Lo svedese Marcus Eriksen vince la 500 Miglia di Indianapolis, Chip Kanazi vince la corona per le corse

Indianapolis – Marcus Eriksen ha dovuto lasciare la Formula 1 e diventare una superstar mondiale – il pilota svedese ha raggiunto questo obiettivo vincendo la 500 Miglia di Indianapolis domenica.

Ericsson ha controllato la gara in ritardo – principalmente a causa della veloce penalità del compagno di squadra Scott Dixon – e Chip aveva il controllo della Kanazi Racing, a quattro giri dalla fine, fino a quando il compagno di squadra Jimmy Johnson è caduto fino a quando non ha fermato una rara bandiera rossa all’Indianapolis Motor. Autostrada.

IndyCar è una delle forme più pure di sport motoristici e raramente fa allarmi artificiali o fermate che possono cambiare la fine. Ma la folla di oltre 300.000 persone – poche migliaia in meno rispetto alle vendite e il più grande evento sportivo dall’inizio dell’epidemia – ruggì mentre le auto IndyCar sbattevano contro la strada.

La sosta ha dato a Pato O’Ward e al resto degli sfidanti circa 12 minuti sulla strada sterrata per elaborare una strategia su come catturare Ericsson per la vittoria.

La gara è ripresa con due round rimanenti ed Eriksen ha ottenuto facilmente il salto a O’Ward. Il messicano ha dato un’ultima occhiata al fronte difeso da Ericsson e O’Ward sapeva di non forzare la questione.

“No, mi metterà al muro se ci provo”, ha detto O’Ward.

Un incidente in cui la mano di Sage di nuovo nel traffico ha rivelato un avvertimento nell’ultimo giro, ed Ericsson ha raggiunto il podio della vittoria in giallo. Karam è stato portato in ospedale per valutare il dolore muscolare.

Secondo Ericsson, questo è il suo terzo successo in IndyCar in 52 carriere. Queste sono state tutte e tre le bizzarre vittorie in cui Ericsson ha suggellato la vittoria dopo lo stop della bandiera rossa, ma non ha mai pensato di vincere la Indy 500 mentre si sedeva nell’abitacolo per tornare a correre.

READ  Peng Shuai: Il leader WTA afferma che il nuovo video della star del tennis cinese non è sufficiente per garantire la sua sicurezza

“Non potevi prendere nulla casualmente, e c’erano pieghe da fare”, ha detto Erickson. “Stavo pregando così tanto, non sarebbe stato giallo, sapevo che forse sarebbe successo qualcosa ed era difficile concentrarsi”.

Ma lo ha fatto, e ha avuto il più grande successo della sua vita. Ericsson non ha vinto in F1 per cinque stagioni prima di partire per gli Stati Uniti e passare al North American Open Wheel Racing.

Questa è la quinta vittoria indie 500 per il proprietario del team Chip Kanasi, che è salito sul podio della vittoria al fianco dell’auto di Ericsson. Ericsson è diventato il secondo svedese a vincere la Indy 500 in 106 run, insieme al vincitore del 1999 Kenny Brock.

Eriksson si è versato il latte in faccia e poi ha dato la bottiglia a Kanasi, così il capo ha bevuto il suo sorso. Kanazi non ha vinto 500 in 10 anni e ha inviato cinque contendenti regolari nelle Indie per porre fine alla siccità.

La vittoria sembrava appartenere al sei volte campione Indigo Dixon, che ha percorso oltre 234 miglia e si è qualificato per vincere la pole. Il neozelandese ha condotto 95 giri in 200 over domenica, e la sua Honda è stata la più veloce in campo – Dixon non ha rallentato abbastanza all’ultima sosta. Il rigore lo ha buttato fuori dalla partita per la vittoria.

Ciò ha lasciato Ericsson e Tony Canaan in una lotta per ancora più Kanazi. Il 47enne Cannon, il pilota più anziano in campo, si è seduto quarto alla ripartenza e pensava di essere nella posizione giusta per la vittoria.

READ  Boris Johnson promette nuovi aiuti militari all'Ucraina dopo la visita a sorpresa del primo ministro britannico

O’Ward non si scoraggerà. Venerdì ha firmato un’estensione del contratto con Arrow McLaren SP e gli ha augurato successo. Ma ha preso il secondo posto e ha fallito perché ha cercato di celebrare il suo paese in uno striscione nel giorno più importante degli sport motoristici; Il messicano Sergio Perez ha iniziato domenica con una vittoria al Gran Premio di Monaco.

Cannon ha preso il terzo posto con la vettura Kanazi, seguito da un altro svedese, Felix Rosenquist, al quarto posto con la McLaren. Rosenquist ha un contratto con la McLaren e combatte per il suo lavoro.

I piloti americani Alexander Rossi e Connor Daley sono arrivati ​​​​quinto e sesto e Rosie e Ed Carpenter Daley hanno corso per l’Andrei Autosport.

Il vincitore dell’anno scorso, Helio Castronovs, è arrivato settimo ed è stato un posto davanti a Simon Beganat del sindaco Shank Racing. Il campione in carica Indigo Alex Palo è arrivato 10° con un’altra voce di Kanasi.

Dixon è sceso al 21° posto dopo una penalità e, sebbene abbia visitato Eriksen sul podio della vittoria, sua moglie lo ha confortato sulla strada sterrata dopo la gara. Johnson si è classificato 28 ° al suo debutto in Indy500.

“È una squadra, tutti hanno radici, tutti lavorano insieme, tutti sono un libro aperto”, ha detto Kanasi. “Le cose ti accadranno in queste gare di 500 miglia e non ti cadranno mai. Quindi sai che siamo fortunati ad avere cinque buone macchine e cinque buoni piloti”.

I piloti Honda hanno preso sei dei primi nove posti, incluso il vincitore.

“Spero che siamo qui per i fan. Stiamo ascoltando i fan”, ha detto Cannon. “Sono venuti qui per vedere una gara. Questa è la chiamata giusta. L’unico motivo per cui il controllo di gara l’ha chiamato, penso che la gente voglia vederlo. Se sono in tribuna, voglio vedere una gara. Finisci sotto il green. “

READ  Kanye West ha seppellito il personaggio di Pete Davidson nel video musicale "Easy".

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply