Ucraina (Reuters) – L’Ucraina ha dichiarato di aver danneggiato una nave logistica della marina russa vicino a Snake Island, un piccolo ma strategico avamposto nel Mar Nero, mentre i parenti dei soldati ucraini rintanati nelle acciaierie assediate a Mariupol hanno chiesto i loro danni. salvato.

Secondo alcuni funzionari della difesa, i rinnovati combattimenti intorno a Snake Island negli ultimi giorni potrebbero diventare una battaglia per il controllo della costa occidentale del Mar Nero, mentre le forze russe lottano per fare progressi nell’Ucraina settentrionale e orientale.

“Grazie alle azioni dei nostri marinai navali, la nave appoggio Vsevolod Bobrov – una delle più recenti della flotta russa – ha preso fuoco”, ha affermato Serhiy Prachuk, portavoce dell’amministrazione militare regionale di Odessa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente i dettagli. Il ministero della Difesa russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Le immagini satellitari fornite dalla compagnia privata statunitense Maxar hanno mostrato gli effetti di quelli che si diceva fossero possibili attacchi missilistici su una nave da sbarco russa di classe Sirna vicino all’isola, vicino al confine marittimo dell’Ucraina con la Romania.

Le foto mostravano anche i recenti danni agli edifici dell’isola, nota per l’odiosa sfida dei difensori ucraini all’inizio dell’invasione. Leggi di più

READ  Le azioni globali scendono con l'attacco della Russia all'Ucraina

La Russia ha affrontato ulteriori battute d’arresto sul campo di battaglia quando l’Ucraina ha espulso le sue forze dall’area intorno a Kharkiv, la sua seconda città più grande, l’avanzata più rapida da quando le forze del Cremlino sono state costrette a lasciare Kiev e il nord-est più di un mese fa.

I giornalisti di Reuters hanno confermato che l’Ucraina ora controlla un’area che si estende fino al fiume Seversky Donets, a circa 40 chilometri a est di Kharkiv.

Il filmato rilasciato dall’Airborne Forces Command dell’Ucraina mostrava diversi veicoli militari in fiamme e parte del ponte sembrava distrutto e parzialmente sommerso nel fiume.

Le autorità regionali hanno riferito che continui attacchi missilistici intorno a Poltava e bombardamenti su Dergach vicino a Kharkiv, provocando la morte di due persone.

Nella capitale, Kiev, le mogli ei parenti dei combattenti ucraini nascosti nell’acciaieria Azovstal nel porto meridionale di Mariupol hanno marciato e gridato per il loro salvataggio. Le forze russe stavano bombardando le acciaierie, l’ultima roccaforte dei difensori ucraini in una città quasi interamente controllata dalla Russia dopo un assedio durato più di due mesi.

“Voglio che tutti i difensori che sono lì tornino a casa in modo che possano vivere una vita normale con i loro figli e parenti”, ha detto Maria Zimareva, il cui fratello lavora nelle acciaierie. “Se lo sono guadagnato. Perché gli altri possono camminare per le strade con i loro cari quando non possono? Perché nessuno li aiuta?”

Kiev ha detto che stava lavorando per salvare i soldati, molti dei quali sono rimasti gravemente feriti.

“Abbiamo avviato un nuovo ciclo di negoziati su una tabella di marcia per l’operazione (di evacuazione). Inizieremo con i feriti gravi”, ha detto a 1+1 TV il vice primo ministro Irina Vereshuk.

READ  Casi Covid-19, test e novità Omicron: aggiornamenti in tempo reale

Espansione della NATO

Mentre i combattimenti continuano in tutto il paese, le più ampie mosse diplomatiche hanno aumentato la pressione sul presidente russo Vladimir Putin.

Il piano della Finlandia di richiedere l’adesione alla NATO, annunciato giovedì, e le aspettative che la Svezia seguirà, amplieranno l’alleanza militare occidentale che Putin ha cercato di bloccare.

Abbandonare la neutralità che hanno mantenuto durante la Guerra Fredda sarebbe uno dei più grandi cambiamenti nella sicurezza europea degli ultimi decenni.

Mosca ha definito ostile la dichiarazione della Finlandia e ha minacciato ritorsioni, comprese misure “tecniche militari” non specificate.

“Helsinki deve essere consapevole della responsabilità e delle conseguenze di una tale mossa”, ha affermato il ministero degli Esteri.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha affermato che i finlandesi avrebbero “accolto calorosamente” e hanno promesso un processo di adesione “semplice e veloce”. Leggi di più

La Casa Bianca ha sostenuto una tale mossa.

“Sosterremo la richiesta della NATO dalla Finlandia e/o dalla Svezia se faranno domanda”, ha affermato il segretario stampa Jen Psaki.

Il confine finlandese di 1.300 km (800 miglia) raddoppierà la lunghezza del confine tra la coalizione guidata dagli Stati Uniti e la Russia, mettendo le guardie della NATO a poche ore di auto dalla periferia settentrionale di San Pietroburgo.

Putin ha citato la potenziale espansione della NATO come uno dei motivi principali per il lancio di quella che ha definito una “operazione militare speciale” in Ucraina a febbraio.

Giovedì ha visto anche un’escalation delle controversie sulle forniture energetiche russe all’Europa, che rimane la più grande fonte di finanziamento di Mosca e il più grande esportatore di calore ed elettricità d’Europa.

READ  Il petrolio si assesta sulla forza del distillato, preoccupazioni sull'offerta

Mosca ha detto che interromperà il flusso di gas verso la Germania attraverso il gasdotto principale sulla Polonia, mentre Kiev ha detto che non riaprirà un gasdotto che aveva chiuso questa settimana a meno che non avesse ripreso il controllo delle aree dai combattenti filo-russi. I prezzi del gas sono aumentati in Europa. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Lincoln Fest e Stephen Coates; Montaggio di Simon Cameron-Moore

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply