L’Oceano Pacifico è destinato a scomparire mentre i continenti della Terra si fondono in un nuovo supercontinente: ScienceAlert

I giorni del Pacifico sono contati, secondo una nuova gigantesca simulazione al computer delle placche tettoniche permanentemente alla deriva della Terra.

Le buone notizie? L’oceano più antico del nostro pianeta ha ancora altri 300 milioni di anni da percorrere. Se l’Oceano Pacifico è fortunato, potrebbe festeggiare il suo miliardesimo compleanno prima di uscire definitivamente dall’esistenza.

Ma i ricercatori della Curtin University in Australia pensano che probabilmente inghiottirà l’oceano prima.

Negli ultimi anni della sua vita, l’Oceano Pacifico non assomiglierebbe alla vasta distesa blu come oggi. Ogni anno, l’oceano si restringe di qualche centimetro, come fa da quando era un superoceano che circondava l’ultimo continente gigante di Pangea.

Questo antico oceano ospita molte zone di subduzione. Le placche tettoniche si scontrano in alcuni punti e si riversano l’una sull’altra. Colloquialmente conosciuti come “l’Anello di fuoco”, questi siti nell’Oceano Pacifico si comportano all’incirca come gli scarichi delle vasche da bagno sul fondo dell’oceano.

Ogni anno, alcuni centimetri della placca del Pacifico scivolano sotto la placca eurasiatica e la placca indo-australiana, facendo crollare la distanza tra il Nord America, l’Asia e l’Australia.

Non tutti gli studiosi sono d’accordo Su come sarà il prossimo supercontinente o su come si formerà, ma in molte simulazioni l’Oceano Pacifico è condannato.

Mentre alcuni studi suggeriscono che l’Oceano Atlantico, che si sta espandendo oggi, potrebbe iniziare a ridursi in futuro, creando così un subcontinente circondato da un supercontinente Oceano Pacifico, i ricercatori della Curtin University non sono d’accordo.

piuttosto che un altro continente simile a Pangea (aka Pangea prossima) formazione, Sostengono che il mondo si sta dirigendo verso a Viene chiamato il subcontinente in cui il Nord America si scontra con l’Asia Amasia.

READ  Cosa rende questa creatura quasi invincibile? I biologi hanno acquisito una nuova visione

La povera Australia è esclusa dal nome di questa “coppia carina”, ma nei modelli geodinamici 4D, il continente dell’emisfero australe sembra svolgere un ruolo importante nel collegare il resto del Pacifico.

frame limite = “0″ allow=” accelerometro; avvio automatico; scrittura negli appunti. supporti codificati con giroscopio; Picture-in-Picture “allowfullscreen>

Recenti simulazioni di ricercatori in Australia si basano su parametri realistici di piastre e mantello del presente e del passato, che sono stati poi utilizzati da un supercomputer per prevedere il futuro.

“Negli ultimi 2 miliardi di anni, i continenti della Terra si sono scontrati insieme per formare un supercontinente ogni 600 milioni di anni, noto come il ciclo del supercontinente”, Dice Scienziato della Terra e autore principale, Chuan Huang.

“Simulando l’evoluzione delle placche tettoniche della Terra utilizzando un supercomputer, siamo stati in grado di dimostrare che in meno di 300 milioni di anni, l’Oceano Pacifico probabilmente si chiuderà, consentendo la formazione di Amasia, sfatando alcune precedenti teorie scientifiche”.

a differenza di Alcune altre simulazioni di supercontinentiquesto nuovo indica che l’Oceano Pacifico, non l’Atlantico oi Caraibi, sarà distrutto quando si formerà Amasia.

Nel modello attuale, Amasia appare quando l’Oceano Pacifico si chiude a causa dell’indebolimento dello strato superiore della crosta oceanica.

“La Terra come la conosciamo sarà significativamente diversa quando si formerà Amasia. Si prevede che il livello del mare sarà più basso e il vasto interno del supercontinente sarà estremamente secco con temperature giornaliere in aumento”. Dice Il geologo Cheng Xiang Li.

Ma questo è solo l’ultimo studio di una lunga serie di simulazioni di supercontinenti, che hanno tutti tentato di prevedere come sarà il nostro pianeta in futuro.

READ  Un misterioso segnale radio dallo spazio profondo che fa lampeggiare la Terra 2.000 volte in due mesi: il Sole americano

È improbabile che un altro modello metta fine alla controversia, ma questo non è l’unico modello che prevede la fine del Pacifico.

In uno scenario in cui chiamava un super continente Novobanga Le Americhe entrano in collisione con l’Antartide prima che entri in collisione con l’Eurasia e l’Africa. Questo attraversa il Pacifico in modo diverso ma con risultati simili.

In un altro scenario di supercontinente, chiamato Eurekasia l’Oceano Pacifico che l’Oceano Atlantico sono per sempre vicini e al loro posto sta emergendo un nuovo bacino oceanico.

Qualunque sia il risultato, una cosa è certa: la Terra ei suoi oceani non saranno mai più gli stessi.

Lo studio è stato pubblicato in Rassegna scientifica nazionale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply