L’ossessione per Twitter di Elon Musk non è la ragione principale del declino delle azioni di Tesla


New York
Cnn

È emerso un malinteso comune su Elon Musk e Tesla: la storia d’amore del miliardario con Twitter è il motivo principale per cui le azioni Tesla hanno perso così tanto quest’anno. Ma la forte svendita di azioni Tesla di questa settimana ha dimostrato che i problemi dell’azienda automobilistica di Musk vanno oltre Twitter.

Anche se Musk ha indicato che potrebbe rinunciare al suo titolo di CEO di Twitter, gli investitori si sono preoccupati che le prospettive di vendite e guadagni di Tesla stiano andando al peggio. Segno di domanda debole: Tesla annuncia una vendita rara. La società ha offerto due sconti agli acquirenti che ricevono un veicolo entro la fine dell’anno, offrendo inizialmente uno sconto di $ 3.750 all’inizio di questo mese. Quindi Tesla ha raddoppiato lo sconto a $ 7.500 giovedì.

Dan Ives, un analista tecnico di Wedbush Securities e un toro di Tesla che venerdì ha tagliato il suo obiettivo di prezzo per il titolo, ha detto venerdì, da $ 250 a $ 175. “I tagli di prezzo messi in atto da Tesla sono stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso sul titolo”.

Un altro motivo per l’affondamento delle azioni di Tesla: L’economia americana può verso la recessione L’anno prossimo, danneggiando le vendite di auto. Musk ha detto giovedì in una chiamata di Twitter Spaces che si aspetta che l’economia sarà in una “grave recessione” nel 2023.

“Penso che ci sarà un dramma generale più alto di quanto la gente pensi attualmente”, ha detto, secondo Reuters, aggiungendo che le case e le auto sarebbero influenzate in modo sproporzionato dalle condizioni economiche.

Parte del problema con il prezzo delle azioni di Tesla è che i critici si chiedono se ne valga la pena Valutazione da trilioni di dollari Era all’inizio dell’anno. Al suo apice, Tesla valeva più delle 12 case automobilistiche del pianeta messe insieme, nonostante possedesse solo una frazione delle vendite di ognuna di esse. Oggi vale 399 miliardi di dollari.

“Ha superato se stesso nel breve termine”, ha detto Gene Munster di Loup Ventures, un fan di Tesla. “Continuo a pensare che questa potrebbe essere un’azienda molto più grande. Penso che vedrà di nuovo quel tipo di numeri. Ma potrebbe volerci molto tempo per arrivarci”.

READ  Bank of Canada QT: asset in calo del 24% dal picco. Perdite crescenti sulle obbligazioni, i canadesi pagano

Le prospettive di crescita di Tesla, un obiettivo di crescita annuale delle vendite del 50%, hanno contribuito a guidare tale valutazione. E ha concordato in ottobre che lo avrebbe fatto Manca questo obiettivo di vendita per quest’anno.

L’ascesa del titolo ad altezze vertiginose – in rialzo del 743% solo nel 2020 – è stata alimentata dalla reputazione di Musk come un genio che avrebbe sconvolto l’enorme industria automobilistica globale.

“Tesla era vista come un’azienda tecnologica dirompente, non un produttore di automobili, e una buona parte di quel premio è legata a Musk”, ha detto Ives.

I critici di Tesla hanno affermato che gran parte della sua alta valutazione si basava sulle promesse fatte da Musk sui prodotti futuri, molte delle quali sono arrivate anni dopo la promessa iniziale.

Un buon esempio di questo è il Cybertruck, il camioncino di Tesla, Svelato per la prima volta tre anni fa con la promessa che la produzione sarebbe iniziata nel 2021. Ora la produzione dovrebbe iniziare il prossimo anno, con un aumento della produzione nel 2024, mettendola dietro altre offerte di pickup elettrici da roccaforte e un nuovo produttore di veicoli elettrici Rivianoed entrambi hanno furgoni elettrici disponibili per l’acquisto oggi. Può anche tenere traccia delle offerte di pick-up elettriche pianificate da GM.

“Elon Musk ha un problema patologico con la verità”, ha detto Gordon Johnson, uno dei maggiori critici di Tesla tra gli analisti. “Quando la gente dice che è un genio e un innovatore, si basa su tutte le sue promesse che non mantiene mai”.

Johnson ha affermato che le azioni Tesla vedranno un calo ancora più ripido, una volta che inizierà a valutarle come altre case automobilistiche piuttosto che mantenere le loro promesse. Affinché Tesla raggiunga i suoi obiettivi di crescita, ha affermato, ha bisogno di costruire nuovi stabilimenti quasi ogni anno, ma i nuovi stabilimenti in Germania e Texas aperti in primavera non funzionano ancora a pieno regime. Ha detto che la sua fabbrica in Cina ha dovuto ridurre la produzione a causa delle deboli vendite sul mercato a causa delle restrizioni di Covid.

READ  Il titolo di Rivian è in calo. Il produttore di veicoli elettrici è arrivato in breve dappertutto.

“La domanda è crollata negli Stati Uniti”, ha detto. “Due mesi fa, il tempo di attesa era di due o tre mesi. Ora puoi averne subito uno. Costruiranno più auto di quelle che venderanno per il terzo trimestre consecutivo. È la definizione di sovraccapacità”.

Tesla rimane il più grande produttore di veicoli elettrici in tutto il mondo, anche se quel titolo è stato contestato in alcuni mercati chiave, da Volkswagen in Europa e BYD in Cina. E più concorrenza viene da case automobilistiche famose come Ford e GM.

Questo non vuol dire che Twitter non abbia avuto alcun ruolo nel crollo del prezzo delle azioni di Tesla quest’anno: le azioni di Tesla hanno perso il 66% del loro valore dai tempi di Musk. Presta attenzione a Twitter È stato rivelato per la prima volta ad aprile, con un calo del 45% da allora chiuso l’affare a fine ottobre.

Gli investitori sono rimasti delusi dal fatto che Musk sembrasse ripagare gran parte del suo acquisto di Twitter da 44 miliardi di dollari vendendo azioni Tesla. Musk, il maggiore azionista di Tesla, lei ha Ha venduto azioni Tesla per un valore di 23 miliardi di dollari Da quando il suo interesse per Twitter è diventato pubblico ad aprile.

Nella chiamata di Twitter Spaces di giovedì, Musk ha promesso di aver finito di vendere azioni di Tesla almeno fino al 2024, se non oltre. Ma non è stato all’altezza del livello precedente Promessa ad aprile Ha finito di vendere azioni Tesla e da allora ha venduto 14,4 miliardi di dollari di quelle azioni.

“Era la posizione di Pinocchio per Musk dire che ha smesso di vendere azioni. Gli investitori vogliono vederlo andare avanti e non solo parlare”, ha detto Ives.

READ  Goldman taglierà migliaia di dipendenti mentre i licenziamenti si intensificano a Wall Street

Un altro fattore di Twitter: Musk si è nominato CEO di Twitter, la terza grande azienda che guida, insieme a Tesla e SpaceX. Pertanto, molte persone presumevano che la perdita di concentrazione di Musk su Tesla avesse spaventato i suoi ex fan a Wall Street.

Ma questa settimana è iniziata con la corsa di Musk votazione – Su Twitter, ovviamente – chiede se dovrebbe Abbandona la posizione di amministratore delegato Nel suo gioco sui social. Ha promesso di rispettare il risultato e il 57,5% di coloro che hanno votato ha dichiarato di volere che se ne andasse.

Questa partenza potrebbe richiedere del tempo, ha twittato Musk si dimetterà “Non appena trovo qualcuno così sciocco da accettare il lavoro!” Lo stesso tweet ha avvertito che anche se avesse rinunciato alla posizione di CEO su Twitter, non si sarebbe dimesso del tutto, dicendo che ha intenzione di “gestire i team software e server” dopo aver trovato un nuovo “idiota” come CEO.

I risultati del sondaggio di domenica in ritardo sono stati sufficienti per sollevare le azioni Tesla nelle prime contrattazioni di lunedì, ma le azioni hanno chiuso la giornata leggermente al ribasso, perdendo molto più terreno ogni giorno da allora. Le azioni Tesla sono scese del 9% giovedì, chiudendo la settimana in calo del 18% dopo un altro calo del 2% venerdì.

Poi c’è la questione di quanti danni ha fatto la debacle di Twitter al marchio Tesla. Musk ha licenziato migliaia di dipendenti e bandito i giornalisti finché lo consente Donald Trump E altri account online precedentemente vietati Il processo al dottor Anthony Fauciabbracciato Teorie cospirazioniste Ha fatto dichiarazioni anti-trans durante il suo breve mandato come CEO.

Potrebbe averlo reso caro ad alcuni, ma ha fatto arrabbiare altri potenziali acquirenti, compresi i liberali che potrebbero essere disposti a pagare un premio per un’auto più ecologica.

“Penso che sia stato un danno misurabile”, ha detto Munster, che crede che la pubblicità durante il suo periodo su Twitter sia costata a Tesla il 5% delle sue vendite.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply